La manicure di primavera? È la Pom Pom Nails!

<

Se esistesse un premio per le tendenze beauty più assurde, quello delle pom pom nails lo vincerebbe di sicuro. Ditemi voi come si può pensare di andare in giro con degli ingombranti pom pom attaccati alle unghie e non sentirsi un tantino ridicole.

Apprezziamo sempre l’originalità, ma facciamo davvero fatica a credere che una tendenza del genere possa trovare terreno fertile tra le appassionate. Eppure sui social, soprattutto su Instagram, ci sono tante ragazze, soprattutto Corea del Sud che pubblicano le foto di questa insolita manicure riscuotendo grandi consensi tra i follower.

Di certo, se cederete al trend non rischierete di passare inosservate.

Leggi anche: Furry Nails: l’assurda tendenza delle unghie pelose alla NY fashion week
pom pom nails


Continue reading

Furry Nails: l’assurda tendenza delle unghie pelose alla NY fashion week

In materia di bellezza se ne vedono di cose strane e di tendenze che sfiorano l’assurdo, ma questa le supera tutte: un po’ per stupire, un po’ (forse) per lanciare un trend, Jan Arnold, direttore di CND nail polish, noto brand cosmetico d’oltreoceano, ha fatto sfilare le modelle sulla passerella del marchio Libertine fall/winter 2016 con una manicure decisamente “wild”, ossia con le unghie ricoperte da pelo finto.127

Per ottenerle ha utilizzato uno smalto speciale, il Vinylux Weekly Polish, sopra il quale ha applicato ciuffetti di pelo: il risultato è assurdo, bizzarro…e speriamo resti solo un eccesso da fashion week!

furry nails Continue reading

Tonymoly, cosmetici efficaci dalla Corea del Sud

Questi in foto non sono giocattoli, né soprammobili, ma una nuova frontiera della cosmetica che dista anni luce da quello a cui siamo abituate. Il brand è originario della Corea del Sud, terra sovrana della skincare perfetta, e si chiama Tonymoly. Alcuni dei suoi prodotti, quelli dal packaging più giocoso e strano, sono in vendita su Cultbeauty, un sito inglese. L’ultimo trend in America e Inghilterra, infatti, prevede la venerazione totale della routine di cura del viso e del make up delle ragazze sud coreane: pelle perfetta, colori naturali e step ripetuti con dedizione ogni giorno. I concetti chiave della skincare coreana, in breve: – Pulizia doppia con detergenti mai aggressivi (balsamo, latte o olio detergente) – Esfoliazione regolare una volta a settimana – Un buon tonico acido – crema contorno occhi – idratazione – maschere per il viso, una o due volta alla settimana – protezione solare sempre presente Per cui per emulare i loro riti della pelle bella è sufficiente cominciare con cose semplici: 1 mai dimenticare di struccarsi 2 niente detergenti schiumogeni aggressivi 3 usate buone maschere per il viso 4 idratare con generosità All’insegna di questi consigli vi presento i primi due prodotti Tonymoly che ho provato. Non vi mentirò dicendo che non li ho scelti per il loro packaging: li avete visti? Una mela e un fungo, non sarebbe già una ragione sufficiente per acquistarli? La mela è una crema per le mani ricca, ma non troppo, dall’intenso profumo di mela, ma niente di artificiale o sintetico, sembra davvero di avere purea di mele sulle mani. Non ha un INCI totalmente verde, ci sono i siliconi, ma per metà sono ingredienti realmente idratanti per cui le mani ne beneficiano davvero. Potete trovare l’elenco preciso nella scheda prodotto su Cult Beauty, a meno che non conosciate il coreano. Il fungo, invece, è una maschera per il viso purificante al profumo di cioccolato, con un tocco alcolico aggiungerei io. Questa maschera si stende sulla pelle del viso pulita e asciutta, insistendo sulle zone con imperfezioni e pori dilatati. Tenetela su tra i 12 e i 15 minuti, si asciuga molto e tira un po’, quindi se avete la pelle particolarmente sensibile o reattiva diminuite il tempo di posa. Scaduto il tempo toglietela con un panno morbido e umido. Gli effetti purificanti sono subito evidenti e, se usata con regolarità senza esagerare, diventa un buon momento di pulizia profonda per il viso. Anche in questo caso gli ingredienti sono elencanti nella scheda prodotto di Cult beauty. Potete acquistare questi prodotti Tony Moly su Cult Beauty, tra panda/creme contorno occhi e ciliegie/balsamo labbra. Prossimamente, su Cosebelle, vi parliamo delle maschere in tessuto Tony Moly e ne vedremo delle belle.

Continued here: 

Tonymoly, cosmetici efficaci dalla Corea del Sud

Cornrow Hair Trend: le treccine afro che proveremo tutte questa primavera

Cornrow Hair Trend

I Cornrow Hair, le treccine ispirate alla cultura afro e tribale, hanno fatto la loro ri-comparsa sulla passerella Valentino della primavera-estate 2016, non senza polemiche di chi ha ritenuto che prendere in prestito un simbolo della cultura afro e portarla in una sfilata dove il 98% delle modelle non ero di colore fosse una scelta inappropriata e, nonostante ciò, già dalle prime immagini circolate sul web era chiaro che l’avremmo rivista.

A confermarne la presenza fra gli hair trend del 2016 sono Kendal Jenner, Hailey Baldwin ed il fidanzato Justin Bieber… prima di loro già Cara Delevingne e Carmen Electra avevano sperimentato lo styling dando prova del suo allure chic, se ben abbinato. Pensando ad abiti svolazzanti, tessuti leggeri (ed il caldo, non dimentichiamo il caldo), l’idea di qualche treccina laterale o il look più wild che raccoglie i capelli in più torchon o micro trecce stuzzica non poco e c’è da aspettarsi che tutte proveremo almeno una volta questa acconciatura. Continue reading

Broux, il nuovo trend in fatto di capelli è un mix tra rosso e castano

broux_1

Dopo essere impazzite per riuscire a far capire al parrucchiere cosa intendessimo per Bronde, ecco che arriva un altro trend in fatto di capelli e colorazione: si chiama Broux e non è altro che un mix tra rosso e castano.

Facile a dirsi ma meno facile realizzarlo se non si è esperte coloriste, sì perchè non si tratta di mescolare semplicemente i due colori ma di equilibrarne le sfumature per un risultato caldo che fa risaltare i lineamenti e l’ incarnato.

broux3

broux_2Ideale per chi parte da una base castana o comunque scura perchè bastano dei riflessi realizzati ad hoc a partire da metà lunghezze, un po’ come si fa con la tecnica del celebre shatush, ottenendo così varie sfumature che illuminano la chioma per un risultato finale estremamente naturale.
Continue reading