Prendi un vestito arancione

moda-inverno-2017

Vesto sempre di nero, non amo particolarmente le sfumature calde e decise. Preferisco da sempre il black & white. Unica eccezione: il rosa cipria che trovo così delicato, come tutte le tonalità pastello. Mi piacciono, però, gli abiti che raccontano qualcosa di bello. Hai presente quando trovi un vestito che non è assolutamente nel tuo stile ma al primo sguardo noti un dettaglio che ti fa pensare «Ma sai? Lo indosserei»? Un po’ come gli uomini: sta pur certa che perderai la testa per quello opposto dalla tipologia che credi ti piaccia da sempre. Succede sempre così, è nella storia dei secoli. Sono le proiezioni e le aspettative che creiamo i più grandi ostacoli ma – paradossalmente -anche il confine che permette di sorprenderti. Tutto questo per dirvi che non amo l’arancione ma questo abito semplicemente lo adoro. E tutti i grandi amori cominciano così: per caso.

Qualche volta è bello anche andare al di là dei confini e giocare un po’ con noi stesse.
E perciò prendi un vestito arancione, divertiti e lasciati andare.

fashion-blogger-outfit

Abito: Jessica Buurman per la moda inverno 2017

marti marti-1

moda-inverno-2017-look moda-inverno-2017-look-1 outfit-invernali-moda-2017 outfit-invernali-moda-2017-1

L’articolo Prendi un vestito arancione sembra essere il primo su Glamour Marmalade.

16 cose che abbiamo imparato con i 30 anni

Chi pensa che a 20 anni si fanno delle cazzate, non avete idea di quello che si riesca a fare ai 30 anni.

30-anni-cose-imparate

1. Se ti lascia, non è più così tragica. Lo si fa con dignità, non si pensa più che sia la fine del mondo come a 20 anni in fiumi di lacrime. Tanto, hai imparato, che la teoria è sempre e solo una: prima o poi tornano sempre. Quindi si aspetta, del resto la vendetta è un piatto che va servito freddo.
2. Non hai più 8mila amici per le serate, ma sono rimaste tre o quattro (quelle vere).
3. Hai imparato a camminare con i tacchi. E, in caso contrario, pianelle tutta la vita.
4. Puoi avere un toy-boy che abbia finito le superiori e che non vada alle elementari.
5. Non segui più le mode e le tendenze. Questo significa: andare a una festa e non trovarsi vestita simile al 90% di ragazze intorno a te.
6. Hai capito come funziona l’universo maschile: “Calcio, calcetto, fantacalcio”. Perciò hai imparato la regola del fuorigioco: conoscere il nemico fa sempre comodo. E lo abbiamo anche messo in pratica: se un uomo parte a mille con 8mila chiamate e messaggi della buonanotte subito, insomma prima che tu abbia lanciato ogni segnale, per poi perdersi e farsi sentire ogni tanto con il dubbio di chiamare Chi l’ha visto?, lascialo andare. Tanto non segna.

30-anni-cose-che-ho-imparato
7. Abbiamo imparato anche a scappare da quegli uomini che si sono lasciati da poco, puzzano di ex.
8. Pensi che l’amore esista, ma anche del buon sesso (senza amore, ovvio).
9. Ormai hai provato di tutto: dal caschetto al taglio corto, dai boccoli al mosso, dal make up dai colori più impensati, e finalmente hai capito lo stile che ti valorizza di più.
10. Abbiamo imparato a raccontarci storie così credibili per superare le delusioni che meriteremmo l’Oscar alla regia.
11. Il più bello degli amori è sempre l’ultimo.
12. Se prendiamo un chilo in più, non smettiamo di mangiare: vestiamo di nero, e continuiamo a mangiare.
13. Non per forza si deve uscire per divertirsi, essere nei posti più chic. Basta un divano, un bicchiere di vino, la migliore amica e un film che puntualmente non si guarda per perdersi in chiacchiere per fare serata.
14. Sappiamo la differenza tra giusto e sbagliato. A 20 anni no, sbagli. A 30 lo fai consapevolmente.
15. La puntualità non è il nostro forte: la scusa è sempre il lavoro, no?
16. E soprattutto: le 20enni saranno pure più fighe, ma subito dopo il pensiero è: “Venite avanti, tanto prima o poi i 30 anni toccano a tutte. Voglio vedere come ci arrivate voi”.

L’articolo 16 cose che abbiamo imparato con i 30 anni sembra essere il primo su Glamour Marmalade.

Cura dei capelli: 5 ossessioni dell’estate

capelli-lunghi-estate-101

I capelli. In estate la nostra ossessione. Li vogliamo belli, lucenti e perchè no? Naturali in stile Gisele Bündchen, tanto per dirne una. 

Le mie 5 ossessioni?
1. Naturalezza
2. Stile Californiano
3. Effetto wild
4. Sani
5. Luminosi

La mia ultima scoperta per realizzare le mie hair obsessions? Elvive olio trattamento.
E ve ne parlo su Glamour Italia.

cura-dei-capelli-estate-12

cura dei capelli estatecura dei capelli estate

L’articolo Cura dei capelli: 5 ossessioni dell’estate sembra essere il primo su Glamour Marmalade.

Disseta la tua pelle con un sorbetto

idratazione pelle viso caudalie vinosource

Tutto inizia con la raccolta dei grappoli freschi, nei primi mesi della vendemmia con l’uva dei vitigni di Merlot e Muscat che diventano l’ingrediente segreto per l‘idratazione pelle viso e per la nostra bellezza. Una bellezza non stereotipata e non comune: un canone legato alla libertà e alla freschezza unita a uno stile spontaneo ed edonistico. Piuttosto che sedurre, queste donne vivono di istanti, vogliono ridere e mordere la vita – come fosse chicchi d’uva – insieme agli amici. Senza complicarsi mai la vita.

L’ispirazione? «Pensa a quel momento di puro piacere quando gusti un acino d’uva dolce e succoso: è questa sensazione che evocare con la gamma Vinosource all’acqua d’uva bio. Per un effetto ancora più goloso, ho colorato le confezioni delle creme con la dolcezza del rosa. Un invito a gustare la vita come se fosse un acino d’uva!». Parola di Mathilde Thomas, founder di Caudalie.

The best for me (insomma quello che vi consiglio):
Crème Sorbet Hydratante, l’anti-secchezza per le pelli sensibili. Grazie alla sua tecnologia “quick break” questo gel in crema si trasforma a contatto con la pelle in una riserva d’acqua che lenisce, idrata e fortifica. Tra i principi attivi: acqua d’uva bio, camomilla lenitiva, polifenoli. Disseta, idrata e fortifica: la pelle ritrova lelasticità, i sensi sono risvegliati. La fragranza? Note dei fiori di mandarino, foglie di limone, acqua di cetriolo e menta fresca per un drink fresco a prova d’estate!

Pronte per un sorbetto al gusto dell’uva per il vostro viso?

caudalie vinosource 1

Black is always a good idea

tendenze moda estate 2016 2

Fosse per me mi vestirei sempre di nero e chi mi conosce già sa che lo faccio spesso, fin troppo. Anche d’estate, per me ogni occasione è buona. La verità? Che il nero fa moda, is always a good idea, come direbbero le fashioniste. Ma non per forza, il passepartout per ogni occasione, è sempre un tubino nero alla Audrey Hepburn, troppo minimal e elegante a volte.

Così prendete le tendenze moda primavera estate 2016, giocateci e mixate gli stili a seconda della vostra personalità. E date spazio alla fantasia. Per me? Spalle scoperte in stile B.B. con top a maniche lunghe con scollo a balze, pantaloni a zampa a vita alta che ricordano gli anni ’70. (Con un pantalone così ricordate: tacchi sempre e comunque per slanciare la silhouette, un piccolo segreto di stile che aiuta, non poco).  Date poi luminosità al tutto con i gioielli o accessori, come maxi orecchini e clutch con pietre preziose. Et voilà,  le jeux sont fait.

In poche parole: se non sapete come vestirvi, fidatevi del nero.

tendenze moda estate 2016 1

tendenze moda estate 2016 6 tendenze moda estate 2016

tendenze moda estate 2016 3 Continue reading