Cassius Clay: 4 cose che (forse) non sai su Muhammad Ali

Cassius Clay molto probabilmente non ha bisogno di presentazioni. Tutti lo conoscono e tutti sanno l’importanza che ha avuto nel mondo del pugilato e dello sport internazionale.

Definito come “sportivo del secolo”, Muhammad Ali rientra a pieno titolo nella classifica dei campioni più famosi e vincenti del pugilato.

GUARDA ANCHE: Muhammad Ali per la campagna Core Values di Louis Vuitton

Muhammad Ali curiosità

1. Il nome Cassius Clay è un nome da schiavo, per questo motivo decise di cambiarlo in Muhammad Ali.

2. Amava cantare. Ebbene sì, prima diventare un grande pugile e di cambiare il suo nome in Muhammad Ali, Cassius Clay incise un album.

3. Il primo pugno lo diede alla madre. Pare che il talento da pugile sia emerso piuttosto presto: a soli due anni Cassius Clay diede un pugno alla mamma facendole saltare ben due denti!

4. A lui è dedicata una stella di Hollywood. All’inizio degli anni 2000 gli viene assegnata una stella sulla celebre Walk of Fame, ma il pugile chiese di spostarla sulla sulla parete del Kodak Theatre, perché non voleva che qualcuno calpestasse il suo nome.

Continue reading

Lo sport va di moda

Outfit sportivo Sweet Years

Outfit sportivo Sweet Years

Chi mi conosce lo sa bene. Io vivo in tuta e non solo per lo sport. Così oltre a indossarlo per lo yoga e la pallavolo, per le varie camminate quotidiane (eh sì, a trent’anni non basta più affidarsi a Madre Natura, il metabolismo cambia eccome), lo amo anche per tutti i giorni. E un outfit sportivo può essere assolutamente glam, basta saperlo abbinare e soprattutto saperlo indossare. Così prendete ispirazione dallo street style, mettetevi comode anche con un paio di leggings e un crop top in stile anni ’80. Usate la fantasia e riprendete un paio di scarpe da ginnastica che non vi doneranno quei 12 centimetri in più ma si possono indossare 24 ore su 24 senza problemi. Che con i tacchi sembra quasi un miracolo! Siate semplici e naturali che la bellezza sta anche nella normalità e una tuta comoda: così lo stile sportivo è la nostra ancora di salvezza nella moda, cool non solo per la palestra.

Una cosa la voglio dire: diffidate di quelle donne sempre in tiro con i tacchi e di quelle che dicono “sono così magra per costituzione”. Non esistono e mentono sapendo di mentire.

Outfit sportivo: che ci andrei anche a dormire per la comodità.

outfit-sportivo-sweet-years outfit-sportivo-sweet-years (2)

L’invenzione per chi non vuole fare lo shampoo troppo spesso

Si chiama PonyDry l’invenzione per chi non vuole fare lo shampoo troppo spesso, è un’alternativa allo shampoo secco, che non è sempre efficace quando la cute è sporca, ma riduce drasticamente il tempo impiegato per avere capelli di nuovo puliti.

Come si usa?

È una fascia impermeabile dentro la quale avvolgere i capelli dopo aver formato una coda, così da lavare sotto la doccia solo la cute, la zona che si sporca prima dei capelli.

PonyDry si usa dopo aver fatto sport e aver sudato, quando si va in piscina e quando i capelli sono puliti ma la cute ha bisogno di una rinfrescata. In questo modo si risparmia tempo durante shampoo, asciugatura e styling e si asciuga solo la cute; è consigliata per chi ha capelli lunghi o molto lunghi e che notoriamente impiega molto tempo ad asciugarli. Costa circa 20 dollari. Lo usereste?

ponydry-accessori-capelli Continue reading

Uomini, ecco come vorremmo che vi vestiste

 “Ma come ti sei vestito?”
Almeno una volta, cari uomini, ve lo sarete sentito dire, che sia da vostra sorella, migliore amica o fidanzata. Certo, perché certi errori sono proprio imperdonabili.
Uno dei problemi più comuni a tutti gli uomini è senza dubbio l’accostamento dei colori: a meno che non siate daltonici, non potete seriamente uscire con un paio di pantaloni arancioni e una maglietta rossa, se non volete sembrare degli operatori del traffico. Né tantomeno potete vestirvi totalmente di un colore. Vi potrebbe aiutare, perciò, il cerchio di Itten: potete abbinare diverse tonalità o i colori diametralmente opposti, proprio come i due modelli in foto.

Per ogni occasione esiste un outfit giusto e, per quanto certi dress code siano difficili da interpretare, se vi presentate ad un evento smart casual in jeans e maglietta, metterete in imbarazzo la vostra accompagnatrice. Optate sempre per una camicia, un capo d’abbigliamento che le donne adorano e che non potete non avere nel vostro guardaroba. Così come, però, ogni tanto è giusto separarsi dalla propria camicia e mettere una T-Shirt. A questo proposito, mettere una o due felpe della vostra adolescenza può fare tenerezza, ma se avete un intero guardaroba fuori moda e rattoppato vi accompagniamo nel primo negozio. L’importante, specialmente in coppia, è essere sincronizzati.

Uomo1

Tutti devono fare i conti con il proprio fisico, sempre. È per questo che ogni anno rinnoviamo l’abbonamento in palestra anche se sappiamo che non ci andremo mai. I pochi iscritti presenti il giovedì sera, però, dovrebbero capire che la canottiera attillata la può giusto indossare il personal trainer. Va benissimo felpa, maglietta e pantaloni lunghi, meglio ancora se tecnici. Nel caso facciate uno sport particolare vestitevi adeguati e non improvvisate.

Colori

Di tute, invece, a casa ne avete tantissime. E così, ogni giovedì sera una donna perde un’ora del suo tempo a truccarsi e vestirsi bene per finire seduta sul divano a guardare un film con il suo uomo in versione casalinga. Se poi questo indossa l’inguardabile calzino bianco (ancora peggio se abbinato ad un paio di ciabattine), fa spegnere ogni passione. Evitate questi errori banali e presentatevi un po’ più curati ogni tanto.

Uomo3 - Copia Uomo13

Per non parlare, poi, dei pigiami. Di questo, se va bene, se ne occupa la madre, che tra i tanti sceglie i modelli da pensionato, a quadri viola e marroni. Se invece va male, siete proprio voi uomini ad andare a dormire con un vecchio completo da calcio. Il lato sexy va sempre mantenuto, specie in intimità, perciò ecco qualche suggerimento.

Uomo10 Uomo9 - Copia

Continue reading

7° campionato NBFI di natural bodybuilding

bemagazine_nbfi_bodybuilding-20Eccoci a Figline Valdarno (FI) per il 7° campionato NBFI di natural bodybuilding. Il BodyBuilding (Culturismo in italiano) o cultura fisica, è lo sport che tramite principalmente (ma non esclusivamente) l’uso di sovraccarichi (pesi) e un’alimentazione specifica si pone come fine ultimo il cambiamento della composizione corporea, con l’aumento della massa muscolare (mantenendo la definizione… bassa percentuale di grasso corporeo), dove le finalità sono puramente estetiche prima che competitive. Noi ci siamo concentrati unicamente (per scelta nostra) sulla categoria Women BIKINI. La gara Women’s Bikini è una gara organizzata per trovare le modelle più in forma (fitness model) per costumi da bagno… belle e adatte dal punto di vista della comunicazione che rappresentano l’ideale per il Women’s Bikini. Il Women’s Bikini è un aspetto più “morbido” del fitness agonistico (Figure).

bemagazine_nbfi_bodybuilding-43Abbigliamento per la gara: le concorrenti devono indossare un costume da bagno due pezzi e scarpe con i tacchi alti. Il costume da bagno in due pezzi deve essere di buon gusto; non sono permessi micro bikini, tanga e perizomi. Il costume deve essere a tinta unita però può essere decorato con strass, lustrini, paillette. Il piercing è permesso a patto che non sia offensivo. E’ possibile indossare altri gioielli a patto che non coprano il corpo.

Sessioni di Valutazione:

– Bellezza (bellezza del viso, abbronzatura, acconciatura, trucco, unghie, ecc…)

– Fitness ed equilibrio complessivi

– Presentazione/Camminata (presentazione, pose)

ecco qui per voi la classifica finale della categoria Women BIKINI small:

 CLASSIFICA FINALE:

1° (n°72) Porchia Samantha
2° (n°77) Tappatà Giada
3° (n°53) Calistri Elisa
4° (n°3) Calò Francesca
5° (n°44) Cicalese Rosanna
6° (n°1) Falcinelli Stefania
7° (n°92) Maranca Marjorie
8° (n°103) Onano Sara
9° (n°79) Raimondo Cristina
bemagazine_nbfi_bodybuilding-79

E invece qui per voi la classifica della categoria Women BIKINI tall:

CLASSIFICA FINALE:

1° (n°90) Matissek Virginia (Overall Winner)
2° (n°82) Pallucca Cristiana
3° (n°74) Savio Anna
4° (n°27) Albanese Erika
5° (n°73) Perrotta Valentina
6° (n°9) D’anzeo Velia
7° (n°100) Preste Roberta
8° (n°87) Micutar Florentina Angela
9° (n°97) Guiotto Lorna
10° (n°99) Proskurivska Nataliia

Continue reading