Perché Madonna è una di noi?

tumblr_static_tumblr_static_d8tggcwc98o404cw44wc84w0o_640

Ok, sicuramente non si sarà presentata in tenuta da concerto, al massimo del suo fascino, come lei stessa ha voluto documentare con una foto pubblicata sui social. Eppure, l’incomprensione ha ugualmente del clamoroso. A noi fa sorridere, lei invece s’è “abbastanza” arrabbiata, per usare un eufemismo. Madonna non è stata riconosciuta dai postini della FedEx, nota società di corrieri espressi. I fattorini, dubitando della sua reale identità, si sono rifiutati di consegnarle un pacco a lei indirizzato. Louise Veronica Ciccone, c’era scritto sulla missiva sotto la voce “destinatario”. Peccato che ai corrieri portoghesi addetti alla spedizione pacchi, quella donna di mezza età, struccata e con la tinta dei capelli da ritoccare, non sembrava proprio la star mondiale del musicbiz. La Regina del Pop, che dai primi anni Ottanta ad oggi ha venduto 350 milioni di dischi. Insomma, una delle persone più famose al mondo.

madonna

Madonna aveva recentemente fatto sapere di essersi trasferita in Portogallo per seguire le gesta calcistiche di David, suo figlio adottivo, ingaggiato dalle giovanili del Benfica. Un impatto sicuramente positivo con la nuova vita lusitana, come la stessa Madonna, 59 anni da poco compiuti, aveva raccontato con un precedente post sui social. “L’energia del Portogallo”, diceva in un messaggio, “è una tale fonte di ispirazione! Qui mi sento così viva e creativa, non vedo l’ora di lavorare al mio film (Loved, di cui la Ciccone sarà regista, ndr) e a nuova musica in questo paese. Sarà il prossimo capitolo della mia storia. È ora di conquistare il mondo da una prospettiva diversa”.

Poi, il bizzarro equivoco coi corrieri locali, increduli che la pop star avesse davvero preso residenza nel loro Paese. Dubbiosi che fosse davvero lei, i fattorini hanno trattenuto i suoi beni, nonostante le insistenze della cantante. Madonna ha raccontato la comica disavventura sui social, come se volesse chiedere a milioni di follower di autenticare davanti al mondo intero la sua identità. E far sapere ai fattorini di ogni angolo del pianeta che Madonna è veramente Madonna. “Quando devi discutere con FedEx per tutta la settimana sul fatto che sei davvero Madonna e comunque non ti consegnano il tuo pacco“, ha scritto su Twitter. Sulla stessa lunghezza d’onda i post apparsi su Instagram e gli altri social. Nella foto, Madonna mostra un’espressione sconfortata, perplessa e lapidaria.

I primi a commentare il suo messaggio su Twitter? Proprio quelli della FedEx. “Salve, sono Julie”, si legge nel messaggio, “vorrei aiutarla. Per favore invii con un messaggio privato il suo indirizzo di consegna, numero di tracking e numero di telefono”. Non si sa molto di più sulla vicenda. Pare che in questi giorni i suoi beni siano stati trattenuti in aeroporto a Lisbona. Riuscirà lady Ciccone a ricevere il pacco che aspetta? Forse ce lo racconterà con il prossimo tweet.

Foto credits: Instagram / Google Image

L’articolo Perché Madonna è una di noi? sembra essere il primo su Glamour Marmalade.

Antonio Marras alla Triennale, l’arte incontra la moda

fonte foto: gqitalia.it

Antonio Marras, lo stilista prima che l’artista o l’artista prima che lo stilista.
Fino al 21 Gennaio sarà entrambi alla Triennale di Milano che ospiterà i dipinti, le tele e i disegni realizzati negli ultimi vent’anni.
Antonio Marras: Nulla dies sine linea” è la sua prima antologica di opere che s’ispira alla famosa frase dello scrittore latino Plinio, ovvero “nessun giorno senza tracciare una linea”, senza possedere la giusta creatività per disegnare e tenere in mano una matita.

Un percorso visivo, quindi, alla scoperta di un uomo, una personalità, un ruolo assunto da Marras nel corso degli anni.
Il percorso espositivo è visionabile dal 22 Ottobre.

Il più intellettuale degli stilisti italiani“, così come viene descritto da molti, è l’esempio più vivo ed intenso di una moda conservatrice e tradizionale concepita non solo come mera fonte di scambio e mercato, bensì come oggetto culturale e di riflessione al quale attingere.
Intelletto e estetica si fondono fino a mescolarsi rendendo impercettibile la frattura che da tempo li divide.

LE IMMAGINI DELLA MOSTRA ALLA TRIENNALE DI MILANO

fonte foto: gqitalia.it

fonte foto: gqitalia.it
fonte foto: gqitalia.it

fonte foto: gqitalia.it
fonte foto: gqitalia.it

fonte foto: gqitalia.it

Continue reading

Il BrowBar di Benefit arriva a Catania, da Sephora (e le nostre sopracciglia ringraziano!)

<benefit_1

Per troppo tempo trascurate o spinzettate senza pietà, le sopracciglia vivono adesso un vero e proprio periodo d’oro. Prodotti ad hoc permettono di prendercene cura, kit pensati per l’uso casalingo ci consentono di averle sempre in ordine, ma il vero lusso, diciamolo, è sedersi sullo sgabello di un BrowBar Benefit e lasciare che le mani esperte di una professionista le rimodellino a seconda della forma del nostro viso. Ed è quello che ho fatto io ieri, quando sono stata da Sephora in via Etnea a Catania, dove da pochissimo è stato inaugurato il corner dedicato alle sopracciglia e ai trattamenti ad esse dedicate. Ed era ora!

bib_browbar_logo

Dopo una chiacchierata preliminare con Desirè, esperta Benefit, capisco che tutto ciò che ho fatto fino ad ora alle mie sopracciglia è stato nulla rispetto a iò che mi aspetta: epilazione con una speciale cera all’ossido di zinco e tintura. Sì, proprio tintura, una colorazione naturale all’hennè.

Ma prima di ogni cosa la fase di studio: Desirè ha letteralmente preso le misure del mio viso, tenendo conto dello spazio tra occhi e naso, della fronte e di tutto ciò considerato fondamentale per dare armonia al delicato lavoro di ridefinizione delle sopracciglia; perchè su una cosa non si discute: le sopracciglia sono una cosa strettamente personale, poco importano le mode, è il nostro viso a dettare le regole. Insomma, a ciascuno le sue sopracciglia!

A proposito del trattamento di epilazione e tintura, so già che vi starete chiedendo: “la cera sugli occhi? oddio chissà che male!” E invece vi dico subito che no, lo strappo della brow wax non fa male e nonostante la mia pelle delicata non ho riscontrato fastidi o brufoletti post-cera, merito anche del fresco gel all’aloe steso subito dopo sulla parte.
Altra domanda che vi starete facendo, è: perché la tintura? Per dare definizione e conferire luminosità al pelo.

Il trattamento è durato mezz’ora e alla fine la prova specchio mi ha lasciato davvero soddisfatta. Ero titubante, lo ammetto, temevo di ritrovarmi con un effetto troppo finto, con sopracciglia troppo marcate e invece ho adorato le mie sopracciglia da subito, mai come adesso sono perfette, folte, definite, angolate al punto giusto. Ecco spiegato il claim “sopracciglia da star”.

Viste le tante richieste ricevute da chi mi segue sui social, pubblico qui il listino prezzi del BrowBar Benefit,  a dimostrazione del fatto che si tratta di un servizio valido e accessibile:

Epilazione sopracciglia: 22,00 euro

Tintura sopracciglia 15,00 euro

Epilazione e tintura sopracciglia 32,00 euro 

Considerate poi che si tratta di un servizio internazionale, ovvero potrete rivolgervi a qualunque BrowBar Benefit per avere il medesimo trattamento ed essere certe che tratteranno le vostre sopracciglia come meritano.
Continue reading

Baking makeup: con questa nuova tecnica il make-up “cuoce”

Si chiama Baking (ndr. letteralmente “cottura”) ed è una nuova tecnica di make-up. Non si tratta di cuocere letteralmente il trucco, ma di applicare abbondante cipria traslucida in zone strategiche del viso e di lasciarla in posa per diversi minuti (da 10 a 30 in base all’effetto desiderato) su uno strato di correttore o illuminante, come se dovesse cuore. Il risultato? Un make-up a prova di imperfezioni, pori invisibili, incarnato impeccabile e lunga tenuta.

Almeno così garantisce il makeup artist Mario Dedivanovic che ha più volte utilizzato la tecnica su Kim Kardashian (chi altri sennò?). Sui social potete trovare alcune immagini di Kim in piena fase “di cottura”, che mostra fiera le zone del suo viso in cui la tecnica del baking è stata applicata.

A proposito di contouring: Bianca Balti e il selfie prima del contouring. Il trucco c’è e lei lo mostra

Anche in questo caso, come per contouring e strobing, si tratta di tecniche non da tutti i giorni e non semplici da realizzare per chi si limita ad un make-up quotidiano semplice ed ha poca praticità, ma se avete un’occasione importante in vista, provate a chiedere ad un truccatore professionista di utilizzare questa tecnica, potreste restare sorprese del risultato. Ma attenzione: la cipria, si sa, tende a seccare la pelle ed ad evidenziare le rughe!

kim kardashian baking makeup Continue reading

Modalità “Nude” on

modalità nude

Sapete cosa sono le fasi “nude” nella vita? E non mi riferisco alle labbra, al make up e a tutte le tendenze beauty di questo mondo ma alla modalità “nude” nell’anima, con la voglia dell’imprevedibile, senza freni e senza nessuna possibilità di difesa per rincorrere la felicità dopo che per anni pensavate di averla trovata e vi stavate accontentando della monotonia di una relazione? In queste fasi, vi renderete conto di una serie di innumerevoli considerazioni e pensieri. (…)

Una cosa – anzi più le ho capite: tipo che l’ordinarietà, quella prevedibilità degli eventi giorno dopo giorno, non fa parte del mio presente e tanto meno del mio futuro. Che mi piacciono le persone che mi rincorrono e che dimostrano qualcosa giorno dopo giorno: ricordatevi che dare per scontata una presenza è il miglior modo per perderla. Che le persone che “giocano” a perderti è meglio lasciarle vincere. Che mi annoio facilmente, che basta poco per perdere la fiducia e, una volta che accade, non c’è modo per riacquistarla. Che lasciarsi trasportare dall’incertezza del futuro, è migliore di ogni certezza del passato. Che i tradimenti non si perdonano mai, serve a poco o nulla, tanto prima o poi se non fai i conti con il passato, è il passato che torna a prenderti a schiaffoni. Che le amiche bisogna tenersele strette che saranno loro a farti vedere le cose belle della vita quando tutto sarà nemmeno nero, ma senza colore. Che tornare a ridere ha sempre bisogno di qualcuno a fianco, anche solo per una notte. Che dormire con lui e svegliarsi con un abbraccio rende tutto migliore. E che l’errore più grande che potremmo permettere è pensare di non poter amare più qualcun altro. Succede, eccome.

E in tutto ciò, con le giornate emotivamente instabili e nella caduta di tutte le vostre certezze, non vi sentirete mai così vive.

Per la cronaca, io come Leo DiCaprio ai Golden Globes.
Ogni volta che scopro chi sia la nuova fiamma dei miei ex.
(Grazie, per avermi lasciata andare)

leonardo di caprio lady gaga golden globes