Moda Makers, il meglio del tessile italiano in mostra a Carpi

Giunge alla sua quarta edizione l’evento Moda Makers, divenuto ormai un appuntamento imperdibile per gli operatori del settore moda. Per tre giorni consecutivi, dal 7 al 9 novembre, espositori, buyers, addetti stampa e influencer si incontreranno a Carpi, città fulcro della produzione tessile e dell’abbigliamento.

L’evento ha come obiettivo quello di mettere in contatto le aziende produttrici con compratori e distributori nazionali ed internazionali. La produzione tessile, fiore all’occhiello del made in Italy, espone nella cittadina emiliana e punta ad emergere ed affermarsi sul mercato nazionale ed internazionale.

Previsto per la prossima edizione di Moda Makers un notevole incremento del numero di visitatori e di conseguenza l’evento si configura come una vetrina per i produttori, che avranno occasione di presentare le loro proposte per la prossima stagione. Registrandosi sul sito ufficiale di Moda Makers, gli operatori del settore moda (dai titolari di boutique e negozi, agli agenti) possono richiedere il pass gratuito per partecipare all’evento. La manifestazione punta a creare un nuovo spazio all’interno del sistema moda, puntando sulla collaborazione tra imprese e alla voglia di fare sistema. Se le aziende produttrici troveranno così in Moda Makers una buona opportunità per far conoscere il proprio brand ed allargare gli orizzonti di mercato, mentre dall’altra parte compratori e titolari di negozio avranno la possibilità di scoprire, conoscere ed apprezzare i migliori produttori ed artigiani del tessile ed del made in Italy.

moda makers

Partecipare a Moda Makers come visitatore consente infatti di poter toccare con mano il prodotto di punta del distretto tessile carpigiano intercettando visitatori del mercato mondiale, grazie alla realizzazione di un evento che rappresenta e racchiude un insieme di sinergie, tutte impegnate nel far conoscere e portare sui mercati internazionali il fashion style italiano. Un’occasione unica sia per le aziende produttrici, che avranno così la possibilità di esporre le proprie creazioni, ma anche per titolari di negozi, boutique e grossisti che avranno la possibilità di conoscere le tendenze della prossima stagione.

Tradizione, spirito imprenditoriale, creatività ed innovazione si incontrano dando vita a quello che ormai si configura come uno delle più importanti fiere dell’abbigliamento e della produzione tessile italiana. A sottolineare il valore dell’evento e della produzione made in Italy contribuisce anche la scelta della location, Carpi, considerata ancora oggi la piccola capitale europea del tessile e dell’abbigliamento, del total-look uomo-donna e della maglieria. La cittadina emiliana di Carpi ospiterà per tre giorni le migliori aziende del distretto tessile ma anche aziende provenienti da altre città italiane e non solo. Sul sito dell’evento è inoltre possibile trovare tutte le informazioni per raggiungere la fiera Moda Makers, oltre a preziosi consigli su dove alloggiare per coloro che intendono soggiornare in città più giorni.

Un evento dunque che dà il giusto valore alla moda italiana, focalizzando l’attenzione sull’elevato standard qualitativo della produzione nostrana. La moda italiana trova in Moda Makers un nuovo modo di esporsi e farsi conoscere, con lo scopo di rilanciare e valorizzare la moda e la produzione artigianale italiana del settore moda.

Continue reading

Il Made in Italy tra stile intramontabile e innovazione

Moda Made in Italy

La Milano Fashion Week si è appena conclusa e i riflettori in questi giorni sono stati tutti puntati sul capoluogo lombardo. Milano, città creativa della moda e del design Made in Italy e centro nevralgico dell’economia italiana, gioca un ruolo fondamentale nel lancio di nuovi talenti e dei futuri prodotti di tendenza.

Moda e design sono due realtà molto vicine tra loro, che devono affrontare sfide comuni: essere in grado di suscitare interesse ed essere costantemente all’avanguardia.
Senza dimenticare qualità e stile, di cui noi italiani siamo da sempre grandi maestri, la parola d’ordine per emergere in una realtà internazionale fortemente competitiva è innovazione continua.
L’attitudine a innovare e sbalordire non è certo estranea al DNA del Made in Italy, capace di guardare avanti nel segno della creatività senza rinunciare alla classe.

Moda e Design Made in Italy

Si pensi alla svolta rivoluzionaria nella storia della moda data da Elsa Schiaparelli, la stilista pioniera del Made in Italy nel mondo e ancora oggi fonte di ispirazione per molti stilisti contemporanei – ne sono esempio Moschino con la sua reinterpretazione dello scheletro umano e Gucci con la recente rivisitazione della gonna pantalone, entrambe creazioni della surrealista Schiaparelli.
Le sue idee non sono state soltanto visionarie e stravaganti, ma espressione di un’accurata ricerca per trovare la perfetta sintesi tra estetica e funzionalità.

Moda però non è solo accessori e abbigliamento. Come diceva Coco Chanel: “La moda non è qualcosa che esiste solo negli abiti. La moda è nel cielo, nella strada, la moda ha a che fare con le idee, il nostro modo di vivere, che cosa sta accadendo.
Moda di fatto è tutto ciò che è trendy, di tendenza, che meraviglia e sorprende con degli spunti sempre nuovi. È per questo che la moda è un vero e proprio lifestyle che tocca i più svariati contesti, dalla food industry alla tecnologia fino all’arredamento. Basti pensare alle numerose maison italiane, come Fendi e Armani, che hanno deciso di puntare sugli arredi di lusso, nel segno dello stile e dell’eleganza anche per quanto riguarda l’interior design.

Il connubio tra industria della moda e dell’arredamento sembra del resto tra i più naturali, entrambe sinonimo di creatività e bandiere di eccellenza del Made in Italy. Nel settore dell’arredamento e del design è ancora più evidente la spinta verso l’innovazione e la ricerca del next big thing, quell’elemento capace di dettare un nuovo standard e che rappresenta un punto di rottura con il passato.

È con questo spirito che Orion, uno dei primi marchi al mondo nella produzione di vetrine refrigerate per gelaterie e pasticcerie, ha dato vita alla sua piccola rivoluzione copernicana.

Jobs, la vetrina che ha rivoluzionato l'arredo bar
Jobs, la vetrina che ha rivoluzionato l’arredo bar

La sua ultima creazione, la futuristica vetrina Jobs, nasce dall’unione tra avanguardia tecnologica ed estetica. Minimalista e dal design contemporaneo, Jobs è la prima vetrina nel settore della refrigerazione professionale realizzata senza basamento. Questa novità permette una grande versatilità e la massima libertà di espressione nella progettazione e nell’arredamento di un locale pubblico: un vero e proprio rovesciamento nel modo di concepire il design di un locale.

Per differenziarsi e lasciare il segno nella moda e nel design, ciò che conta è dunque rompere gli schemi, anticipare le tendenze e non smettere mai di essere all’avanguardia. In una sola frase: think lateral!

Sponsored by Clabo

Questo articolo Il Made in Italy tra stile intramontabile e innovazione è stato pubblicato per la prima volta da adminmoda su Blog di Moda.

Continue reading

Intervista a Diego Della Valle: “il made in Italy può rilanciare l’Italia”

Intervista a Diego Della Valle: “il made in Italy può rilanciare l’Italia”

 

Per il numero celebrativo dei 75 anni di OGGI,  l’imprenditore Diego Della Valle ha affrontato il tema del made in Italy dicendo: «Il Made in Italy può dare un contributo fondamentale alla ripresa del Paese, perché è riconosciuto in tutto il mondo…”

“..A patto che ci sia un grande progetto legato alla valorizzazione delle belle cose che abbiamo da offrire, dai siti naturalistici al cibo, dalla qualità della vita alla ricchezza culturale, a città che sono opere d’arte a cielo aperto e al turismo… Ci sono investitori stranieri pronti a contribuire“.

Secondo quanto dichiarato a OGGI da Della Valle:

“Ci vorrebbe una sorta di Sportello Unico Governativo che accolga, valuti e smisti tutto quello che ruota attorno a questo grande progetto di rilancio del Made in Italy. Sembra laborioso, non lo è: le cose sono laboriose e difficili quando non ci sono idee e soldi. In questo caso, le idee ci sono e i soldi degli investitori stranieri sono pronti. Dobbiamo solo essere in grado di attrarli”