Le custodie Cuba style di Chanel

La collezione Cruise 2017 di Chanel ambientata e ispirata a Cuba è tra quelle di maggiore successo della maison negli ultimi anni e non solo perché le vicende storiche dell’isola sono tornate ad essere di primo piano.

La creatività della maison – e di Karl Lagerfeld in particolare –ha saputo coniugare lo stile classico e senza tempo di casa Chanel e gli spunti colorati e vivaci provenienti dalla cultura cubana, interpretando ancora una volta i tempi correnti.

Nello stesso panorama si inscrivono le due custodie per laptop e tablet di cui vogliamo parlarvi oggi. Sono declinate in blu notte e khaki e in pregiatissima pelle di agnello matelassé, in pratica proprio ciò che riveste le borse più preziose della maison, tra cui la celeberrima 2.55.

Le custodie sembrano ispirarsi proprio ad essa e riportando infatti anche il famoso logo a doppia C che caratterizza quelle borse. Si aggiungono poi piccoli dettagli che vanno nella direzione dell’ispirazione che dà vita a tutta la linea, dunque un cioncolo con la parola Havana, un’auto vintage degli anni Cinquanta, quel tocco pop di colore acceso a contrasto.

Le misure? 35 centimetri per 24 centimetri per la più grande, adatta a contenere un laptop; 27.5 centimetri per 20 centimetri per la più piccola. I colori al momento sono solo due, ma versatili e raffinati al tempo stesso.

Continue reading

CHANEL ROUGE COCO STYLO

Descrizione

Un rossetto deciso e luminoso, dalla consistenza ultrafine e fondente, effetto “seconda pelle”. Una palette di nuance intense, per uno stile sicuro e audace.

Risultato: un make up intenso, satinato e luminoso. Una tenuta perfetta sin dalla prima applicazione.

Modalità di applicazione

Applicare direttamente sulle labbra.

168 - ROUGE INGÉNUE

Per labbra perfettamente definite, abbinare ROUGE ALLURE a un tratto di LE CRAYON LÈVRES della stessa nuance. Applicare quindi il rossetto con il pennello della matita.

Composizione

Una formula al servizio del colore:

• alta concentrazione di pigmenti ultrafini, per tinte intense sin dalla prima applicazione;
• mix di tè verde, olio di mandorla dolce ed esteri aderenti, per un effetto a lunga tenuta e una protezione ottimale del colore;
• olio di mandorla dolce, legno di sapan e tè verde, per labbra levigate, idratate e protette.

Lily-Rose Depp è la nuova testimonial di Chanel N°5 L’Eau

< Lily-Rose Depp_ chanel

La maison Chanel ha scelto la bellezza fresca e giovane di Lily-Rose Depp per incarnare il fascino della sua fragranza iconica e storica, Chanel N°5.

Questa nuova versione della fragranza, creata dal mastro profumiere Olivier Polge, Chanel N°5 L’Eau, punta su ancora una volta su questo talento emergente del cinema, l’attrice neanche 17enne, figlia di Jhonny Depp e Vanessa Paradis interprete del film La Danseuse, presentato al Festival di Cannes .


Continue reading

Kristen Stewart e il suo sguardo magnetico protagonisti della campagna Chanel EYES COLLECTION 2016

Da quando Kristen Stewart è stata identificata come musa di Karl Lagerlfeld le sue collaborazioni con il marchio Chanel sono sempre più frequenti. L’attrice questa volta è stata notata però dalla divisione make-up del brand che l’ha voluta come testimonial della campagna EYES COLLECTION 2016, realizzata da Mario Testino. L’uscita a livello internazionale è prevista per Marzo 2016 e in Italia arriverà a Giugno 2016, ma questa anteprima con lo sguardo magnetico della Stewart, lasciano immaginare il mood della collezione di ispirazione decisamente grunge.
kristen-stewart-silver-eye-w724“Con la sua bellezza moderna, magnetica, e il suo spirito libero- hanno dichiarato i vertici di Chanel- Kristen Stewart appare in una serie di ritratti che incorporano varie sfaccettature della donna contemporanea di Chanel”.Kristen Stewart chanel testimonial
Continue reading

Come nasce un abito d’alta moda Chanel (FOTO)

Ah, Chanel. Uno dei brand di moda più amati, più desiderati, più chic. Un marchio che ha fatto la storia della moda, dell’alta moda. Poesia in passerella, tra tessuti, modelli, idee e creatività. Ma come nasce un abito Chanel prima di essere presentato sui catwalk delle più importanti città? Dal bozzetto alla sartoria, dalla sartoria allo Studio, dall’Atelier Lesage agli Atelier Chanel, per poi ritornare nelle mani di chi ha ideato il primo bozzetto, Karl Lagerfeld.

marieclaire.it
marieclaire.it

In principio Dio creò la terra, esattamente come nel mondo della moda Karl Lagerfeld idea e traccia un bozzetto, quello che nella sua mente era un’immagine lo disegna su carta. È questa la bellezza della moda. Il bozzetto arriva, poi, nelle mani della sartoria che fa dell’idea un modello in juta, poi riprodotto nei tessuti scelti dallo Studio. Tessuti che vengono mandati all’Atelier Lesage per essere ricamati secondo la tecnica Luneville, un ricamo creato per abbellire con punti catenella, fili colorati e spesso metallizzati, perline (soprattutto in vetro) e paillettes tessuti spesso leggerissimi come il velo o l’organza, creando talvolta anche disegni molto complessi.

marieclaire.it
marieclaire.it
marieclaire.it
marieclaire.it

Gli elementi realizzati all’Atelier Lesage sono spediti agli Atelier Chanel in modo che le sarte possano iniziare ad assemblarli. Successivamente l’abito viene indossato da un manichino di legno e abbinato a un paio di scarpe ed è sottoposto, durante l’ultimo fitting e su una modella, all’approvazione definitiva di chi per primo ha ideato il tutto, Karl Lagerfeld. Come un gioco circolare, l’idea viene realizzata da mani esperte che rendono possibile anche le idee impossibili.

Continue reading