La Twisted Cabas di Celine si fa small

La Twisted Cabas di Celine è diventata rapidamente una borsa di culto sin da quando, poche stagioni fa, è apparsa in passerella. Accompagnava la linea autunno inverno 2015 e ci aveva subito conquistato. Per la nuova stagione si è rifatta il look cambiando dimensioni e accostamenti di colore.

Celine per le borse capienti nonostante il successo delle ha sempre dimostrato un particolare amore sue borse più piccole. Dalla Luggage alla Trapeze passando per le moltissime Cabas, questo non è che l’ultimo esemplare delle borse più generose della maison.

La nuova generazione di Twisted Cabas non fa eccezione e mantiene la sua dimensione Large a cui si aggiunge però anche la novità Small che appartiene alla linea primavera estate 2017 e cerca di rispettare il trend delle borse piccole senza rinunciare a spazio, praticità e stile.

Ci riesce, almeno così parrebbe a giudicare dalle moltissime varianti di colore e abbinamenti a contrasto che la maison ha scelto di proporrre per la nuova stagione, sicura del successo della nuova borsa. Le forme restano identiche, con forma a sacca e manico asimmetrico.

Continue reading

La bellezza delle donne

joni-mitchell-saint-laurent-music-project-2015

La leggerezza di noi donne, la frivolezza con quel pizzico di insicurezza ogni volta che proviamo un abito in camerino. La dolcezza del trascorrere del tempo e della giovinezza che scivola dalle dita senza accorgersene come i granelli di sabbia. More, bionde, rosse, alte, magre, in carne o in qualsiasi forma vogliate, la bellezza della perfezione di un’età che non chiede nulla in cambio, se non viverla questa vita con determinazione per cercare prima e per poi trovare noi stesse. Quella strada che ci apparterrà per tutta la vita perché in fondo è quella che ci siamo scelte anche se ci piace pensare che sia tutto in mano al caso. Quell’illusione di destino che ci dà coraggio e poco importa se nel lasciarsi alle spalle una relazione o scegliere nuove prospettive e sfumature, e ancora un nuovo stile. Guardate il modo di vestire di una donna, il modo di indossare un abito, e capirete la sua anima.

La vita cambia in un istante. Ma una donna non è mai vecchia.
E Joni Mitchell per Yves Saint Laurent e Joan Didion per Cèline sono qui a ricordarcelo.

celine-joan-didion-spring-2015-ad-campaign

L’articolo La bellezza delle donne sembra essere il primo su Glamour Marmalade.

The dark side

A me piacciono le contraddizioni. Mi affascinano le incoerenze, i dubbi, le perplessità. Che con quelli che hanno fatto della certezza il proprio mantra, la sensazione è quella di trovarmi inadeguata, un po’ come avessi perennemente qualcosa tra i denti da sputare. E il più delle volte quel qualcosa è uno sbadiglio, fermo là in bocca. In una parola, “noia” di chi non ha dubbi e nulla da rischiare. Sarà per questo che ho sempre perso la testa per quelli che hanno sbagliato strada una, due, tre volte, con la cartina geografica messa al contrario in cui il nord sta per il sud e l’ovest per l’est. Senza nessun navigatore se non quello del cuore, verso una sola mèta: la felicità. Quella che coglie all’improvviso, quando meno te l’aspetti.
E così pure nella moda. Così se mentre le scarpe in pelliccia di Céline non mi hanno fatta decisamente impazzire, una specie di modello delle Birkenstock (o, per intenderci, la ciabatta), per i sandali di Jessica Buurman ho perso letteralmente la testa per un total look un po’ barocco, un po’ gotico senza dimenticare però un tocco chic. The dark side. (E quando vi ho detto che mi sento Aurora, non credetemi: sono Malefica in realtà).
Sandals/scarpe: Jessica Buurman
Skirt/gonna: Romwe

Credits: A. O.