Stewart: giubotti in pelle dal 1975

Il marchio Stewart nasce in Toscana nel lontano 1975 dove la produzione di capi di pellame è rinomata e ricercata.

Tutti i prodotti realizzati dalla Stewart godono di una storia antichissima e verace, la lavorazione artigianale legata alla tradizione del paese.

Le terre toscane sono infatti il polo commerciale e produttivo della lavorazione del pellame, ed qui che nasce la storia della Stewart e dei suoi prodotti rigorosamente made in Italy.

Lavorazioni artigianali e radici profonde

I capi in pelle realizzati nella collezione Stewart (giubbotti Stewart, giubbotti, capispalla etc,) sono tutti ralizzati artigianalmente con attenzione scrupolosa ai dettagli.

Il taglio vintage e autentico dona ad ogni pezzo un inconfondibile bellezza legata al manufatto, pezzo unico al mondo. I segreti e le abilità manuali della lavorazione della pelle vengono tramandate di generazione in generazione all’interno dell’azienda.

Grazie alla cura artigianale ogni giacca è studiata per durare nel tempo, invecchiare e acquisire contemporaneamente bellezza e fascino. Punto fermo dell’azienda mantenere l’autenticità nel corso degli anni, e non andare appresso alla moda passeggera e volitiva.

Collezioni Giubbotti Stewart 2018


Nelle collezioni 2018 potete trovare 4 linee di giubotti: Essential, Old Glory, Bikers e Aviaton.

La linea Essential si caratterizza per una vestibilità slim al 100%, la pelle è morbida e resistente ma al tempo stesso rimane leggera e aderente. Le linee sono essenziali e semplici, dando carattere e stile a chi li indossa.

La linea Stewart Old Glory è caratterizzata da pelli pesanti sottoposte a trattamenti aggressivi e accessori di spessore. I giubbotti da uomo di questa linea hanno un aspetto vintage, una rivisitazione di Grandi Classici sempre attuali.

La linea Stewart Old Glory ha due anime l’aviazione e i bikers. Entrambi ispirati rispettivamente ai piloti d’aerei e ai motociclisti. Visita lo store online per vedere l’intera collezione e le offerte natalizie in corso.


blogdimoda

Tagged , . Bookmark the permalink.