Niente tabù: si parla di forfora e del nuovo Head&Shoulders 3ActionFormula con micro particelle di Zinco

< Head-and-Shoulders-nuovo-shampoo-zinco-review

Se mi chiedete qual è la parte che amo di più del mio corpo io rispondo i miei capelli. Me ne prendo cura con gesti quotidiani, se loro stanno bene mi danno sicurezza e fanno stare bene anche me. Se loro tengono la piega, sono luminosi, morbidi al tatto, persino nella giornata più grigia, anche io riesco a tenere duro. Dalle spazzole giuste ai giusti prodotti, dalle abitudini per non stressarli, ai rimedi per proteggerli, sono probabilmente la cosa a cui presto maggiore attenzione da sempre in fatto di bellezza e sarà per questo che spesso ricevo messaggi e e-mail con domande sulla mia hair routine.

E fra i miei indispensabili c’è un prodotto che da anni non manca mai e di cui faccio a meno neanche in viaggio, che sia per qualche giorno o alcune settimane: lo shampoo Head&Shoulders.

Head-and-Shoulders-review

Sembra un argomento tabù, quello della forfora o del cuoio capelluto sensibile che si squama, ma se noi donne siamo abituate a leggere e parlare di cellulite, perché parlare dei problemi che affliggono i capelli dovrebbe fare differenza?

Nei periodi di stress o a causa di trattamenti aggressivi ai capelli, per via del clima o di un periodo fitto di impegni e di decisioni importanti, il mio cuoio capelluto rivela il mio stato fisico ed emotivo, diventa più delicato e in alcune zone può squamarsi così, quando durante un periodo di grandi cambiamenti in cui ero abbastanza stressata (cosa che mi provocava un certo disagio e la necessità di lavare troppo spesso i capelli, con il rischio di stressarli ulteriormente), ho provato i prodotti Head&Shoulders, (erano appena arrivati in Italia ed avevo sempre letto che era considerato il marchio n1 nella cura della forfora e del cuoio capelluto) ho notato la loro efficacia e li ho inseriti di diritto nella lista dei miei prodotti top.

Quando mi hanno parlato della nuova 3ActionFormula con micro particelle di Zinco, avendo un’ottima opinione e vista la mia esperienza (niente più problemi alla cute ormai da anni) ho voluto saperne di più ed ho letto che è la formula più avanzata al mondo per proteggere i capelli dal microrganismo che causa la forfora e per averli sempre in salute e belli già a partire dalla cute. Il segreto a quanto pare risiede nel potere dello Zinco che, in particelle piccolissime (otto volte più piccole del normale), aiuta a proteggere i capelli così da prevenire o curare la formazione di forfora, così da garantire capelli belli dalla radice ed un cuoio capelluto che non si deve avere timore di mostrare.

Head-and-Shoulders-3-1-shampoo-zinco-antiforfora

Consiglio beauty: Quando applicate lo shampoo badate bene a non trascurare le zone in cui notate che si manifesta maggiormente il vostro problema sulla cute, spesso si applica lo shampoo solo al centro del cuoio capelluto, ma è importante trattare tutta la cute e massaggiare delicatamente.

Sì alla riga centrale, al ciuffo da gestire senza timore di mostrare una zona “delicata” della radice, e sì alle acconciature, dalle più semplici alle più complesse, specialmente con l’arrivo della stagione estiva, quando i capelli ci piace raccoglierli in trecce, bun e chignon.

Se siete alla ricerca di un prodotto che vi aiuti ad avere capelli belli a partire dal cuoio capelluto e se avete sempre cercato un prodotto, per esperienza vi consiglio di provare i prodotti Head&Shoulders e in particolare il nuovo 3ActionFormula con micro particelle di Zinco.


Continue reading

My Hair Routine: vi racconto i prodotti e le abitudini indispensabili per i miei capelli

My-Hair-Routine copia

A ciascuno la sua routine. In base al tipo di capello, di sensibilità del cuoio capelluto, di styling, ma anche di stile di vita. Perché c’è chi fa shampoo frequenti perché pratica sport o va spesso in scooter ed i capelli si impregnano di sudore, nel primo caso, di smog nel secondo ed avrà bisogno di una shampoo delicato per non stressarli troppo; chi sebbene lavori in ufficio e non vada in palestra ha un capello tendenzialmente grasso, che si unge, e allora è fedele amica dello shampoo secco, per alternarlo a quello normale… Insomma consigli generici e generali, che vadano bene per tutti non ne esistono, ma se chiedete a me (e sui social ricevo molto spesso queste domande), posso dire che ci sono consigli e prodotti che possono andare bene per molti, qualcuno per tutti e certi solo per alcuni, qui sotto riassumo i principali (cliccando sulle parole in rosa potete vedere i link per acquistarli o maggiori informazioni).

La frequenza

Il mio non è un capello che si sporca molto spesso, tendenzialmente faccio lo shampoo 2 volte a settima, ma naturalmente se durante la settimana pratico sport, trascorro molte ore in giro fra macchine e smog o il clima non è dei migliori ed i capelli devono fronteggiare umidità e pioggia, posso avere bisogno di uno shampoo in più. Ma tre shampoo secondo me sono già troppi per qualsiasi tipo di capello.

Lo shampoo secco

Se da adolescente per shampoo secco intendevo il borotalco, crescendo ho scoperto prodotti spray molto più efficaci e rapidi da utilizzare. Garnier Fructis Fresh Shampoo Senz’Acqua e Redken Pillow Proof Blow Dry sono quelli che ho utilizzato maggiormente e con cui mi trovo meglio.

SHAMPOO-SECCO-GARNIER-REDKEN

La spazzola

Quando ho iniziato a notare capelli spezzati nel lavandino e sulle spalle ho capito che qualcosa non andava, il parrucchiere mi diceva che erano più fragili del solito. Poi un giorno ho scoperto le spazzole TEK, a distanza di qualche da quando ho iniziato ad usarle ho avuto l’occasione di fare un salto in azienda e vedere la produzione (italiana, a mano e così meticolosa… neanche quando mi metto lo smalto io riesco ad essere tanto precisa) ed ho imparato che il problema era che in quel periodo stavo usando una spazzola di plastica. Le spazzole TEK non sono solo realizzate con materiali naturali, ma svolgono anche funzioni aggiuntive (massaggiano il cuoio capelluto ed eliminano il sebo in eccesso durante lo spazzolamento prolungandone l’aspetto pulito, danno volume e rispettano i capelli. Ne esistono di diverse forme e grandezze, per i diversi tipi di capelli. Io ho anche il set da viaggio, con spazzole di dimensioni ridotte, pratiche da mettere in valigia. QUI ne ho scritto nel dettaglio.

Phon e piastra

Da alcuni anni ho cambiato phon, ne ho provati alcuni delle principali e più note marche, fino a scoprire il Parlux (lo trovate scontato su Amazon), che è stata la mia scelta finale. Leggero, riduce i tempi di asciugatura, ha le giuste opzioni di temperatura per non bruciare i capelli e rispetta l’ambiente. Chi usa Parlux è un po’ come quelli che usano i Bimbi in cucina, non possono che consigliarlo a tutti e convincerli a comprarli (hehehe). La piastra che utilizzo, dopo un lungo periodo in di ferro conico, è stata un’altra svolta, è la piastra Braun Satin Hair 7 Sensocare; inizialmente ero scettica sulla questione “imposta il tuo profilo personalizzato”, ma vedo a distanza di un anno la salute dei miei capelli e mi rendo conto che effettivamente la piastra è più delicata sui capelli, è efficace nella piega, ma non stressa troppo i capelli, dosa il calore adeguatamente e si possono impostare più profili (nel caso in cui la condivideste con qualcuno). È con questa che faccio le onde ai miei capelli, ed è perfetta anche per un liscio impeccabile. È super leggera e la porto sempre con me in viaggio, l’unica pecca è che non ha una custodia, ma ho ovviato usando quella di una vecchia piastra (hehehe).

piastra-braun-satin-7

I trattamenti fatti-in-casa e naturali

Prima di passare alle marche di prodotti che mi hanno dato maggiori soddisfazioni, voglio dedicare qualche riga ai rimedi casalinghi, quelli naturali, che non richiedono troppo tempo. Non vi suggerirò di rompere due uova e inzupparci i capelli, niente di disgustoso, ma qualcosa di rapido e semplice, con ingredienti che tutti abbiamo in casa.

Io faccio principalmente due trattamenti casalinghi, non con una cadenza precisa, ma solo quando i miei capelli ne hanno bisogno: l’impacco con olio extravergine di oliva (QUI al punto 5 spiego come fare, è semplicissimo), a cosa serve? Ha molta più efficacia di certe maschere costosissime piene di schifezze chimiche, rende i capelli morbidi e luminosi (evitate se avete i capelli molto grassi, per voi meglio il secondo consiglio). Il secondo è il risciacquo con aceto di mele dopo lo shampoo. Basta riempire mezzo bicchiere da tavola di aceto di mele, metterlo pronto in doccia o sul bordo del lavandino (in base a dove vi lavate i capelli) e dopo aver fatto il normale shampoo, aver usato il balsamo e risciacquato con acqua, aggiungere al bicchiere metà acqua calda e versare su tutti i capelli e la cute l’aceto di mele. Risciacquare . A cosa serve? Agisce come un balsamo naturale (molti infatti usano solo questo), elimina i residui dei prodotti chimici “sgrassandoli” dai capelli, equilibra il PH dei capelli, agisce come anti-caduta e anti-forfora e chiude le squame del capello. E se avete i capelli grassi, aiuta ad eliminare l’eccesso di grasso e a rendere i capelli più soffici.

Qualcuno mi ha suggerito anche di versare il mix di acqua e aceto di mele in uno spruzzino e di vaporizzarlo sui capelli prima, è un’idea utile se se ne vuole usare pochissimo. E l’odore? l’aceto di mele ha un odore delicato rispetto a quello di vino e scompare a capello asciutto. (Ps: dopo le prime volte fate caso al risultato sui vostri capelli e valutate se diminuire la quantità di aceto, meglio non abusare).

Prodotti e marche

Come dicevo all’inizio, marche e prodotti possono essere molto soggettivi in base a tipo di capello e sensibilità del cuoio capelluto. Fra le marche che mi danno e hanno dato i migliori risultati io suggerisco: Wella, Davines e head & shoulders (se avete problemi di cute che si squama – a me succede nei periodi di stress o quando mangio schifezze per lunghi periodi – o di forfora). Dopo lo styling mi piace usare, specialmente in estate, Wella Oil Reflections, perfetto a capello asciutto ma anche bagnato, ne ho scritto QUI. In questo post non posso che inserire anche Olaplex n.3, un prodotto ideale per chi colora i capelli (anche solo effetti luce), ha problemi di capelli rovinati e doppie punte. Ne ho scritto approfonditamente QUI.

Non dovrei aver tralasciato niente. Ho raccontato come li lavo, come li asciugo, come li spazzolo e che trattamenti e prodotti uso. Se avete altre domande
Continue reading

Olaplex n°. 3: il prodotto definitivo per ricostruire i capelli. Li rende più luminosi, morbidi, sani e chiude le doppie punte

<olaplex-trattamento-ricostruire-i-capelli

Olaplex n.3 l’ho scoperto per caso un giorno, quando il mio parrucchiere di fiducia, è venuto a Milano da Roma per aiutarmi a passare dalla fase “inverno” alla fase “estate”, ovvero dare un tocco di luce ai miei capelli. Capelli che ha trovato secchi, stressati, con le punte parecchio rovinate e che, anche sforbiciando un po’, restavano malconci (a meno che non volessi tagliare metà lunghezza, cosa che non volevo assolutamente).

Così in fase di shampoo mi ha detto “ti lascio in posa sui capelli un prodotto che li ricostruisce”. Ho aspettato circa 45 minuti e quando l’ha sciacquato via i miei capelli erano giù visibilmente più morbidi. Dopo l’asciugatura avevano riacquistato quella brillantezza che da mesi non trovavo più e al tatto erano soffici. Mi ha suggerito di acquistare il prodotto on-line e di usarlo a casa una volta a settimana o ogni 10 giorni. Olaplex n°.3 è un prodotto che ricostruisce i capelli, li rende più sani ed è pensato soprattutto per le donne che decolorano i capelli, li schiariscono, li tingono dal parrucchiere o a casa.

olaplex-trattamento-ricostruire-i-capelli-come-si-usa

Una decina di giorni, impiegati a cercare informazioni e pareri on-line, ricevo un’e-mail da parte di Olaplex, che mi chiede se voglio provare Olaplex n.3, mi invia alcune informazioni sul prodotto e qualche suggerimento su come utilizzarlo et voilà, da oltre un mese lo sto usando ed i risultati sui miei capelli sono stati immediati ma anche graduali, perché ogni volta il capello migliora, ma non devi aspettare troppo tempo per notare gli effetti. Insomma il prodotto perfetto per me che ho poca pazienza. Chi mi segue su Snapchat avrà visto decine di volte video in cui uso il prodotto o ne parlo in queste settimane, pensate che l’ho portato con me anche alle Bahamas, perché temevo il classico effetto capelli-secchi-come-stoppa per il troppo caldo/sole e invece ho capelli morbidissimi e sani!

Come si usa Olaplex n.3?

Si applica sui capelli umidi e si tiene in posa per 2 ore, poi si lavano i capelli con qualunque shampoo e balsamo. Altra tecnica è quella di tenere in posa tutta la notte e fare lo shampoo il mattino seguente. Io uso il secondo metodo, perché lo trovo più efficace (maggiore posa, migliore risultato?) e quando lo faccio, prima di andare a dormire metto in testa una cuffia da doccia, così non sporco il cuscino, ma soprattutto il prodotto non viene assorbito dai tessuti e resta sui capelli, senza sprecarne una goccia. Quando applicate il prodotto con le mani, massaggiando i capelli, poi usate un pettine – ma senza forzare se trovate dei nodi – per stenderlo più uniformemente.

Dove si compra Olaplex?

Sul sito ufficiale opcosmetics.com, dove spesso trovate promozioni e sconti su acquisti multipli. Io per esempio ho acquistato il pacchetto da 2 due confezioni e l’ho diviso con mia sorella. Sul sito leggete che il flacone da 100ml dura per 5 trattamenti, a me sinceramente dura da più tempo.
Continue reading

Avere un viso più giovane: 5 aree su cui intervenire con i filler viso

trattamenti-al-viso_1

Diamonds are a girl’s best friend”, cantava Marilyn Monroe nel musical Gli uomini preferiscono le bionde; oggi, accanto ai gioielli, i primi “accessori” che rendono una donna bella e fiera di sé sono i lineamenti del proprio volto: sì, perché la chirurgia estetica ha fatto passi da gigante nella ricerca di soluzioni in grado di rendere le donne giovani fuori così come lo sono dentro.

Trattamenti poco invasivi, rapidi, ma con risultati efficaci: ecco la filosofia da cui nascono i filler viso.

Il termine filler infatti deriva dall’anglosassone “to fill” – “riempire”, e caratterizza una tecnica che mira a ringiovanire i tratti del volto ed a rimodellare i volumi attraverso il riempimento dei solchi e delle piccole rughe. Attraverso un’azione volumizzante e rimpolpante, il filler viso funge da vero e proprio lifting tradizionale, ma senza la perdita di espressività dovuta all’eccessiva tensione dei tessuti cutanei e senza le potenziali criticità connesse all’intervento chirurgico.

Beautiful woman gets injections. Cosmetology. Beauty Face

I filler di ultima generazione sono prevalentemente composti dall’acido ialuronico, una sostanza già presente nel tessuto connettivo, e per questo assicurano risultati ottimi in tutta sicurezza, ridonando elasticità e compattezza alle aree del viso da trattare.

Ma quali sono, nello specifico, le zone su cui si può intervenire attraverso i filler viso?

Sguardo e borse sotto gli occhi

Lo sguardo è indubbiamente uno dei punti di forza del nostro viso. La zona perioculare però è anche quella maggiormente sottoposta a fattori di stress esterni, come sbalzi climatici, smog, temperature molto rigide o ritmi di vita intensi che, assieme ai fattori interni come l’invecchiamento e la carenza di collagene e di acido ialuronico, determinano col tempo uno sguardo segnato da solchi che conferisce un’aria stanca al viso.

Attraverso opportuni e specifici filler si possono correggere le occhiaie molto segnate o le borse palpebrali, con un risultato fresco e naturale tipico di chi è riposato.

Labbra e sorriso

Il sorriso ci caratterizza in modo personale ma un bel sorriso parte da parametri estetici armoniosi. Grazie ai filler di acido ialuronico possiamo rimodellare le labbra restituendo turgore e carnosità alla mucosa labiale. Con i filler si eliminano carenze di volume, si combattono le piccole rugosità e si ridisegnano i margini delle labbra.

Zigomi

Gli zigomi rappresentano un’altra zona del nostro volto che concorre a renderlo armonioso e che però con il passare del tempo tende a perdere volume. Gli effetti si riversano sull’intero aspetto del viso, perché gli zigomi sono un punto focale del volto: se ben pronunciati e proporzionati aggiungono personalità, mentre se, al contrario, risultano poco evidenti fanno perdere di forza ed espressività all’intero ovale.

E’ possibile ricorrere ad dei filler particolari, composti in percentuale maggiore da microsfere sintetiche e per la parte restante da una soluzione acquosa di gel. Questo materiale è biocompatibile al 100%, quindi non c’è alcun bisogno di effettuare test allergici prima del sottoporsi al trattamento.

Ovale e profilo del viso

I nuovi filler e quelli più avanzati – che hanno lo scopo di riposizionare i volumi – riescono a ridefinire i volumi e le geometrie del viso in modo naturale ed armonioso: è possibile migliorare ad esempio il contorno mandibolare ripristinando la linea morbida che disegna l’ovale tipica della giovane età. Ma non solo: si possono ridistribuire correttamente i volumi agendo su quella parte delle guance che con il passare degli anni perde tono e compattezza, con quell’effetto antiestetico di “scivolamento” verso il basso.

I filler vengono impiegati anche nell’intervento denominato profiloplastica: come dice la parola stessa si interviene sul profilo del volto per correggere diversi inestetismi, (come un piccolo gibbo del naso o il mento sfuggente).

Queste zone sono poco interessate dalla mimica facciale, e pertanto i risultati del filler sono molto duraturi.

Collo

Queste zone, si sa, sono da sempre le più difficili da trattare senza ricorrere alla chirurgia. Una soluzione efficace però è rappresentata dai filler, se utilizzati come biorivitalizzanti.

Sul collo infatti si utilizzano sostanze meno dense, che stimolando la produzione di collagene ed elastina (le componenti naturali della nostra pelle che le danno tono e compattezza).
Continue reading

Review: āēr cosmetics e la mia nuova beauty routine di primavera

Con la primavera alle porte, ancor prima di pensare al cambio di stagione è la nostra pelle che sente l’esigenza di un cambiamento, così la beauty routine che ci ha accompagnato per tutto l’inverno si prepara a far posto a nuovi rituali e nuovi prodotti, più adatti alle nuove esigenze di viso e corpo.

Io quest’anno ho voluto giocare d’anticipo e già da qualche settimana ho iniziato ad utilizzare tre prodotti di un brand appena conosciuto, ma che ha attirato da subito la mia attenzione per via della sua filosofia: i principi attivi ottenuti da piante officinali, in particolare di origine alpina, sono il futuro della cosmesi. āēr cosmetics è un marchio europeo che propone una linea di prodotti interamente certificata BIO, prodotti di nicchia d’alta gamma che promettono risultati fin dalle prime applicazioni. Perchè proprio piante provenienti dall’ambiente Alpino, direte voi. Semplice, cosa c’è di più puro di ciò che si trova ad alta quota?aer_3

Dopo questa breve panoramica del brand, andiamo al fulcro della review, ossia ai prodotti che sto utilizzando sulla mia pelle; si tratta di tre prodotti, due per il viso e uno per il corpo, caratterizzati dal packaging raffinato, in vetro, e da un’etichetta ben fatta e “trasparente” perchè indica chiaramente tutte le piante officinali e gli oli che contiene, il che già gli fa guadagnare punti: con una confezione così è un piacere esporli sulla mensola in bagno!

Trattamento viso eudermico  è un latte cosmetico detergente effetto anti-sebo, un’emulsione che normalizza, idrata e deterge pelli normali e miste svolgendo un’azione delicata. In questo periodo la mia pelle è piuttosto impura (tipico dei periodi di passaggio, come quello tra una stagione e l’altra) e grazie all’estratto di Epilobio di Fleischer, pianta alpina con caratteristiche sebo regolatrici, l’effetto che sento sulla pelle dopo l’utilizzo è quello di una pelle immediatamente pulita. Utile anche per rimuovere il trucco e pratica perchè provvista di un comodo beccuccio dosatore, così da evitare sprechi di prodotto. Contiene Lino dalle proprietà lenitive e estratto di Marrubio, burro di Karité e olio di Zucca, un mix altamente emolliente. L’idratazione infine è garantita da Betaina e Arginina. Un trattamento davvero completo che mi ha lasciato soddisfatta.aer_2

Trattamento viso anti-age è quello che ha sostituito la mia solita crema viso, ha una consistenza ricca e morbida che agisce su tre fronti: rigenera, illumina e protegge. E’ piacevolissima da massaggiare fino a completo assorbimento, e grazie alla sua formulazione ricca a base di erbe officinali, ne basta davvero pochissima. La presenza del burro di Karité e degli oli di Jojoba, di Mandorle e Olive assicurano l’azione antiossidante lasciando sulla pelle una sensazione di idratazione e nutrimento, senza appesantirla. Personalmente non ho amato troppo la profumazione che avrei preferito meno intensa, ma naturalmente si tratta di un parere soggettivo.aer_1jpg

Trattamento corpo rigenerante Sono sempre stata restìa ad utilizzare oli corpo, perchè il mio timore è sempre quello che non si assorbano facilmente lasciando la pelle unta, sensazione che indossando successivamente i vestiti non amo particolarmente. In questo caso mi sono dovuta ricredere perchè questo olio corpo di si assorbe molto rapidamente sulla pelle e grazie alla combinazione degli oli di Mandorle, Girasole, Nocciolo di Albicocca e Carota, nutre la pelle e la idrata. Contiene anche oli di Mirtillo, Cardo Mariano e Olivello Spinoso, notoriamente ricchi di acidi polinsaturi e vitamine, che proteggono la pelle dagli agenti esterni, rinforzando il naturale film idrolipidico cutaneo e combattendo lo stress ossidativo. L’ho applicato al mattino dopo la doccia e la sensazione di pelle morbida al tatto mi ha accompagnato fino alla sera.aer_4

Dopo appena due settimane, la mia nuova beauty routine incentrata su questi prodotti āēr cosmetics con un alta concentrazione di principi attivi vegetali, sta dando alla mia pelle, provata da questo lungo inverno, ciò di cui aveva bisogno: idratazione, in primo luogo, ma anche nutrimento, partendo dalla detersione profonda che aiuta la pelle ad essere più ricettiva e a liberarsi dalle impurità.