REVIEW Coppetta mestruale: cos’è, come si usa e perché preferirla agli assorbenti tradizionali

coppetta-mestruale-come-si-usa-perche

Un argomento ancora tabù nel 2017, su cui le donne raramente (quasi mai) si confrontano, è il ciclo mestruale. Sebbene sullo smartphone quasi tutte abbiamo un’app che ci ricorda la puntualità del ciclo e in borsa un tampax d’emergenza che ci salvi la giornata, al ristorante ci alziamo ancora da tavola con un certo imbarazzo impugnando la borsa saldamente per andare in bagno a controllare “la situazione” e al supermercato arrossiamo se il cassiere è un uomo e noi abbiamo sul nastro due confezioni di assorbenti notte-quattro-gocce-plus con ali.

Eppure le cose sono cambiate e anche parecchio da quando le donne dovevano usare panni di cotone da sciacquare a mano ogni volta, abitudine poi soppiantata dalla massiccia produzione di assorbenti in fibre sintetiche che, se da un lato hanno regalato una certa libertà e tranquillità alle donne, dall’altro le distratte dagli effetti collaterali dei materiali sintetici e dalla possibilità di alternative più igieniche e confortevoli. Per questo è nata la coppette mestruale. A chi non la conoscesse premetto che quello sguardo perplesso, quell’essere un po’ prevenute e quella certa diffidenza sono abbastanza normali e comprensibili. Continuate a leggere per capire di cosa si tratta, quali sono le motivazioni e gli effettivi punti di svolta, per poi decidere se proseguire con gli assorbenti classici oppure no. Ricordate che se decenni fa le donne non avessero accettato il cambiamento, ancora oggi quelle che comprano assorbenti interni verrebbero accusate d’essere donnacce sfrontate che profanano il proprio corpo (true story).

Ma torniamo alla coppetta mestruale. Io la uso da diversi mesi e quando qualche giorno fa ne ho accennato su Snapchat ho scoperto che moltissime ragazze e donne la usano, anche da anni, altre sono curiose di saperne di più perché vorrebbero provarla e altre sono completamente diffidenti ma comunque interessante. Così ho raccolto un po’ di domande a cui rispondo qui sotto.

Che cos’è la coppetta mestruale?

È una coppetta in silicone medico che sostituisce l’uso dei classici assorbenti interni ed esterni durante il ciclo mestruale. A differenza degli assorbenti non è usa e getta e una sola dura anni. Va bene per tutte le donne e tutti i tipi di flusso (in particolari condizioni di salute dell’utero va consultato il medico).

Perché passare alla coppetta mestruale e abbandonare gli assorbenti?

Perché è più igienica (raccoglie e isola il flusso all’interno del suo cavo – tre volte più capiente di un tampone interno – tenendolo lontano dalle pelle), evita la sensazione di umido e di disagio causata dagli assorbenti esterni e quella di secchezza e fastidio causata da quelli interni). Evita gli odori. Il suo materiale la rende comoda e impercettibile. È economica (ne compri una e dura anni) e, per chi è interessato all’impatto sul pianeta, è ecologica (si evita di produrre tonnellate di materiale usa e getta). Opinione del tutto personale: a me il ciclo sembra durare meno usando la coppetta, probabilmente perché il flusso viene direttamente raccolto dalla coppetta, senza dover essere assorbito da assorbenti e tamponi da cambiare ripetutamente, e quindi impiega meno tempo a defluire.

coppetta-mestruale-come-si-usa

Qui di seguito una serie di informazioni che rispondono alle domande più comuni:

La coppetta va sterilizzata solo in 2 momenti ad ogni ciclo (basta metterla in un bicchiere e versare sopra dell’acqua bollita, come per un biberon o ciuccio di neonato o usare una soluzione disinfettante). Si sterilizza PRIMA di essere usata il primo giorno di ciclo e DOPO la fine dell’ultimo giorno, durante i giorni del ciclo non serve sterilizzarla ogni volta che la si svuota e inserisce, ma basta sciacquarla sotto il rubinetto, lavarla con sapone neutro se volete (io uso quello intimo) e così mantiene il suo igiene. Va svuotata e sciacquata al massimo ogni 8 ore, quindi meno spesso di quanto cambiereste un assorbente classico.

Se siete fuori e in un bagno in cui non c’è un lavandino interno, basta avere in borsa una confezione di salviette intime (se già normalmente andate in giro con una scorta di assorbenti e tampax comprenderete quanto avere solo una piccola confezione di salviette da borsetta possa occupare uno spazio irrisorio). Alcune persone che conosco dicono di non aver problemi ad uscire un attimo dal bagno, sciacquarla sotto il rubinetto e tornare in bagno ad inserirla (a meno che non vi troviate nel bagno di una discoteca con cento persone intorno a voi non è una cosa infattibile), io personalmente preferisco il primo metodo. Le aziende che le producono suggeriscono in questi casi che anche solo pulirla con la carta igienica non è antigienico o rischioso. Questo rende la coppetta perfetta anche in viaggio. Ps: su Amazon ho trovato anche questo contenitore per sterilizzare o sciacquare la coppetta quando si è fuori, si apre come i bicchieri portatili (basta riempirlo prima di entrare in bagno e usarlo per sciacquare la coppetta), non l’ho mai usato ma sembra furbo come sistema, a questo punto anche un bicchiere pieghevole lo è però.

È facile da inserire, la prima volta è normale essere nel panico e non avere idea di come fare, per questo consiglio di acquistarla e provarla prima dell’arrivo del ciclo mestruale mensile, così da poter far pratica più serenamente, on-line trovate immagini che vi mostrano come fare e i siti delle aziende che le producono sono pieni di informazioni, domande e risposte di ogni tipo. Può essere usata in qualunque circostanza e momento della giornata, in viaggio, durante lo sport e di notte.

Rimuovere la coppetta: A differenza degli assorbenti esterni richiede una maggiore consapevolezza del proprio corpo, usando la coppetta sarete a contatto con la vostra zona intima maggiormente rispetto agli assorbenti tradizionali, dovendo inserirla e rimuoverla all’interno (anche se la coppetta va meno in profondità di un classico tampone). Questo prevede un gesto meno “distaccato” del tirare un cordoncino di cotone, gesto che può comportare macchiarsi una o due dita in base al modo che scegliete per premerla leggermente quando la rimuovete, per contrastare l’effetto ventosa e tirarla fuori. Ma è il vostro corpo, non saprei come altro rispondere a chi chiede se fa “impressione” o se ci si sporca (comunque anche dopo aver rimosso un tampone interno ci si deve lavare le mani).

coppetta-mestruale-mooncup

Quale comprare?

Io uso la Mooncup, esiste in due differenti misure (Mooncup A se hai 30 o più anni o se hai avuto un parto vaginale, indipendentemente dall’età. Invece la Mooncup B se hai meno di trent’anni e non hai avuto parti vaginali); le misure che non c’entrano con il flusso del ciclo e quindi la capienza, ma solo con l’utero. Se avete un flusso abbondante l’unica differenza per voi è che potreste aver bisogno di svuotare la mooncup più spesso di donne con un flusso regolare, ma non è detto. È in silicone medico trasparente (la preferisco a quelle colorate di altri marchi), ipo-allergenica, priva di lattice, morbida ed è venduta all’interno di una scatoletta di cartone e di un sacchetto di tessuto. Purtroppo non esiste una custodia rigida, ma io ho ovviato a questo problema con una custodia per ciucci di neonato!

Consiglio: inizialmente vi sembrerà difficilissimo, avrete paura di averla messa male, di macchiarvi, di combinare qualche pasticcio in bagno. Vi suggerisco di provare ad usarla a casa PRIMA dell’arrivo del ciclo e, al suo arrivo, di indossare un salva-slip, che vi farà sentire più tranquille e vi proteggerà nel caso in cui qualcosa andasse storto.
Continue reading

5 prodotti beauty coreani firmati TonyMoly che vorrete assolutamente provare

prodotti-tonymoly-italia

Per chi non ne avesse sentito ancora parlare, TonyMoly è un marchio beauty coreano famoso in tutto il mondo, conosciuto per il suo packaging super divertente e colorato (non per niente “tony” in inglese sta per “stiloso” e “moly” in coreano indica il “confezionare”) che è arrivato anche in Italia.

Si tratta di prodotti smart, non solo confezionati in maniera accattivante, ma anche efficaci e utili. Qui abbiamo voluto raccogliere 5 prodotti TonyMoly che vi incuriosiranno e che vorrete assolutamente provare.

Panda’s dream Stick contorno occhi rinfrescante e decongestionante (10,90€): Un piccolo astuccio a forma di panda che custodisce un prodotto che già dall’applicazione dona sollievo (soprattutto con l’arrivo dell’estate) e, grazie all’estratto di bambù, decongestiona le borse sotto gli occhi e aiuta a defaticare lo sguardo. Ideale anche se avete dormito poco o viaggiato molto.

tonymoly-egg-pore-recensione

Egg Pore Tightening Cooling Pack Maschera (€14,90): La forma ad uovo richiama uno degli ingredienti contenuti in questa speciale machera restringi pori dilatati, che contiene appunto estratto di uovo, aceto di vino, sale marino e altri ingredienti. Ha una consistenza molto particolare, una volta applicata basta attendere 20 minuti e poi risciacquare. Per un risultato migliore vi suggeriamo di abbinare Egg Pore Balsamo anti-punti neri, per prevenire e curare insieme!

Magic Food Banana Hand Milk (8€): Una crema idratante contenuta dentro una banana, sfrutta le proprietà dell’estratto di burro di karité e le proteine del latte per ammorbidire la pelle e nutrirla ed ha un piacevolissimo profumo di banana.

Mini Lip Balm (7,50€): sembra uno di quei prodotti che ci concedevano di usare quando eravamo troppo piccole per il make-up e lo spirito infantile di TonyMoly si fa notare proprio in questi aspetti, ma si tratta di un ottimo lip balm idratante a forma di ciliegia, disponibile anche nelle versioni al gusto di pesca e mela verde, che non solo idrata le labbra ma le protegge dal sole grazie al fattore SPF15 PA+.

Maschera viso in tessuto al pomodoro (5,50€): Ci hanno detto di usare il miele, il bicarbonato, di mettere i cetrioli sugli occhi, ma il pomodoro ancora non le avevamo trovato in nessuna maschera. Grazie alle sue proprietà il pomodoro illumina l’incarnato e apporta idratazione e morbidezza alle pelli ruvide.
Continue reading

I trend cosmetici del 2016 secondo noi

Nuovo anno significa buoni propositi e quelli che elenchiamo oggi sono “propositi cosmetici”, prodotti che vale la pena provare in questo 2016. Sono i beauty trend secondo Cosebelle, un mix di prodotti che vi consigliamo, nuovi colori per il make-up e ossessioni del web.

Trend osmetici 2016 Cosebelle Magazine capelli, makeup, unghie, skincare

Skincare

La cura della pelle è fondamentale, non smetterò mai di ripetervelo per cui in questo nuovo anno concentrate la vostra attenzione sui sieri.

Tre i sieri che vi propongo, tutti riparatori a loro modo:

1 Clinique smart serum promette di riconoscere le problematiche della pelle e aiutare a correggerle con l’uso costante. Studiato per un effetto antirughe, ma utile anche per attenuare le macchie scure o residui di eruzioni cutanee. L’ho testato per tre settimane ed effettivamente migliora l’aspetto generale della pelle.

2 Il sacro Graal dei sieri per tutte le beauty blogger americane e inglesi, una vera e propria ondata di recensioni e prove su strada ha inondato il web. Si chiama Luna sleeping night oil, è della Sunday Riley, è un olio leggero e promette di ridurre i pori (cosa tecnicamente impossibile, ma forse intendono migliorarne l’aspetto?), migliorare la pelle danneggiata e combattere le prime rughe. Tutte giurano che funzioni.

3 L’ex Sacro Graal, prima del Luna al punto 2, che comunque tutte amano: Midnight Recovery Concentrate di Khiel’s. Va applicato la sera prima della solita crema idratante e promette di mantenere la pelle ben idratata e visibilmente rigenerata al mattino.

Volete avere una idea di come usare un siero e come si sceglie? Leggete “Il mondo dei sieri“.

Per una idea più completa della mia routine di cura del viso affidatevi a Caroline Hirons. 

Make up

Il trend 2016 che piacerebbe a me: osare con i rossetti.

4 Se anche la Mac ha introdotto nella sua linea permanente un rossetto blu vuol dire che è proprio tempo di osare, in barba al “cosa mi sta meglio? che rosa dovrei usare?”. Matte royale è un rossetto opaco intenso, pigmentato, da provare senza paura.

5 La Illamasqua, però, produceva un blu da molto più tempo. Ha una consistenza più cremosa del Mac, ugualmente pigmentata, ma è un blu più scuro, quasi metallico: si chiama Disciple ed è bellissimo.

6 Il trend che non ti aspetti: sono tornati di moda i rossetti marroni, vi erano mancati? Questo è il Posh Spice di JeffreeStar Cosmetics. Lui è una web celebrity, ma anche make up artist, e questa è la sua linea di cosmetici: rossetti liquidi a lunghissima tenuta vegan e cruelty free.

Unghie

7 Hanno giurato che funziona e lo voglio provare, ma ogni volta che tento di comprarlo diventa non disponibile. È di Nails Inc. ed è uno smalto spray: in poche parole lo spruzzate sulle unghie, aspettate che asciughi e poi lavate via i residui sulla pelle. Io ci voglio credere.

Capelli

Lo shampoo secco è un fenomeno ovunque, tranne che in Italia. Se non sapete come usarlo e perché è così importante leggete i miei consigli. Quelli che dovete assolutamente provare, nonché i migliori tra le pochissime tipologie disponibili in Italia:

8 Klorane shampoo secco seboregolatore meravigliosamente profumato e affidabile. Unico difetto? Finisce troppo presto.

9 Lush Siamo a secco, fidatissimo, al mio fianco da quasi tre anni, lo ricompro ad occhi chiusi.

10 Rahua Voluminous Dry Shampoo, conosciamo il brand super naturale, ma non ancora questo shampoo secco. Da provare.

Progetto grafico di Giulia Zoavo.

Continue reading

Il test di gravidanza adesso si fa con un’app e attivando il bluetooth

test di gravidanza app bluetooth

Quando negli anni Novanta si pensava al 2000 si ipotizzava che avremmo viaggiato su auto volanti e indossato vestiti simili a mute spaziali, nessuno però aveva parlato del fatto che nel 2016 il test di gravidanza si sarebbe fatto con un’app.

First Response Pregnancy PRO è il primo test di gravidanza che funziona con un’app e attivando il bluetooth dello smartphone. Sia chiaro: non vi viene chiesto di fare pipì sul vostro telefono, il test avviene attraverso quello che sembra essere un classico bastoncino di quelli già in vendita in farmacia, ma che ha la capacità di inviare sullo smartphone il risultato e dati necessari per il responso. Ma non finisce qui, First Response accompagna le donne durante il count down dei 3 fatidici minuti che bisogna attendere per scoprire se si è incinte e per alleviare l’ansia di questo momento offre tre opzioni.

  • Calm Me: fa partire una serie di immagini che rilassano e calmano i nervi e diminuiscono l’ansia;
  • Educate Me: Fornisce informazioni riguardanti gravidanza e fertilità;
  • Entertain Me: Avvia una serie di video per distrarre l’attenzione in attesa del risultato del test di gravidanza.

first response Pregnancy Pro app

Allo scadere dei 3 minuti sullo stick apparirà il risultato che comparirà anche sull’app, ma solo dopo aver inserito un codice di sicurezza impostato dall’utente. In caso di esito positivo fornisce informazioni sulla presunta data del parto, sulla settimana di gravidanza in corso e altre info elaborate sulla base delle informazioni inserite dall’utente. In caso di esito negativo l’app fornisce utili consigli a chi vuole restare incinta. Insomma è una nuova era anche per i test di gravidanza. Su Amazon First Response Pregnancy PRO è in vendita a circa 21 dollari.
Continue reading

TIM: due smartphone, un amore e qualche magia

modern magic tim rompere il ghiaccio

«Hai da accedere?» per i più timidi.
«Giulia? Ah scusa, mi sono confuso. Comunque piacere…» per i più smemorati.
«Sai dove posso fare un aperitivo come si deve, dove ti piacerebbe venire con me?» per i più sfrontati.
«Vieni a ballare?» per chi in discoteca non può avere altro approccio.
«Mi piaci, usciamo» per quelli più diretti, che il tempo non hanno mai avuto voglia di perderlo.

Rompere il ghiaccio non è poi così complicato e difficile. Basta rischiare, come si faceva una volta quando tutto era più semplice, quando le conversazioni su whatsapp non erano così scontate con le parole a prendere il posto delle icone e faccine varie. Quando la conseguenza più ovvia del «mi piace» era «ci  provo», me la gioco. Quando si aveva l’inventiva e una buona dose di sfrontatezza, mista a coraggio nel rischiare di ricevere un «no, grazie» che non faceva così paura, nonostante ci si guardasse negli occhi. Prima di temere di più, osservando uno schermo, la scritta online o il visualizzato senza nessuna risposta all’ultimo messaggio inviato.

Rompere il ghiaccio ma per far sì che non si sciolga troppo velocemente, c’è solo un modo. Sorprendere, sempre con l’equilibrio tra romanticismo e spregiudicatezza di chi non ha nulla da perdere. Se non chi ti piace. Ma se di tecnologia si parla, avete mai pensato a quante cose si possono fare con una connessione? Cercare il suo profilo su facebook, trovare un ristorante per la cena o un locale cool per fare l’aperitivo, organizzare una festa a sorpresa e animare una serata tra amici (per accendere l’atmosfera – e non solo con la musica – qualche idea QUI), controllare che sia online, informazioni sulla sua vita, amicizie, interessi e studiare la strategia di conquista. O molto più semplicemente rompere il ghiaccio e poi lasciare fare il destino. E se queste sono le cose che si possono fare con una connessione, pensate a quante se ne possono fare in amore con due. Insieme.

Tipo provare Modern magic TIM.
Quello che serve? Lo smarphone di lei, lo smartphone di lui. E seguire QUI tutte le istruzioni. Poi alla fine, vedrete che tutto sarà più semplice e veloce, dimenticando pure le conversazioni fiume su whatsapp. E se non è magia questa, poco ci manca.

L’articolo TIM: due smartphone, un amore e qualche magia sembra essere il primo su Glamour Marmalade.