Le bellissime del Motodays 2016

Olesia Belova Motodays Dopo la bella esperienza di dodici mesi fa, siamo tornati a visitare il Motodays, fiera romana dedicata agli amanti delle due ruote e giunta ormai alla sua ottava edizione. Il Motodays 2016 si è tenuto tra il 3 ed il 6 Marzo ed ha confermato il successo del 2015, sfiorando ancora una volta i 150.000 visitatori complessivi. Piacevole sorpresa, l’aumento della presenza femminile: le donne hanno rappresentato oltre il 25% dei visitatori.

Eleonora D'Alessandro Spettacolari come sempre le novità proposte dalle grandi marche e l’originalità delle custom, così come i numeri imprevedibili di freestylers e stuntmen nell’area esterna… ma sapete già che nella nostra gallery troverete soprattutto un altro genere di bellezza, quella femminile delle ragazze che da tradizione valorizzano stand e moto. Ecco dunque le bellissime che vi segnalo e che ammirerete nelle foto dell’amico Francesco.

Bellezze sempre di altissimo livello sono quelle presenti nell’area promozionale del Supercar Roma Auto Show, l’evento di Maggio da non perdere. Qui troviamo, tra le altre, la conferma di Sara Sellaro e la novità di Eleonora D’Alessandro.
Eleonora è nata a Roma, vive a Bracciano e lavora nel mondo della moda dall’età di 17 anni. Le sue più grandi passioni sono: lo sport (in particolare, pratica il crossfit), il pianoforte (che suona da quando aveva 5 anni), i bambini (vorrebbe diventare maestra d’asilo) e la musica (che studia). Dice di essere la persona più ottimista del mondo, sempre capace di sorridere nonostante i mille ostacoli incontrati nella vita.

Valentina Serafin Bike Wash

Lo stand più “stuzzicante” è quello di MaFra, che vede il ritorno del sexy bike wash… con tanto di coinvolgimento di alcuni divertiti visitatori. Ad animarlo sono Elisa e Valentina Serafin.
Valentina è veneta, ma vive a Roma da 5 anni. Ha studiato Lettere alla Sapienza, adora la scrittura e al momento lavora come hostess. Ama il contatto con il pubblico, le piace stare al centro dell’attenzione e si definisce creativa e decisa.

Alessandra Gambarelli Motodays 2016 Continue reading

Il programma per la pelle bella

Adina Grigore è una giovane imprenditrice americana fondatrice del brand cosmetico S.W. organics, prodotti di origine naturale per la cura della pelle.

Adina grigore

Photo credits: wellroundedny.com

In quest’epoca fortemente orientata al consumo consapevole dei cosmetici e con la virata al naturale di moltissimi grandi brand, la missione di Mrs Grigore ha subito fatto breccia nel mio cuore. La cura del viso passa attraverso ingredienti di qualità, INCI semplici e sostenibili per prodotti facili da usare, multiuso e con costi adeguati. Chi non condividerebbe una mission del genere? Quando poi ho visto il libro che Adina ha dedicato alla bellezza della pelle ho deciso di darle una chance, “Vuoi vedere che trovo la soluzione definitiva a tutti i miei problemi?”

book-SKin-cleanse

Il libro si chiama Skin Cleanse, the simple, all-natural program for clear, calm, happy skin e promette di migliorare la pelle spiegando tutte le motivazioni per cui la skincare come la intendiamo è solo il risultato dei decenni di marketing delle case cosmetiche: dispendiosa, inefficente, non formulata per il nostro bene.

La prima pagina del libro è in pieno stile motivazionale anni 2010, “Dedicated to you, because you’e awesome” e la mia prima reazione è un misto tra il “Dai su, non esageriamo” e “Anche meno Adina, anche meno”. È vero che più ce lo ripetiamo, più aumentano le chance che ci entri in mente, ma non è questo il momento Adina, parliamo di pelle.

Ma di pelle poi si parla veramente, per ben 220 pagine, con un esordio forte davvero: ci hanno insegnato a temere le imperfezioni, ad ossessionarci col brufolo, i pori dilatati, le rughe, fornendoci come soluzione prodotti chimici.

SKin-cleanse-illustrazione-1 SKin-cleanse-illustrazione-3

Oscillando fra affermazioni “un filo integraliste” (secondo Adina dovremmo decisamente provare ad affrontare la pulizia del viso con la sola acqua e per me è NO) e verità inconfutabili (basta con lo skin shaming, l’idea che l’unica pelle che vada bene sia quella photoshoppatissima delle fotografie), Skin Cleanse comunica una grande lezione: la bellezza della pelle viene dall’interno, dall’alimentazione e dalle nostre abitudini. Ma le regole per l’healthy living non sono certo universali, ognuno deve seguire ciò che il proprio corpo richiede, pur con un comune filo conduttore.

SKin-cleanse-illustrazione-4

E qui Adina si scatena: w la verdura, la frutta, facciamo il pieno di vitamine e cibi freschi e salutate col labbro tremulo l’alcool, i fritti, i cibi raffinati e pieni di conservanti. L’equazione non è perfetta, non ci sarà una corrispondenza univoca fra barretta calorica al cioccolato e brufolo della mattina, ma non aspettatevi che la pelle faccia finta di nulla nei periodi di cibo in scatola, pizza e gelato. Per quanto il libro spieghi con dovizia di particolari le grandi linee della alimentazione più adatta ad una bella pelle, non posso fare a meno di pensare che in fondo sono cose che sappiamo già, no?

SKin-cleanse-illustrazione-2

L’acqua, poi, è l’altro ingrediente fondamentale: bevetene in abbondanza, concedetevi un bel tè verde, gli infusi, i centrifugati e dite addio all’alcool (zucchero liquido secondo Adina per i suoi effetti sul corpo), succhi di frutta e bibite gassate. Niente di nuovo, quindi.

C’è un cenno alla dibattuta vicenda “Il latte fa male alla pelle?”, ma saggiamente non c’è una presa di posizione radicale. Di sicuro in alcuni casi l’aumentare di brufoli e imperfezioni si lega al consumo eccessivo di latticini (la sottoscritta in primis), di sicuro il latte è veicolo di antibiotici e ormoni somministrati alle mucche, ma nessuno di noi vi dirà che il latte è il male, ma solo provate a diminuirne le dosi per provare.

A proposito di prove Adina Gligore suggerisce un metodo infallibile per individuare gli alimenti che più fanno impazzire la nostra pelle: il food journal. Prendete nota di tutto quello che mangiate per un intervallo di tempo fra i 3 e i 7 giorni, annotate anche la situazione della vostra pelle e poi traete le vostre conclusioni. Molto probabilmente riuscirete ad individuare quei due o tre ingredienti che la vostra pelle proprio non digerisce.

Chi esce vincitore da questo libro? Gli oli naturali, olio di cocco in primis, olio extravergine d’oliva poi.

I grandi sconfitti? I prodotti cosmetici, ma non tutti, quelli della grande distribuzione sicuramente.

La riflessione? Siamo circondate da composti chimici, li respiriamo, li assumiamo con i cosmetici fino a farli arrivare in circolo nel sangue, ma non facciamoci prendere dal panico. Troverete una lista parziale, ma sufficiente, dei primi ingredienti da evitare (formaldeide in primis, controllate che gli smalti che usate ne siano privi), e la versione cosmetica del food journal. Segnate i prodotti cosmetici di uso giornaliero, provate a farne a meno per qualche giorno in maniera alternata e tirate le conclusioni: forse c’è qualcosa che usate che non fa al caso vostro.

Non è un libro imprescindibile questo Skin cleanse, ma contiene una buona percentuale di informazioni ragionevoli, ricette interessanti per chi ama la cosmetica fai da tè e qualche consiglio utile (food journal su tutti!) più una punta di esagerazione sulla quale ho chiuso un occhio.

La morale? Sempre da tenere a mente: non aspettatevi che siano solo i cosmetici a fare il loro lavoro, se non migliorate anche l’alimentazione nulla cambierà e voi avrete speso soldi inutilmente.

Continue reading

Kate Winslet testimonial di L’Oreal esige nel contratto la clausola “no photoshopping” e spiega perchè…

kate-winslet_L'OREAL_ NO PHOTOSHOP

Capita sempre più frequentemente di vedere copertine di riviste e campagne pubblicitarie con testimonial totalmente trasformate dal fotoritocco, al punto da chiedersi perchè scegliere una modella, una cantante, un’attrice famosa, pagarla fior di quattrini, per poi renderla irriconoscibile attraverso l’uso selvaggio di Photoshop. C’è chi con questo meccanismo non ci sta e ha deciso di dirlo a gran voce.

Kate Winslet, ingaggiata per la nuova campagna pubblicitaria L’Oreal ha espressamente richiesto all’azienda che nel contratto venisse inserita la “no photoshopping clause” ovvero una clausola che vieta al brand di manipolare gli scatti della campagna che la vedranno protagonista con Photoshop. Interpellata dai giornalisti sulla singolare richiesta (ci sono colleghe che chiedono l’esatto contrario, pur di apparire perfette), l’attrice quarantenne ha candidamente risposto così:

“Abbiamo una responsabilità importante nei confronti delle nuove generazioni, specie delle giovani donne. Vorrei che venisse sempre raccontata la verità su di me e su chi sono veramente in modo che esse possano avere dei modelli forti da seguire. Tocca a noi crescere le giovani donne come persone forti. Questo per me è davvero importante”.

Non sappiamo se questa importante presa di posizione contribuirà a cambiare le cose, se l’industria della moda e della bellezza, le riviste, le agenzie di modelle, smetteranno di proporre ideali di bellezza irraggiungibili, ma quello di Kate Winslet, che per prima è stata vittima di fotoritocco selvaggio per rientrare in certi standard del “gusto” generale, è stato un gesto ammirevole che fa onore ad una donna eccezionale e, oggi più che mai, vera. Continue reading

Le coppie più glamour del momento (FOTO)

www.cpp-luxury.com

Ricchi, belli e con un senso dello stile innato, queste coppie dello star system fanno scintille sia nello street style che nei red carpet. Quasi sempre coordinati e impeccabili, li troviamo insieme agli eventi mondani e nel front row delle sfilate con look da capogiro, tanto da guadagnarsi l’elitaria etichetta di trendsetter.

Perché in amore bisogna essere complici anche in fatto di stile, a maggior ragione quando la partner è una fashion victim. Ed ecco che Olivia Palermo e Johannes Huebl sfoggiano il medesimo stile alla “Upper East Side”, Kim Kardashian e Kanye West agli eventi vanno vestiti coordinati per mostrare quanto la loro sia una coppia salda e perfetta, mentre Angelina Jolie e Brad Pitt ad ogni evento sono sempre i più attesi e i più glamour. Ma i più eleganti in assoluto, e soprattutto attenti ai minimi dettagli, sono i Beckham, impeccabili in qualsiasi occasione dall’aeroporto allo stadio fino ai red carpet più esclusivi. Tra i ricchi, potenti e ovviamente fashion ci sono anche i coniugi Carter, che da più di sette anni danno lezioni di stile, e i Clooney che dal giorno del loro matrimonio sono stati considerati i più chic di Hollywood.

Ecco dunque una gallery con i best look delle coppie più glamour del momento.

David e Victoria Beckham











Kanye West e Kim Kardashian








Olivia Palermo e Johannes Huebl









George Clooney e Amal Alamuddin






Brad Pitt e Angelina Jolie












Tom Brady e Gisele Bundchen


attends the Metropolitan Museum of Art Costume Institute Gala "Superheroes: Fashion And Fantasy" at the Metropolitan Museum of Art on May 5, 2008 in New York City.



Jay Z e Beyoncé









Adam Levine e Behati Prinsloo








Mandatory Credit: Photo by David Fisher/REX (4443780bj)
Adam Levine and Behati Prinsloo
87th Academy Awards, Oscars, Arrivals, Los Angeles, America - 22 Feb 2015

/Rex_Oscars_4443780BJ//1502230200

Questo articolo Le coppie più glamour del momento (FOTO) è stato pubblicato per la prima volta da Viviana Guglielmino su Blog di Moda.

Continue reading

Tagli capelli estate 2015, i look più trendy per combattere il caldo













Tagli capelli estate 2015 – In estate, si sa, la prima voce nella nostra lista di cose da fare è: riuscire a sconfiggere il caldo, e per riuscire a farlo, è utilissimo scegliere un taglio capelli adatto! Personalmente, per quest’anno ho optato per un taglio medio-corto, per tenere alla larga il caldo e non avere l’ingombro dei capelli lunghi, che … ammettiamolo, sono senz’altro bellissimi, ma richiedono sempre molte cure e dedizione.

prosegui la lettura

Tagli capelli estate 2015, i look più trendy per combattere il caldo pubblicato su Pinkblog.it 08 luglio 2015 16:30.


Continue reading