Zaino in spalla per l’autunno 2015 (FOTO)

L’autunno 2015 vuole ancora tutte con zaino in spalla, una tendenza che sembra non voler abbandonare il panorama della moda. Lo abbiamo visto lo scorso anno, dalle più prestigiose passerelle, alle più nascoste strade di città e persino tra i banchi di scuole e università, rendendo felici tutti coloro che hanno voluto unire studio e stile.

Una moda tra le più belle, tra le più apprezzate e sfoggiate, che oggi si presenta in nuovi e svariati modelli. E mentre Gucci e Louis Vuitton, sono rimasti fedeli alle loro linee eleganti e raffinate, altri prestigiosi marchi hanno deciso di dare sfogo alla loro fantasia, proponendo pezzi unici e incontrastatamente di gran tendenza. Semplice e nel colore moda di quest’anno la prima, arricchita da frange e un manico in cocco; pulita ed essenziale, nella sua più tradizionale fantasia, la seconda.

Quando si parla di dar sfogo a fantasia e stravaganza, è il caso di citare grandi nomi come Moschino, il cui stilista, Jeremy Scott, ha dato vita alla sua ultima e irriverente collezione, interamente ispirata a spray e detersivi tipicamente utilizzati per le pulizie domestiche. L’idea è stata proprio quella di contrapporre il lusso al quotidiano, realizzando accessori destinati a diventare un oggetto icona. Accessori tra i quali spicca anche uno zaino, da portare a spalla o a mano.

Credit Photo: www.leitrendy.it

Ancora, Marc Jacobs ha voluto abbandonare le linee classiche è più eleganti, per dar vita ad uno zaino super sporty e ideale per tutti coloro che vogliano calcare le strade del più fashion streetstyle, oppure ritrovarsi tra i banchi di scuola e università senza rinunciare allo stile.
Il modello in tela e con applicazioni e scritte sparse, per un effetto ancora più pop.

Credit Photo: www.grazia.it

Ritornando, invece, alle linee geometriche e pulite, saltano all’occhio i modelli proposti da Sophie Hulme e Michael Kors. La stilista ha dato vita ad uno zaino rettangolare, in pelle nera liscia e impreziosita solo da una chiusura in metallo bagnato in oro. Elegante e raffinato, a prova di vere business woman.
Lo stilista americano, osannato più che mai negli ultimi tempi, ha invece realizzato modelli semplici e dalle tonalità classiche del nero, cuoio e ciclamino per le più romantiche. Nulla di più di qualche cerniera, del marchio in metallo e di borchie sul fondo.

Continue reading

Come nasce un abito d’alta moda Chanel (FOTO)

Ah, Chanel. Uno dei brand di moda più amati, più desiderati, più chic. Un marchio che ha fatto la storia della moda, dell’alta moda. Poesia in passerella, tra tessuti, modelli, idee e creatività. Ma come nasce un abito Chanel prima di essere presentato sui catwalk delle più importanti città? Dal bozzetto alla sartoria, dalla sartoria allo Studio, dall’Atelier Lesage agli Atelier Chanel, per poi ritornare nelle mani di chi ha ideato il primo bozzetto, Karl Lagerfeld.

marieclaire.it
marieclaire.it

In principio Dio creò la terra, esattamente come nel mondo della moda Karl Lagerfeld idea e traccia un bozzetto, quello che nella sua mente era un’immagine lo disegna su carta. È questa la bellezza della moda. Il bozzetto arriva, poi, nelle mani della sartoria che fa dell’idea un modello in juta, poi riprodotto nei tessuti scelti dallo Studio. Tessuti che vengono mandati all’Atelier Lesage per essere ricamati secondo la tecnica Luneville, un ricamo creato per abbellire con punti catenella, fili colorati e spesso metallizzati, perline (soprattutto in vetro) e paillettes tessuti spesso leggerissimi come il velo o l’organza, creando talvolta anche disegni molto complessi.

marieclaire.it
marieclaire.it
marieclaire.it
marieclaire.it

Gli elementi realizzati all’Atelier Lesage sono spediti agli Atelier Chanel in modo che le sarte possano iniziare ad assemblarli. Successivamente l’abito viene indossato da un manichino di legno e abbinato a un paio di scarpe ed è sottoposto, durante l’ultimo fitting e su una modella, all’approvazione definitiva di chi per primo ha ideato il tutto, Karl Lagerfeld. Come un gioco circolare, l’idea viene realizzata da mani esperte che rendono possibile anche le idee impossibili.

Continue reading

Sciarpe per tutti i gusti e per tutte le occasioni (FOTO)

Sciarpa

A partire dal primo freddo novembrino all’interno del guardaroba non possono certamente mancare loro, le inseparabili compagne di avventure nei giorni invernali: le sciarpe. Necessarie, ma anche cool, rimangono sempre il regalo più azzeccato e più apprezzato, nonché uno degli accessori più utilizzati. Ecco tra quali modelli scegliere quest’anno per un inverno super chic e altrettanto caldo.

Si parte dal modello Buffalo, a quadretti rigorosamente rossi e neri di Brook Brothers o bianchi e neri by Steve Madden, nelle varianti blu elettrico e bordeaux firmato J. Crew e beige e marrone di Plum Feathers.

WK00271_RED-BLACK
_9546262(1)
jcrew-checked-scarf
51rp0x2DmAL

Più elegante invece l’intramontabile Burberry o qualsiasi fantasia come quella sui toni dell’arancio di Hugo Boss, ideali per una serata in cappotto e tacchi.

310f24ae50de334821ffe73cf716109a4388ea0f
BO151G00L-G11@5(1)

Ci sono poi gli scaldacollo, amati o detestati a seconda di chi li si indossa. Il grey melange di Even & Odd si abbina a qualsiasi occasione come le strisce bianche, nere e grigie di River Island. Ancora meglio sceglierne uno che dia un tocco di colore, come il bordeaux di Anna Field.

EV451G01V-C11@4(1)
river-island-scarf
AN651GA0Q-G11@6

Ancora più calda e da indossare in diversi modi è la Knit Scarf, la sciarpa con le frange come quella beige di Forever 21.

147901862
Frange

Più ci si avvicina a Natale, più ci vestiamo di rosso, blu e bianco, proprio come Snow Capsule Intarsia Wool Scarf di Chloe.

chloe-scarf

E infine, la sciarpa in pelliccia, capace di affrontare insieme a noi le nevicate in montagna e di essere l’accessorio ideale per un aperitivo sulle piste da sci. Perfetta dunque quella in bianco e nero di Asos, la stola grigia di Max Mara o quella beige interamente di pelo di Talbot.

asos-fur-scarf
5546125406001-a-favore_normal
talbot-014-new-1791678_0x440

Questo articolo Sciarpe per tutti i gusti e per tutte le occasioni (FOTO) è stato pubblicato per la prima volta da Silvia Isola su Blog di Moda.

Continue reading

Karl Lagerfeld entra a far parte del Kim Kardashian game (FOTO)

Dopo le sorelle Jenner, Perez Hilton, André Leon Talley e Anna Dello Russo, anche lo stilista Karl Lagerfeld è entrato a far parte del videogioco Kim Kardashian Hollywood, l’app realizzata dalla regina dei reality show che consente, in maniera virtuale, di diventare una nuova celebrità.

Con l’arrivo di Karl Lagerfeld all’interno del mondo virtuale della Kardashian, sarà possibile far fare al proprio personal avatar acquisti nella boutique dello stilista e indossare alcuni abiti della sua collezione autunno/inverno 2015-2016, gli stessi che sono stati messi in vendita sull’e-commerce karl.com a partire dal 3 novembre.
Ma non è tutto, il vostro avatar potrà indossare abiti firmati Balmain e Givenchy, realizzare dei fashion shooting con la consulenza di Anna Dello Russo, calcare le passerelle dei quattro epicentri della moda in compagnia di Kendall Jenner e partecipare ai party esclusivi con la stessa Kim. Tutto questo alla sola portata di click.

Attraverso l’app Kim Kardashian Hollywood, lo stilista tedesco potrà dispensare lezioni di stile agli utenti e consigli su come realizzare una propria linea di moda. Secondo il WWD, questa collaborazione frutterà un aumento dei seguaci per Lagerfeld (che conta “solo” 1,7 milioni di follower rispetto ai 50 milioni di Kim), venendo così conosciuto e/o apprezzato dai fedelissimi di Kim Kardashian.

Grazie a tutte queste continue novità -nuove location, abiti e accessori di lusso e star guest- l’app si mantiene nella classifica delle più scaricate a tema intrattenimento.
Chi sarà la prossima star guest ad entrare nel favoloso mondo di Kim Kardashian Hollywood?


Questo articolo Karl Lagerfeld entra a far parte del Kim Kardashian game (FOTO) è stato pubblicato per la prima volta da Viviana Guglielmino su Blog di Moda.

Continue reading

La storia della giacca di jeans (FOTO)

Com’è possibile pensare che un capo d’abbigliamento creato circa 135 anni fa sia ritornato di moda con un’ampia richiesta dai consumatori? Nel mondo della moda tutto è possibile e oggi il capo più usato tra le tendenze 2015 è la storia della giacca di jeans. Fondatore dell’azienda ‘Levi Strauss & Co’, il signor Strauss creò la prima giacca di jeans nel lontano 1880 in tessuto denim, facendo di essa una vera leggenda.

Inizialmente, nell’ultimo ventennio del 1800 le giacche di jeans erano pensate ed ideate per gli operai, per i lavoratori delle miniere e per i lavori più pesanti, perchè le cuciture orizzontali che tengono le pieghe possono essere rimosse per dare, a chi lo indossa, maggiore elasticità e comodità. Ma con il passare degli anni il tessuto denim diventò il simbolo di tutti i ragazzi che si aggregarono ai movimenti controcorrente, come la ‘beat generation’ o gli hippie, credendo di poter cambiare il mondo con addosso un semplice paio di jeans.

È così fu: negli anni ’50 chi indossava il tessuto denim era considerato un “alternativo” perchè aveva un punto di vista diverso rispetto a quello comune, andando controcorrente alle culture sottostanti. I non conformisti era quelli che si distaccavano dalle regole della società e lo iniziavano a manifestare utilizzando proprio il proprio corpo e l’abbigliamento, indossando il primo tessuto che stava aderente alle proprie curve. Così il grande boom economico post bellico diede vita ad un’esplosione di novità, soprattutto nel mondo della moda, cambiando totalmente le visioni di stile che fino ad allora erano sempre rimaste fedeli al “non mostrare troppo le proprie forme”.

James Dean fu uno di quelli che dettò con il suo stile inconfondibile alcune regole della moda degli anni ’60,, ricordato nel tempo con il suo look sbarazzino e nella tipica giacca di jeans abbinata ad una t-shirt bianca: questo faceva di lui un’icona di stile e di bellezza maschile d’altri tempi.

huffingtonpost.com

huffingtonpost.com

I più grandi del panorama musicale e dello spettacolo hanno indossato l’intramontabile giacca di jeans: da Marylin Monroe a John Lennon, da Claudia Schiffer a Sara Jesssica Parker e Madonna. Oggi la giacca di jeans torna a fare moda e sembra essere indispensabile averla nel proprio armadio. Più vecchia è, migliore sarà l’effetto, perciò le ragazze di oggi vanno alla caccia nei vecchi armadi delle loro mamme/nonne per ricreare quello stile dal sapore vintage.

Oggi la giacca di jeans è indossata su qualsiasi cosa: sugli abiti lunghi, sui jeans stessi (come prevedeva la tipica moda degli anni ’70), sulle minigonne o addirittura sui vestiti più eleganti per dare un tocco più sportivo. Oggi i migliori brand del panorama modaiolo ripropongono nelle loro sfilate l’intramontabile giacca di jeans in tante varianti, con il pellicciotto all’interno, con stampe appariscenti, nei colori più scuri o nella sua classicità del colore azzurro del tessuto denim.