Contouring & Strobing? Ci pensa la Powder Palette di Pupa Milano

Pupa Contouring & Strobing Powder Palette risponde alle esigenze per chi si avvicina al fantastico mondo del make up, ed alle tecniche più utilizzate delle ultime stagioni. Ma quali polveri utilizzare e come?

LEGGI ANCHE: Pupa Pink Muse, la Nuova Collezione per la primavera 2017

Per chi è ancora alle prime armi e si ritrova a dover scegliere tra innumerevoli tipi di polveri, stick ed illuminanti, la palette Pupa Contouring & Strobing è una scelta a dir poco necessaria, vista la sua versabilità, l’equilibrio e la qualità del prodotto.

Pupa Contouring & Strobing si trova in 3 varianti destinate rispettivamente a pelli chiare, pelli medie e pelli scure. La palette è compatta, molto sottile, dotata di ampio specchio e con ben 4 cialde da circa 4 grammi ciascuna che vanno dall’illuminante ad un light, un medium ed un dark contour.

Guardiamo adesso da vicino le tonalità per pelli chiare e medie che abbiamo provato per voi.

001 Pelli Chiare – Provato da Fausta

La palette, pratica, semplice, compatta contiene 4 cialde, le prime 2 sono un highlighter e un light contour, adatte alla tecnica dello strobing e del contouring, light e medium contour più utilizzabili solo per la seconda tipologia di sculpting. L’illuminante è un color champagne molto satinato, leggero, da utilizzare per applicare la luce nei punti giusti del viso, in base alla forma, su naso, zigomi, fronte, arcata sopraccigliare e mento, il tutto senza appesantire di glitter e perlescenze il viso. Il light contour è una polvere molto chiara, estremamente sfumabile ed al contempo delicata e setosa, da applicare sulla parte interna della guancia e sulla fronte. La cialda medium contour è sicuramente da utilizzare con parsimonia e cura per chi possiede una pelle piuttosto chiara, si tratta una polvere tendente all’opaco ma con un sottotono aranciato e riesce a creare le prime ombreggiature al viso senza appesantirlo e con un effetto decisamente naturale, quale che ne sia la forma, ma se ne consiglia un utilizzo lieve e al contrario ne sconsiglio la stratificazione per evitare di appesantire il viso. Da utilizzare prevalentemente sotto gli zigomi per ricreare la linea naturale, e personalmente anche comoda per praticare una lieve ombreggiatura ai lati del naso per assottigliarne la forma. Infine, la quarta cialda è un dark contour, un marrone molto opaco, con sottotono freddo che si presta benissimo ad incorniciare l’incarnato, essendo utilizzato in zone quali l’attaccatura dei capelli, la parte esterna dello zigomo e delle guance.

La durata è ottima, con l’applicazione di un primer anche piuttosto leggero può durare tutto il giorno sino a tarda sera.

002 Pelli Medie – Provato da Laura F.

Nonostante le terre non manchino nel mio beauty, capita spesso di non avere tutte le colorazioni necessarie per creare le diverse ombreggiature. A volte lo stacco di colore tra le tonalità è troppo evidente, altre cambia addirittura il sottotono e, altre volte ancora, le terre non sono perfettamente opache e dai colori freddi. Insomma, avere una palette che racchiude tutto il necessario per realizzare il contouring semplifica di molto la vita. Bastava già questo per farmi apprezzare la Contour&Strobing Palette, ma Pupa è riuscita a fare di più. La formulazione setosa e impalpabile dei prodotti aderisce perfettamente alla pelle, senza creare ispessimenti e donando un aspetto molto naturale.
Le 3 tonalità proposte, abbinate ad un illuminante dal color champagne, risultano perfette per il mio incarnato medio/chiaro. Il suo arrivo ha comportato l’accantonamento di tutti gli altri prodotti, sia per la praticità sia per le prestazioni. Il prodotto ha infatti un’ottima durata; applicato la mattina, riesce a svolgere il suo lavoro fino a tarda sera.

Nel retro della confezione sono infine indicate le zone da coprire con le polveri numerate, da seguire come esempio in base alla forma del vostro viso.

Pupa Contouring & Strobing Powder Palette è acquistabile presso i punti vendita che trattano il brand e online sul sito ufficiale Pupa Milano al prezzo di 19,90 euro.

Continue reading

Depilazione sopracciglia con filo o con pinzette?

(foto: web)

Tutte le donne devono combattere quotidianamente con i peli superflui, in particolar modo con quelli più evidenti, tra questi quelli delle sopracciglia: la depilazione sopracciglia con filo, nonostante sia una tecnica di depilazione antichissima, è entrata da poco nel panorama dell’estetica italiana. La tenica di depilazione sopracciglia più utilizzata dalle donne italiane è la ceretta, affiancata all’uso delle pinzette per sopracciglia per delineare meglio i particolari ed i dettagli.

Perché, però, sta prendendo sempre più piede la depilazione con il filo?

(foto: web)

La tecnica di depilazione con il filo orientale veniva e viene tuttora usata dalle donne persiane ed arabe per estirpare i peli alla radice. Per loro, mettere in pratica questa tecnica è molto semplice, in quanto parte della loro cultura. Per noi occidentali, invece, è stato complicato avvicinarsi ad essa, in quanto non assomiglia in nessun modo alle nostre tecniche di depilazione. Visti, però, i suoi effetti, è valsa la pena impararla ed inziare a metterla in pratica anche qui.

(foto: web)

Perché è meglio la depilazione col filo per le nostre sopracciglia?

Depilarsi con il filo comporta un gran numero di vantaggi rispetto alla classica ceretta o alle pinzette. Vediamo insieme quali sono e perché dovremmo prediligere questo sistema rispetto a quelli classici:

  • non è doloroso: sembra poco, ma per le donne questo significa tanto, essendo da sempre condannate alla sofferenza per apparire più belle più a lungo. Si sa che i metodi che non causano sofferenza, come la lametta dell’ultimo minuto, non garantiscono neanche un ottimo risultato, anzi: le controindicazioni che ne derivano sono molteplici, prima fra tutte una ricrescita veloce, i peli che si incarniscono e che, quindi, possono provocare la nascita di cisti, ecc. La depilazione con il filo, invece, non è assolutamente dolorosa e garantisce un effetto ottimale senza controindicazioni, ma non solo: oltre a non provocare fastidi è anche piacevole e rilassante! Ebbene si: sembra incredibile, ma durante il trattamento si effettua un delicato massaggio sulla pelle che stimola la microcircolazione. Detto ciò, statiamo una volta per tutte il mito che “chi bella vuole apparire, qualche pena deve soffrire”, qui non si soffre anzi, al contrario, ci si rilassa
  • non esistono controindicazioni: dal momento che per questa depilazione non ventono utilizzate creme, cera o qualsiasi altro tipo di sostanza o corpo estraneo, ma un semplice filo, che potrà essere di cotone o di seta, non saranno possibili realizioni allergiche o irritazioni di alcun tipo. L’unico inconveniente è la durata del processo che, rispetto a quello per la cera, sarà leggermente superiore ma, sicuramente, ne varrà la pena
  • nessun segno post-epilazione: dopo la ceretta, solitamente, la pelle è abbastanza irritata, soprattutto quella di chi ha una pelle più sensibile. La depilazione col filo, invece, lascia la pelle liscia ed omogenea, in quanto non agisce su di essa esfoliandola e sensibilizzandola. Stiamo parlando, quindi, di una tecnica adatta a tutti, ma soprattutto a chi ha problemi di iperpigmentazione
  • la peluria, con il tempo, si indebolisce: se praticata costantemente, questa depilazione contribuisce all’indebolimento della peluria, cosa da non sottovalutare visto che altri metodi di depilazione errati, anche se più veloci e indolori, provocano l’effetto contrario, ovvero l’irrobustimento del pelo ed una ricrescita maggiore e più veloce
  • è possibile agire anche con i peli più corti: sappiamo bene che la ceretta può essere eseguita solo se il pelo ha raggiunto una determinata lunghezza, quindi a volte è necessario aspettare la ricrescita. Con il filo questo non succede: i peli più corti presenti sia nelle sopracciglia che bella zona sopra le labbra possono possono essere tranquillamente eliminati alla radice. Se, quindi, praticherete questo metodo una volta al mese per un paio d’anno, i risultati saranno visibili e la vostra peluria risulterà molto più debole

(foto: web)

Come abbiamo detto, la tecnica di depilazione con filo non è facile da imparare e mettere in pratica: per questo motivo è consigliabile affidarsi a professionisti ed esperti del’estetica, sia per quanto riguarda i corsi di depilazione, se lavorate nel campo dell’estetica, sia se avete intenzione di mettere in pratica questa antichissima tecnica sulle vostre sopracciglia.

Continue reading

Michelle Hunziker per Morellato: pronta la nuova collezione estiva

Al via la nuova campagna Morellato, che presenta le nuove collezioni dei “gioielli da vivere”. La prima ad essere presentata è Tesori, realizzata in argento 925 e caratterizzata dal colore blu degli zirconi che richiamano il Mediterraneo.

Michelle Hunziker per Morellato - collezione Tesori

Michelle Hunziker per Morellato – collezione Tesori

Collane, bracciali e anelli da abbinare, a cui si affianca anche una linea di orologi in cui l’orologio è considerato esso stesso un gioiello, personalizzabile attraverso vari charms.

Accanto a Tesori, Morellato propone la collezione Ninfa, pensata come una linea dalle caratteristiche magiche e simboliche.

Michelle Hunziker per Morellato - collezione Ninfa

Michelle Hunziker per Morellato – collezione Ninfa

Continue reading

Urban Decay Nocturnal Collection

È un’edizione limitatissima e già questo procura immediata acquolina in bocca a tutte le amanti delle palette di Urban Decay. Si chiama Nocturnal Collection e comprende una Shadow Box di ombretti e una serie di rossetti della serie Vice in nuovi colori speciali.

La palette è composta da 12 cialde di ombretto compatto, 8 delle quali appartengono alle collezioni continuative mentre le altre 4 sono tonalità esclusive disponibili solo in altre palette del passato. Il range di colori va dai classici e versatili neutri fino alle tonalità più eleganti del grigio, del nero, del burgundy.

Le finiture sono varie, da quelle opache a quelle shimmer passando anche per qualche accento apertamente glitter e alcuni duotone dall’effetto molto interessante e sfaccettato. Nella confezione c’è anche un doppio pennello per applicare e sfumare il trucco sugli occhi.

Con o senza il rossetto abbinato, il look potrebbe dirsi già completo con la sola palette, studiata per offrire la possibilità di creare sia trucchi da giorno che make-up serali, anzi notturni visto il nome della collezione.

Ma il rossetto c’è: appartiene alla fortunata serie Vice con formula cremosa e viene proposto in nuovi colori, due neutri e due scuri. Si chiamano Fireball, un pesca metallico; Lawbreaker, un marrone medio con finish sheer; Nonsense, un rosa opaco; Backstab, un porpora intenso.

Continue reading

Non solo musica ma anche moda sotto i riflettori di Sanremo 2017

Si chiama Sanremo Fashion Award, il primo Premio Moda che, ideato e organizzato dalla pugliese Carmen Martorana Eventi, con il patrocinio della Camera della Moda Italia e in collaborazione con FestivalNews – il quotidiano ufficiale del Festival di Sanremo fondato e diretto da Ilio Masprone -, si è svolto in occasione del 67° Festival della Canzone Italiana.


L’iniziativa, che si è tenuta durante i giorni della kermesse canora, ha visto come protagonisti principali l’eleganza e lo charme che, sullo sfondo dei lussuosi yacht di Porto Sole, sono stati ospiti della trasmissione CiaoSanremo in onda su CANALE Italia/Sky condotta dal giornalista Ilio Masprone.

L’evento è continuato con shooting e defilè estemporanei nei luoghi più suggestivi della città dei fiori – tra cui la scalinata del Casinò di Sanremo, il più antico d’Italia – che hanno catalizzato l’attenzione di tutti i presenti che hanno applaudito e fotografato le bellezze mediterranee. Le giovani modelle e la vincitrice Top Fashion Model 2016, Ilaria Petruccelli, hanno indossato gli abiti della nuova collezione Capsule Red – dai tratti passionali e sensuali con un finale dorato – firmati da Maria Pia Eramo, i capi romantici della talentuosa stilista Arianna Laterza – entrambe le stiliste sono iscritte alla Camera della Moda Italia -, e gli abiti eleganti di alta moda del testimonial Roberto Guarducci, stilista che ha lavorato per oltre un ventennio nella maison Fendi. I servizi fotografici e video sono stati curati da Max Arcano, Vito Donadei e Antonio Conte.

A chiudere con successo la tre-giorni, è stata la partecipazione delle modelle della Carmen Martorana Eventi al programma Uno Mattina in Famiglia – Speciale Sanremo di Gianni Ippoliti in diretta dal red carpet del Teatro Ariston su Rai Uno.

Il trucco è stato curato da Marina De Iudicibus – che fa del make-up una professione creativa e artistica -, e l’hair style da Gaetano Tomeo che, mescolando artigianalità e arte, riesce a donare classe e personalità a ogni sua acconciatura.

A breve sarà annunciato il nome dello stilista vincitore del Premio Moda Città di Sanremo a cui sarà consegnata una Crociera Costa e l’invito a partecipare come ospite alla seconda edizione del format Moda Top Fashion Cruise 2017, ideato dalla Carmen Martorana Eventi. Inoltre, sarà nominata la modella Sanremo Top Fashion Model che potrà accedere di diritto alla finale di Top Fashion Model consentendole inserimenti in manifestazioni nazionali di moda.

«Sono orgogliosa e soddisfatta – commenta Carmen Martorana, ideatrice e organizzatrice di Sanremo Fashion Award, titolare della Carmen Martorana Eventi e Presidente della Camera della Moda Italia – di aver portato in passerella a Sanremo un evento ideato e organizzato interamente dalla mia agenzia. È stata un’importante opportunità che ha consentito di mettere in vetrina e valorizzare a livello nazionale l’eleganza, il fascino e la moda durante la gara canora più importante d’Italia. Arrivederci al prossimo anno!»


La Carmen Martorana Eventi ringrazia Profumeria Antica Crabtree Evelyn di Bari.

Questo articolo Non solo musica ma anche moda sotto i riflettori di Sanremo 2017 è stato pubblicato per la prima volta da adminmoda su Blog di Moda.

Continue reading