Datemi i costumi di Carnevale

costumi carnevale donna

Ci provo a essere migliore, a non farmi prendere dall’euforia di fronte ai costumi di Carnevale da donna. Rimango sempre un po’ così, incantata. Perché li indosserei tutti, nessuno escluso per cambiare, guardarmi con abiti diversi, anche solo per curiosità. Sarà che sono dei Gemelli e avere la sensazione di poter reinventarmi da sempre mi affascina. Direi che proprio odio rimanere ferma e pensare di essere sempre la stessa, nonostante l’età che passa, l’esperienza che la vita ti costringe a fare, gli amori che vanno e vengono. Ecco, diffido sempre di chi, con convinzione, crede di non essere cambiato mai, di aver sempre seguito i binari lineari, senza mai una curva. Se la coerenza è una qualità, a me manca in questa vita e aspetto che altri l’abbiano per me, incapace di gestire anche solo una giornata all’interno di schemi prestabiliti, fosse solo quello di un foglio Word.

Cambio e ricambio e penso che sia bello così. Chiamiamolo pure spirito di adattamento a seconda di quello che succede. E mi piacciono quelli simili a me, anche un po’ sognatori, che non si accontentano ma vivono per quello che sono. Semplicemente imperfetti.

Lo sapete ormai, non dico nulla a caso.
Pensate che sia Carnevale oggi, ora e subito. Uscite dagli schemi e provate a osare con stile. Immaginate che il mondo sia diverso da quello che avete visto e assaggiato fino ad ora. Provate a iscrivervi a un corso di ballo, piuttosto che in palestra tanto alla prova costume arriveremo tutte con qualche chilo di troppo. Inseguite il vostro sogno anche se tutti vi dicono che sia impossibile, comprate quell’abito che vi piace e che cosa importa se è davvero mini? Lo indosserete in spiaggia. Guardate il bicchiere sempre mezzo pieno, che a vederlo vuoto ci sarà sempre tempo. Rialzatevi quando siete a terra e affrettatevi a dimenticarlo se vi ha lasciato ora: del resto, l’estate è alle porte e nuovi amori sono in vista. E non aspettano altro che voi.

Vi dirò di più, in fondo, credo che ognuno di noi dovrebbe indossare una maschera ogni Santo giorno. E che la migliore, tra tutti i costumi per Carnevale possibili e immaginari, sia sempre quella del sorriso.

L’articolo Datemi i costumi di Carnevale sembra essere il primo su Glamour Marmalade.

SPUGNETTE DA TRUCCO: REAL TECHNIQUES

spugna per il trucco beauty blender

Sembrava si fosse sopito, invece l’entusiasmo per la Beauty blender è tornato prepotente nei beauty blog mondiali. Sarà una coincidenza che adesso la più amata spugna da trucco fucsia in Italia è comodamente in vendita da Sephora? Per la versione classica il prezzo è 16,90 euro, ma esistono anche le versioni ultra mini per correttore, nera per i professionisti del make-up, la rossa, la bianca per i trattamenti viso e quella per il corpo. I prezzi? Possono arrivare anche ai 25 euro. La funzionalità della Beauty blender, però, pare sia fuori discussione. Niente a che vedere con le spugnette in lattice che rimangono comunque in commercio, ma che bevono il prodotto, si macchiano irrimediabilmente e che fan tanto anni ’80. Sono stata più volte tentata di acquistarla, ma non l’ho ancora fatto per un motivo molto semplice: ho trovato una degna sostituta, almeno per le mie esigenze. Ritorniamo a parlare di Real techniques delle sorelle inglesi Pixiwoo. Se già alcuni anni fa vi consigliavo con trasporto di acquistare la loro linea di pennelli, economici e fenomenali, oggi vi dico: provate anche la loro Miracle Complexion Sponge. Forma ad ovetto simile alla Beauty Blender, ma in più ha anche un lato appiattito per lavorare il fondotinta intorno al naso e occhi. Come si usa? Lo spiega Samantha Chapman in questo video. Fondotinta sul dorso della mano da prelevare con la spugna o già applicato sul viso con 4 o 5 ditate, potete intenderlo usando i lati curvi della spugna, oppure picchiettarlo per avere maggiore copertura. C’è bisogno di correttore su alcune imperfezioni? Applicatelo sul punto da nascondere e picchiettate con la punta della Miracle sponge. Serve correttore per le occhiaie e ai lati del naso? Usate il lato piatto e la stessa tecnica di prima: stendere il prodotto per copertura leggera, picchiettare per copertura maggiore. La Miracle complexion sponge in breve Va usata umida come la beauty blender? Non necessariamente, non trovo assorba troppo prodotto da asciutta, come invece pare succeda con la beauty blender, ma da umida sicuramente aumenta leggermente di volume ed è piacevole da utilizzare con prodotti liquidi. Perché usare una spugna invece che un pennello? Non c’è una regola precisa, usate quello che trovate più comodo. Con la spugna c’è meno pericolo di striature da setole e si ottiene più facilmente un look uniforme. Con questa spugnetta è possibile, inoltre, applicare più prodotti: fondotinta, fard e cipria. Meno pennelli da mettere nel beauty case! Quando cambiare la spugna? Io la lavo dopo ogni utilizzo e dopo 2 settimane di uso quotidiano ed intensivo è ancora perfetta. Real techniques consiglia di sostituirla ogni 1-3 mesi, a seconda dell’uso che ne fate. Dove comprarla? Su Amazon, Boots, per un prezzo medio di 8 euro. Decisamente un affare rispetto ai 16 euro della Beauy blender. Vi abbiamo convinte a provarla

 

Gli stivali chic and cheap per l’inverno 2016 (FOTO)

Noi di Blog di Moda siamo convinti che moda non voglia dire ricchezza. Certo, le maison haute-couture ormai hanno prezzi da capogiro che in pochi possono permettersi, ma, rimanendo fedeli al concetto di moda inteso come stile personale e buon gusto, ci sono anche altri brand che propongono capi super chic a prezzi più abbordabili.

E visto che l’inverno è ormai alle porte, noi di Blog di Moda abbiamo deciso di darvi un aiutino in merito a uno degli accessori must-have della stagione fredda: lo stivale. Ogni anno ciascuna di noi cambia modello di stivale, puntando tutto su un unico paio perfetto per qualsiasi occasione. E quest’anno c’è solo l’imbarazzo della scelta.

A partire dal brand pioniere del gruppo Inditex, Zara, che quest’anno propone una collezione autunno/inverno dai colori caldi e dal mood gipsy-chic. E non solo in fatto di abbigliamento. Ecco che vediamo un paio di ankle boots color tortora con frange in stile Seventies: perfetti con un abito per un aperitivo in centro o con un paio di jeans per un pomeriggio di shopping.

Credit photo: thezoereport.com

Credit photo: thezoereport.com

E non può mancare H&M che invece lancia sul mercato la sua idea di stivale per l’inverno 2016: basso, dai toni caldi ma scuri, impreziosito da due fibbie sottili. Casual, ma raffinato.
Più sensuale è invece la versione dello stivale di River Island: alto, over the knee, nero in suède e dal tacco vertiginoso.

E visto che quest’anno la parola d’ordine è stampa animalier, Mango conquista tutti con il suo paio di ankle boot pitonati. Perfetti per chi non ha paura di stupire.
Più classici sono invece gli stivaletti di Calvin Klein. Color verde petrolio, con dettagli metallici dorati e dal tacco alto ma spesso: un vero e proprio passepartout.

Quest’inverno gli stivali la fanno da padrone. Non resta altro da fare che scegliere il paio perfetto di cui innamorarsi per tutta la prossima stagione.

Questo articolo Gli stivali chic and cheap per l’inverno 2016 (FOTO) è stato pubblicato per la prima volta da Beatrice Bassani su Blog di Moda.

Continue reading

Eva Menta una ragazza alla moda

image2Oltre 9.500 like su Facebook, 11.700 followers su Twitter e 343.000 followers su Instagram, in più un blog personale. E’ con immenso piacere che ha accettato la nostra intervista una delle fashion blogger italiane più famose della rete, una giovanissima bellezza italica che oltre che per la sua naturalezza e bellezza è sempre più famosa: sono lieto di presentarvi Eva Menta.

IMG_9722Ciao Eva, benvenuta sulle pagine di BE!Magazine, presentati ai nostri lettori.
Ciao ai lettori di BE!Magazine sono Eva Menta, ho 20 anni e vivo in uno splendido paese in provincia di La Spezia considerato dal Times tra i 100 paesi più belli al mondo. Da due anni circa sto vivendo una favola che adesso vi racconterò.

Come e quando nasce la tua passione per la moda?
Nasce dopo la prima superiore forse un po’ tardi, diciamo che non sono mai stata fissata con la moda, mi piaceva come ogni altra donna

Cosa ti ha spinto a diventare una fashion blogger?
Avevo acquisito un sacco di seguito sui social e curiosando qua e la sui social avevo trovato il profilo di Chiara Biasi che mi incuriosì molto. Mi piaceva il modo in cui raccontava la sua vita rimanendo comunque una ragazza semplice, e da lì che ho deciso, spinta anche dalle incitazioni da parte dei miei followers, di diventare una blogger.

34La tua vita è cambiata nonostante la popolarità che aumenta?
Certamente la mia vita è cambiata, la gente inizia a riconoscermi per strada, a fermarmi per fare una foto, a guardare quello che faccio mentre sono seduta ad un bar. Per farti un esempio pochi giorni fa sono stata al Beach Club in Versilia, ho preso un drink e mi sono seduta in un punto del locale poco affollato per bere in tranquillità. Dopo poco avevo un’incredibile folla davanti che mi fissava, devo ammettere che mi sono sentita un po’ a disagio.

Hai un blog, una pagina Facebook, un profilo Twitter e uno Instagram, li gestisci direttamente tu?
Certamente, li gestisco io insieme a mio fratello che mi aiuta a rispondere alle e-mail e a scrivere articoli gli articoli per il blog. Abbiamo deciso di non accettare nessuna proposta da parte di agenzie pubblicitarie.

Chi è Eva quando non è sotto i riflettori?
Eva fuori dai riflettori? So che è difficile da credere ma è una ragazza timida, introversa, molto tranquilla. Non mi piace frequentare luoghi troppo affollati, amo la tranquillità.

I tuoi stilisti preferiti?
Mi piace molto Dsquared, Cavalli e Chanel.

53Qual è lo stile che preferisci e qualche consiglio per i nostri lettori e le nostre lettrici.
Non ho proprio uno stile preciso mi piace cambiare in continuazione e rinnovarmi, passo da outfit casual, sportivi (il massimo della comodità) a outfit più complicati con vestiti e tacchi, l’importante è sentirsi a proprio agio SEMPRE in ogni occasione. L’unico consiglio che posso dare alle vostre lettrici è proprio questo: VESTITI COME VI PARE BASTA CHE VI FACCIA SENTIRE BENE.

Parti per una vacanza: l’outfit e l’accessorio che non devono mancare nella tua valigia.
Un paio di occhiali da sole, sicuramente sono l’accessorio del quale non posso fare a meno. L’outfit che non può mancare? Sicuramente una tuta comoda e delle scarpe da ginnastica. Continue reading

Le 5 regole di stile di Anna Dello Russo (FOTO)

Le 5 rgole di stile di Anna dello Russo (FOTO)

Se c’è una donna in grado di stupire sempre con i propri outfit senza mai risultare banale questa è Anna Dello Russo. Il suo stile fuori dal comune, stravagante, colorato ed eccentrico per eccellenza è conosciuto in tutto il mondo grazie ai numerosi scatti che la vedono protagonista e ogni sua apparizione nello street style, alle sfilate o agli eventi più esclusivi è una nuova sorpresa. La consulente creativa di Vogue Japan è una visionaria in fatto di moda, anticipando le tendenze o creandone di nuove, personalizzando qualsiasi capo d’abbigliamento che addosso a lei diventa un must have, impossibile però da copiare. Sì perché il suo stile è davvero unico e nessuno sarebbe in grado di indossare con la sua stessa non chalance capi ed accessori tra i più particolari. I suoi abbinamenti eccentrici pensati proprio per stupire e catturare sguardi e macchine fotografiche mostrano una disinvoltura estrema e una forza carismatica che dimostra quanto la Dello Russo non si voglia mai piegare alle mode, ma creare le proprie. Da un’analisi del suo stile abbiamo individuato le 5 regole principali che definiscono gli outfit di una delle trendsetter più seguite.

Sì ai cappelli stravaganti

I cappelli eccentrici sono i suoi accessori preferiti. Che siano maxi, mini, a forma di ciliegia, Topolino, fette di cocomero tempestate di strass o qualsiasi altra forma possibile o immaginabile, tutti i copricapi hanno fatto tappa sulla testa di Anna Dello Russo. Un elemento basilare del suo stile, di cui la fashion victim non può fare a meno e che abbina sempre in maniera impeccabile agli abiti che indossa. Regola numero uno in fatto di cappelli? Mai toglierli al chiuso, in quanto questi fanno parte del suo outfit.

veletta-kika2594740_anna-dello-russo_jpg_485x0_crop_upscale_q85
anna-dello-russo-ciliegie-dmoda

Sì ai mini dress

Anna ama mostrare il suo fisico asciutto e le sue lunghe gambe, sfoggiando mini dress colorati e super chic, abbinati a mini bags, tacchi 12 o scarpe da ginnastica, giacche super large in cui i mix di colori non mancano. Nel suo guardaroba non mancano nemmeno i long dress, ma i vestitini corti sembrano essere i preferiti della giornalista.



Sì alle scarpe da ginnastica super colorate

Cosa c’è di più stravagante che indossare un abito elegante e raffinato con un paio di scarpe da ginnastica colorate e decorate da gingilli, piume o strass? Anna Dello Russo non si è fatta mancare nemmeno questo abbinamento, sfoggiato con estrema disinvoltura. Le sue scarpe preferite rimangono però quelle con il tacco vertiginoso.

anna
ellecanada.com
vogue.com

No al total black

Lei stessa aveva dichiarato in un’intervista che “l’oro è il nuovo nero”. Niente black block per la Dello Russo che ama i colori e i mix di numerose nuance nello stesso outfit più di chiunque altro. Osare è la parola d’ordine nel suo stile e per il nero c’è davvero poco spazio.

Le 5 regole di stile di Anna Dello Russo (FOTO)

No alle maxi bags

Niente maxi bags per la regina dello stile eccentrico, che sfoggia in ogni occasione mini bags tra le più particolari, dai colori e dalle forme più strane. Dalle clutch gioiello, con diamanti e brillantini incastonati alle mini bags a tracolla.


ellecanada.com
anna-dello-main_2209685a
1307301053405172811423098

Questo articolo Le 5 regole di stile di Anna Dello Russo (FOTO) è stato pubblicato per la prima volta da Roxana Ionita su Blog di Moda.

Continue reading