Mr.Burberry, l’attesa nuova fragranza ispirata al trench coat nero

È stata anticipata da una certa suspance e finalmente è arrivata, la nuova fragranza per uomo Mr.Burberry. Christopher Bailey, direttore creativo del brand, l’ha definita “la nostra fragranza per uomo più importante di sempre”, perché in sé racchiude l’anima del marchio, celebra l’iconico trench che ne rappresenta ormai il simbolo e rende omaggio alla città di Londra.

Mr.Burberry è una fragranza tradizionale e irriverente al tempo stesso, elegante ma non impeccabile; il flacone è ispirato al trench coat nero, la campagna è stata girata da Steve McQueen, per la prima volta alle prese con uno spot pubblicitario, e realizzata utilizzando una pellicola da 70mm per la quale è stata necessaria una delle uniche 6 cineprese di questo tipo ancora esistenti al mondo, una scelta precisa che vuole comunicare, una una sola parola, unicità.

A proposito della fragranza: le note di testa sono pompelmo, dragoncello e cardamomo, le note di cuore foglia di betulla, olio di noce moscata e legno di cedro. Per le note di fondo vetiver, legno di guaiaco e  legno di sandalo.

MR-BURBERRY-Josh-Whitehouse
Continue reading

Pascal Craymer, sotto il vestito niente!

Per la conturbante Pascal Craymer, starlette britannica ed ex fiamma del calciatore Ashley Cole, vestirsi è un concetto… astratto. Paparazzata all’uscita di un locale londinese, dopo una festa di compleanno, la sexy modella ha sfoggiato il suo esagerato nude look. Fasciata da un sinuoso  abito verde svolazzante, completamente aperto sui fianchi e sul décolleté e con una striscia di stoffa tra le gambe, la ragazza ha mostrato le sue curve da capogiro. Sotto il vestito niente! Per la gioia di fans e paparazzi.

2222222222222222222222222222222222222222222222222222223image1222222222222222222222222211image

Continue reading

IL BELLO DELL’ACIDO IALURONICO

Big Hydraluron.jpg

Fino ad un anno fa non sapevo cosa volesse dire avere la pelle disidratata e ignoravo i segnali continui che mi arrivavano: pelle segnata dal freddo, l’aspetto un po’ spento, sofferente, più segnata del solito e col colorito grigio inverno. Temevo che una dose extra di idratazione andasse a rovinare l’equilibrio già precario di una pelle grassa e tendente all’oleoso. Niente di più sbagliato: tutti i tipi di pelle hanno bisogno di extra idratazione d’inverno, nei periodi di stress e quando viaggiate spesso per lavoro o vivete la routine dei mezzi pubblici ogni mattina. La pelle è l’organo più esposto agli agenti atmosferici, prediamocene cura. E ricordate: la disidratazione è il primo passo per l’ invecchiamento precoce, vi ho convinte? Quando ho cambiato la mia routine giornaliera di skincare con i consigli di Caroline Hirons ho capito la differenza che fa l’idratazione corretta.

Uno dei must have secondo Caroline, la più brava beauty blogger inglese, è l’Hydraluron, moisture booster, un siero idratante a base di acido ialuronico prodotto dagli Indeed Labs. Caroline ne fa una descrizione precisa ed appassionata tanto che fino a quando non l’ho provato in prima persona ho avuto sempre il chiodo fisso: cosa farà mai di così straordinario? L’ho acquistato da Boots, il rivenditore ufficiale, ma potete ordinarlo online senza prenotare un volo per Londra.

Questo siero è una sferzata di idratazione come mai ne ho provate prima: è un gel trasparente che si assorbe immediatamente, contiene acido ialuronico, cioè uno dei componenti essenziali della pelle che abbonda nella pelle giovane e va scemando con l’avanzare dell’età. L’acido ialuronico trattiene l’acqua mantenendo, quindi, la pelle idratata, elastica, bella. Lo scopo di questo siero è, allora, fornire la giusta quantità di acido ialuronico ogni giorno in maniera che la pelle mantenga la sua idratazione più a lungo e abbia bisogno di quantità minori di crema idratante a lungo andare. L’effetto idratazione si sente già alla prima applicazione: basta una nocciolina di prodotto, da applicare dopo il tonico e prima della crema idratante.

Io lo uso una volta al giorno, di sera preferibilmente, e noto un miglioramento radicale della pelle già dopo un mese di uso quotidiano. In caso di pelle fortemente disidratata potete optare per la doppia applicazione, mattina e sera. Questo siero vi aiuterà a rendere la pelle migliore dall’interno, senza trucchi, riparando i danni di una vita poco regolare, con alimentazione caotica e agenti esterni aggressivi, ma non illudetevi di far tutto solo con un siero, seppur potente ed efficace come questo. Per una pelle bella serve una routine di pulizia e cura precisa e ordinata. Non aspettatevi di usare solo questo prodotto senza esservi struccate, senza una detersione accurata e prima di ottima crema idratante. Per i miracoli non si è ancora attrezzato nessuno.

 

L’ELBOW GREASE SECONDO LUSH

La premessa: se siete a Londra o se ci andrete a breve andate in Oxford Street e passate almeno 30 minuti nel nuovissimo negozio Lush.

Lush oxford street Londra

Due piani, musica assordante, un mare di gente e frotte di commesse che provano a venderti qualsiasi cosa. Questo nuovo punto vendita è assolutamente inedito per forma e concept perché non solo propone un piano dedicato interamente ai trattamenti, ma ha moltissimi prodotti esclusivi non in vendita negli store online italiano e inglese. Solo la sezione make up propone rossetti in stick longlasting, ombretti minerali in forma solida da usare come gessetti colorati, pigmenti sfavillanti, ma potete trovarci anche prodotti per capelli, per il corpo e sapone in fogli. Sì, avete letto bene.

Lush oxford street Londra

Lush oxford street Londra prodotti

Lush oxford street Londra eye jewels

Lush oxford street Londra rossetti

Durante questa esperienza di shopping estremo ho vissuto il mio primo momento di senilità perché il mio cervello s’è chiaramente inceppato: ho visto troppe cose belle, volevo comprare tutto, ma sono uscita con un solo prodotto. Fortuna ha voluto che abbia beccato quello che è in vendita anche in Italia e online, per cui vi consiglio di provarlo, comprarlo, usarlo.

Si chiama Elbow grease ed è un panetto idratante a base di olio di cocco, burro di murumuru e cupuaçu, con un odore fiorito persistente dovuto a neroli, ylang ylang e fiori d’arancio.

Elbow-Grease-Cosebelle

Elbow-Grease-Cosebelle0

Ha l’aspetto di un panetto di burro, quando lo usate sembra davvero di imburrarvi come una teglia, ma è decisamente più comodo, anche se il consiglio è conservarlo sempre in un luogo fresco e asciutto per evitare che diventi appiccicoso.

Elbow-Grease-Cosebelle3 Elbow-Grease-Cosebelle4

Scartatelo, strofinatelo sulla pelle e poi massaggiate respirandone il profumo. Si assorbe facilmente e lascia la pelle morbida, luminosa e profumata a lungo. Inizialmente pensato per ammorbidire gomiti, ginocchia e, in generale, tutte le parte secche, piedi e mani comprese, Elbow Grease può essere usato come trattamento idratante di bellezza anche per le pelli tatuate. L’idratazione, si sa, esalta i colori dei tatuaggi e ne preserva la bellezza. Elbow Grease non unge ed è lenitivo e protettivo. Io lo uso sui miei tatuaggi, fatti tutti con inchiostro nero, e l’effetto idratazione e brillantezza è ugualmente ben visibile.

Elbow-Grease-Cosebelle-2

Se dopo l’uso non sapete come incartarlo e portarlo in viaggio o in borsa affidatevi a cara vecchia carta oleata o da forno. Come tutti i prodotti Lush Elbow grease è un prodotto non testato sugli animali ricco di ingredienti naturali.

Se Elbow grease può essere facilmente vostro, il resto delle meraviglie dello shop di Oxford Street va acquistato in loco. Non so se Lush esporterà il modello Oxford Street anche in una grande città italiana, io però ne approfitto: riaprireste almeno il punto vendita di Bari? Grazie.

 (credits: Lush UK & Alessia Ragno)

Continue reading

Le 8 cose da seguire durante la fashion week (FOTO)

weekendpremium.it

Poco più di un mese e Milano sarà il centro della moda nello scenario mondiale. Verrà invasa dai più facoltosi compratori da tutto il mondo e dalle modelle più ambite dello scenario modaiolo. Non tralasciando il fatto che è possibile incontrare donne potentissime come Anna Wintour in una delle tante auto con vetri oscurati tra le strade della città più glamour d’Italia.
La fashion week inizia a New York, per poi spostarsi nella sopracitata Milano, volando subito dopo a Parigi, concludendo il giro a Londra. Insomma un mese intenso di passerelle, party esclusivi nei locali più in delle città e, ovviamente, la presentazione delle sfilate che poi segnano la storia della moda per le generazioni future. Un concentrato di emozioni e glamour nell’aria da lasciare senza fiato anche a chi non concepisce la grandezza di questo business serissimo.

A settembre dal 23 al 29 sarà il turno di Milano, che ospiterà i grandi del fashion system. È bene allora, in vista della fashion week imminente, sapere alcune top cose da seguire se si vuole affrontare una settimana ricca di impegni in giro per la città.

Scaricare sul proprio smarthphone il calendario delle sfilate

Con i rispetti orari, location e nome del brand che sfila, in modo tale da decidere a quale fashion show si è interessati particolarmente e a quale è possibile arrivare più facilmente.

Avere delle scarpe di ricambio

Per potersi muovere facilmente da una location all’altra, visto che tra una sfilata e l’altra vi è un margine di tempo di mezz’ora con circa quindici minuti di ritardo per ognuna.

Avere un mezzo a disposizione per gli spostamenti

Sarebbe comodo avere un mezzo di trasporto che possa aiutare il raggiungimento della prossima sfilata, in vista della frenesia cui sarà vittima la città intera.

Avere il giusto cambio con il capo firmato dallo stilista cui si partecipa

È bene indossare abiti che rispecchino lo stile e la marca del brand cui si è invitati a partecipare, per dare piacere allo stilista stesso e per mostrare anche come lo stilista si sia evoluto rispetto alle collezioni precedenti.

Avere l’invito per poter entrare alle sfilate

É possibile ricevere l’invito alle sfilate milanesi tramite conoscenze all’interno di redazioni importanti di moda, a meno che tu non sia Franca Sozzani, che di certo non ha bisogno dell’invito per poter entrare ad un fashion show.

Avere dei look appariscenti per essere fotografati per strada

Prima dell’inizio della sfilata lo street style ormai detta legge, per questo i fotografi immortalano tutti i look più improbabili che si trovano in giro per le strade modaiole.

Cercare di farsi delle foto con dei personaggi ‘big’ della moda e postarli nel momento stesso sui social

Tramite una foto un po’ particolare si può entrare in contatto con un mondo a cui si è sempre aspirato e sperare di avere tanto seguito anche dopo la fashion week.

Farsi conoscere e presentarsi a gente importante del mondo della moda

Può offrire tante opportunità per farsi notare e perché no, avere anche qualche aggancio per uno stage in una redazione di moda.

Per concludere una chicca per chi è solo curioso e per chi, per una sola giornata, vuole partecipare al mondo frenetico della moda, può benissimo assistere a dei piccoli red carpet davanti l’ingresso dei palazzi in cui avvengono le sfilate, soprattutto dei marchi più grandi e famosi, immedesimandosi nel famigerato e tanto ambito mondo dell’alta moda.

the guardian.com
weekendpremium.it
chaos-mag.com
weekendpremium.it

Questo articolo Le 8 cose da seguire durante la fashion week (FOTO) è stato pubblicato per la prima volta da Giusy Chirico su Blog di Moda.

Continue reading