Davines, la mia hair routine e lo shop online

< davines_shop on line

Sul complicato rapporto tra l’universo femminile e la sua chioma potrei scrivere un trattato e non sarebbe comunque esaustivo. Sì perché i capelli sono per noi donne da sempre croce e delizia, li curiamo, li coccoliamo, li facciamo crescere con tanta fatica, rifuggiamo le doppie punte, ma basta un momento di instabilità emotiva, una crisi, una giornata storta in ufficio ed ecco che andiamo dal parrucchiere, fermamente decise a cambiare look e guai a provare a distoglierci dal proposito.

Così li tagliamo, li tingiamo, li decoloriamo, siamo orgogliose del nostro coraggio, ci sentiamo alla grande. Poi ci guardiamo allo specchio l’indomani mattina e ci pentiamo amaramente dell’insano gesto. Disperate ci chiediamo in lacrime perché lo abbiamo fatto, cosa ci è passato (letteralmente) per la testa, riguardiamo vecchie foto e ci troviamo meravigliose.

Tornare indietro non si può, certo, almeno non subito e così tutto quello che possiamo fare è dare la colpa a quel maledetto del parrucchiere, che come le sirene di Ulisse, ci ha tentato, incantato, raggirato, promettendo di renderci favolose.
Per fortuna però, i colpi di testa (e di forbici) non sono all’ordine del giorno e di norma, ciascuna di noi ai propri capelli ci tiene, li coccola e se ne prende cura. Io ad esempio dopo anni passati a cambiare continuamente prodotti per capelli, ho trovato quello che fa per me, o meglio per loro, ovvero i prodotti Davines.davines_haircare
L’incontro è stato quasi casuale, nel salone di un parrucchiere la scorsa estate li ho provati e me ne sono innamorata, non una passione temporanea ma un amore travolgente, totalizzante, tanto che in un colpo solo ho portato con me a casa shampoo, conditioner e hair milk che mi hanno tenuto compagnia tutta l’estate e mi hanno letteralmente salvato i capelli, messi a dura prova dalla lunga estate sicula, fatta di bagni al mare, in piscina e continuamente esposti al sole in spiaggia come in città. Non potendo ritornare nel salone dove li avevo acquistati per questioni logistiche, mi sono affidata al Davines shop Online e, terminata l’estate, in autunno ho abbandonato la linea “SU” e ho optato per la linea Essential Haircare MINU specificamente pensata per capelli colorati.

La mia prima esperienza è stata positivissima: spedizione rapida e sito ben navigabile. I prodotti, shampo, conditioner e hair mask, sono arrivati in perfetto stato grazie ad un imballaggio a prova di corrieri maldestri e sono diventati i miei fedeli alleati. Il quid in più di questi prodotti è che sono creati nell’assoluto rispetto dell’ambiente con ingrendienti e formulazioni di origine naturale ed ecocompatibili. Se visitate il Davines shop verrete colpiti anche dal packaging, minimal e a impatto zero. Le confezioni dei prodotti Davines sono realizzate infatti con plastiche ad uso alimentare questo vuol dire che una volta terminati non vanno gettate via, ma possono essere adottate successivamente come contenitori porta-oggetti o magari come vasi per piante.

Io ho optato per questa seconda vita per i contenitori della maschera e del conditioner, riempiendoli di terra e interrandoci le mie piantine succulente. Anche questo è riuso, no?
I miei capelli ringraziano e il Pianeta pure.


Continue reading

Prendi il tuo cuore, fallo in mille pezzi

sogni
Siamo questo ogni volta che rincorriamo ciò che vogliamo, anche fosse un amore. Alla ricerca di qualcosa che seguiamo con volontà. Sogni e obiettivi che ci rendono vivi, facendoci uscire dall’immobilismo di una connessione wi-fi, di un iPhone e di una batteria scarica. Che i messaggi dovrebbero servire solo da cornice alle emozioni, con poche parole. Ti penso, mi manchi, ti voglio qui. Servono i silenzi, a volte. Davanti a un bicchiere di vino bianco con la musica in sottofondo. Le note di The power of love. Ed è proprio la forza dell’amore a darci coraggio, a purificare l’anima per la rincorsa smisurata in quello che ci rende felici. Respira, buttati, non guardarti indietro ma sempre avanti. Perché i sogni vanno rincorsi e poi afferrati per mano per stringerli forte e per sentire il battito del cuore esplodere. Il tuo.

Prendi il tuo cuore, fallo in mille pezzi.
E lancialo tra le stelle.
Prima di ricominciare a rincorrere un altro sogno ancora.
E poi un altro ancora.

f fs

L’articolo Prendi il tuo cuore, fallo in mille pezzi sembra essere il primo su Glamour Marmalade.

Stivali Sorel, come indossarli?


stivali-sorel-inverno-1

Sono indietro con il blog, con gli amici, con tutto. Insomma con la vita in generale ma promesso che tra i buoni propositi del 2017 ci sarà anche quello di essere più costante, anche se non lo sono mai stata in nemmeno una delle cose che abbia mai fatto. Posso solo dire che in queste settimane ho avuto di meglio da fare, con una partenza per Parigi organizzata in tempi stretti (anche strettissimi), con la voglia di divertirmi, con le amiche di sempre pronte a farti tornare il sorriso anche solo con un messaggio. Che dire? Nonostante tutto, io mi sento fortunata.

Comunque, tornando a noi: come vestirsi in questo dicembre che sa di primavera? Per il giorno, divertitevi a essere più spensierate possibile. Prendete una minigonna svolazzante e un top con balze, poi abbinateci uno stivaletto. Questo che vedete in foto è di Sorel. Comodi ma anche glam, io li indosserei tutti i giorni a qualsiasi ora. Amo particolarmente l’abbinamento ankle boots e “mostrare le gambe”, perciò perché farlo solo d’estate quando il tempo aiuta anche nella stagione fredda? Ah sì, per completare il look io consiglio non un cappotto o una giacca, ma un parka o un maglione di quelli extralarge, magari rubatelo dall’armadio di lui!

Stivali: Sorel

stivali-sorel-inverno

stivali-sorel-inverno-2 stivali-sorel-inverno-3

Ama e fai quello che vuoi

large (1)

Lasciarsi andare, lasciarsi trascinare dagli eventi, dal caso, dal destino così imprevedibile. Ragionare con il cuore, sbagliare e prendere un’altra volta in mano la tua vita ricominciando a sognare. Aprire i cassetti della memoria e pensare al passato senza malinconia che è la nostalgia a far ritornare indietro sui tuoi passi. E ciò che è stato, le parentesi chiuse, è sempre meglio non riaprirle ma lasciarle dove sono che tanto prima o poi ci penserà il tempo a cancellarle. Sorprenditi di ciò che ti circonda e una volta tanto pensa che realmente tutto sia possibile. Segui il ritmo di un canzone e comincia a ballare a piedi nudi con un mojito in mano. Che l’estate non è finita, è uno stato dell’anima. Lasciati trasportare dal rumore del mare d’inverno e bacia, tanto, se lo vuoi prima che sia troppo tardi. Sii sincera, soprattutto con te stessa. Dì quello che pensi senza paura. Rincorri qualcuno fino a quando è possibile non dimenticando la dignità. Provaci, tenta e – se non va – guarda avanti. Rischia perchè è il miglior modo per non avere rimpianti. Ama e poi fai quello che vuoi.

Se sei capace di vivere con il cuore mettendo da parte la ragione, puoi scoprire che la vita al di là delle barricate più o meno imposte è meravigliosa. E starai lì a guardare la noia di quelli che passano le giornate solo seguendo le logiche.  Anche l’amore richiede coraggio. Soprattutto l’amore.

tumblr_nzmtlwo0zK1t2ooflo1_250

large

 

Malika #Naiftour2015

malika naif tour 2015 concerto

“Se lo vuoi rimani…”. E’ da giorni che ascolto questa canzone. Avete presente quando qualcosa vi entra prima in testa e poi nel cuore? Ecco, così “Adesso è qui”, cantata in chiusura da Malika per il concerto ad Assisi per il Naif tour 2015, è diventata la canzone da ascoltare ogni minuto del giorno e della notte. Sarà per quella sorta di “nostalgico presente” o per le parole. Perché sapete? Amo le parole più di ogni altra cosa. Quelle sussurrate, ingenue, quelle che non ti aspetti, scritte, anche quelle non dette perché spesso i silenzi dicono tutto, basta guardarsi in fondo per capirsi. “Deciditi a capire che non mi servono fiori  spiegami senza nemmeno parlare che senso hai…”. Parole libere, scontate o ironiche perchè “se ti sorprendi a ridere, solo tu sai perché”. Indecise e confuse, ma consapevoli. “Me ne accorgo così da un sospiro a colazione. Non mi piace sia tu il centro di me”. E i testi di Malika, da “Come foglie” fino a “Senza fare sul serio”, hanno un senso, Naif. Ingenuo ma suggestivo, primitivo. E pure leggero.

Ecco a Malika – compresi i suoi abiti e le sue scarpe – la ami e basta.
(E viste le canzoni possiamo anche perdonarle come balla).

Bisogna fare caso a quando si è felici.
E se potessi tornare indietro nel tempo,
vorrei esattamente essere al concerto di Malika.

malika naif tour 2015

3

L’articolo Malika #Naiftour2015 sembra essere il primo su Glamour Marmalade.