Moda Makers, il meglio del tessile italiano in mostra a Carpi

Giunge alla sua quarta edizione l’evento Moda Makers, divenuto ormai un appuntamento imperdibile per gli operatori del settore moda. Per tre giorni consecutivi, dal 7 al 9 novembre, espositori, buyers, addetti stampa e influencer si incontreranno a Carpi, città fulcro della produzione tessile e dell’abbigliamento.

L’evento ha come obiettivo quello di mettere in contatto le aziende produttrici con compratori e distributori nazionali ed internazionali. La produzione tessile, fiore all’occhiello del made in Italy, espone nella cittadina emiliana e punta ad emergere ed affermarsi sul mercato nazionale ed internazionale.

Previsto per la prossima edizione di Moda Makers un notevole incremento del numero di visitatori e di conseguenza l’evento si configura come una vetrina per i produttori, che avranno occasione di presentare le loro proposte per la prossima stagione. Registrandosi sul sito ufficiale di Moda Makers, gli operatori del settore moda (dai titolari di boutique e negozi, agli agenti) possono richiedere il pass gratuito per partecipare all’evento. La manifestazione punta a creare un nuovo spazio all’interno del sistema moda, puntando sulla collaborazione tra imprese e alla voglia di fare sistema. Se le aziende produttrici troveranno così in Moda Makers una buona opportunità per far conoscere il proprio brand ed allargare gli orizzonti di mercato, mentre dall’altra parte compratori e titolari di negozio avranno la possibilità di scoprire, conoscere ed apprezzare i migliori produttori ed artigiani del tessile ed del made in Italy.

moda makers

Partecipare a Moda Makers come visitatore consente infatti di poter toccare con mano il prodotto di punta del distretto tessile carpigiano intercettando visitatori del mercato mondiale, grazie alla realizzazione di un evento che rappresenta e racchiude un insieme di sinergie, tutte impegnate nel far conoscere e portare sui mercati internazionali il fashion style italiano. Un’occasione unica sia per le aziende produttrici, che avranno così la possibilità di esporre le proprie creazioni, ma anche per titolari di negozi, boutique e grossisti che avranno la possibilità di conoscere le tendenze della prossima stagione.

Tradizione, spirito imprenditoriale, creatività ed innovazione si incontrano dando vita a quello che ormai si configura come uno delle più importanti fiere dell’abbigliamento e della produzione tessile italiana. A sottolineare il valore dell’evento e della produzione made in Italy contribuisce anche la scelta della location, Carpi, considerata ancora oggi la piccola capitale europea del tessile e dell’abbigliamento, del total-look uomo-donna e della maglieria. La cittadina emiliana di Carpi ospiterà per tre giorni le migliori aziende del distretto tessile ma anche aziende provenienti da altre città italiane e non solo. Sul sito dell’evento è inoltre possibile trovare tutte le informazioni per raggiungere la fiera Moda Makers, oltre a preziosi consigli su dove alloggiare per coloro che intendono soggiornare in città più giorni.

Un evento dunque che dà il giusto valore alla moda italiana, focalizzando l’attenzione sull’elevato standard qualitativo della produzione nostrana. La moda italiana trova in Moda Makers un nuovo modo di esporsi e farsi conoscere, con lo scopo di rilanciare e valorizzare la moda e la produzione artigianale italiana del settore moda.

Continue reading

Perché Madonna è una di noi?

tumblr_static_tumblr_static_d8tggcwc98o404cw44wc84w0o_640

Ok, sicuramente non si sarà presentata in tenuta da concerto, al massimo del suo fascino, come lei stessa ha voluto documentare con una foto pubblicata sui social. Eppure, l’incomprensione ha ugualmente del clamoroso. A noi fa sorridere, lei invece s’è “abbastanza” arrabbiata, per usare un eufemismo. Madonna non è stata riconosciuta dai postini della FedEx, nota società di corrieri espressi. I fattorini, dubitando della sua reale identità, si sono rifiutati di consegnarle un pacco a lei indirizzato. Louise Veronica Ciccone, c’era scritto sulla missiva sotto la voce “destinatario”. Peccato che ai corrieri portoghesi addetti alla spedizione pacchi, quella donna di mezza età, struccata e con la tinta dei capelli da ritoccare, non sembrava proprio la star mondiale del musicbiz. La Regina del Pop, che dai primi anni Ottanta ad oggi ha venduto 350 milioni di dischi. Insomma, una delle persone più famose al mondo.

madonna

Madonna aveva recentemente fatto sapere di essersi trasferita in Portogallo per seguire le gesta calcistiche di David, suo figlio adottivo, ingaggiato dalle giovanili del Benfica. Un impatto sicuramente positivo con la nuova vita lusitana, come la stessa Madonna, 59 anni da poco compiuti, aveva raccontato con un precedente post sui social. “L’energia del Portogallo”, diceva in un messaggio, “è una tale fonte di ispirazione! Qui mi sento così viva e creativa, non vedo l’ora di lavorare al mio film (Loved, di cui la Ciccone sarà regista, ndr) e a nuova musica in questo paese. Sarà il prossimo capitolo della mia storia. È ora di conquistare il mondo da una prospettiva diversa”.

Poi, il bizzarro equivoco coi corrieri locali, increduli che la pop star avesse davvero preso residenza nel loro Paese. Dubbiosi che fosse davvero lei, i fattorini hanno trattenuto i suoi beni, nonostante le insistenze della cantante. Madonna ha raccontato la comica disavventura sui social, come se volesse chiedere a milioni di follower di autenticare davanti al mondo intero la sua identità. E far sapere ai fattorini di ogni angolo del pianeta che Madonna è veramente Madonna. “Quando devi discutere con FedEx per tutta la settimana sul fatto che sei davvero Madonna e comunque non ti consegnano il tuo pacco“, ha scritto su Twitter. Sulla stessa lunghezza d’onda i post apparsi su Instagram e gli altri social. Nella foto, Madonna mostra un’espressione sconfortata, perplessa e lapidaria.

I primi a commentare il suo messaggio su Twitter? Proprio quelli della FedEx. “Salve, sono Julie”, si legge nel messaggio, “vorrei aiutarla. Per favore invii con un messaggio privato il suo indirizzo di consegna, numero di tracking e numero di telefono”. Non si sa molto di più sulla vicenda. Pare che in questi giorni i suoi beni siano stati trattenuti in aeroporto a Lisbona. Riuscirà lady Ciccone a ricevere il pacco che aspetta? Forse ce lo racconterà con il prossimo tweet.

Foto credits: Instagram / Google Image

L’articolo Perché Madonna è una di noi? sembra essere il primo su Glamour Marmalade.

Open Day-Vintage Academy si presenta per proporre il nuovo programma accademico 2017

Sarà presentato il nuovo programma accademico per l’anno 2017

Alessia Melzer
in collaborazione con L’Officina del Vintage, ha il piacere di invitare

stampa, blogger ed amici all’open day di presentazione del nuovo anno accademico

dalle ore 18:00 alle 20:00, presso Regus a Milano. Un pomeriggio all’insegna della

passione per il vintage e il retrò dove saranno esposti i nuovi corsi dell’accademia: i

programmi formativi proposti sono vari, creativi e stimolanti e spaziano dal corso di

organizzazione eventi vintage, alla fotografia retrò in pellicola, passando per il

Burlesque, corsi di cucina, design e pettinature d’epoca per lui e lei e tanto altro. Sarà

un’occasione per conoscere lo staff dell’accademia e di comprenderne meglio le

funzioni e i servizi innovativi ma anche retrò dedicati a tutti coloro che sono

appassionati e nostalgici del passato.

Vintage Academy è una scuola di formazione

che trova il suo scopo principale nel far rinascere arti e mestieri del passato mettendo

a disposizione di professionisti e imprenditori nozioni e strumenti per intraprendere

sul mercato un’attività originale, interessate e decisamente produttiva. Docenti ed

esperti dei vari settori forniranno lezioni teorico-pratiche basate su dettagliati

programmi formativi in grado di preparare e arricchire gli allievi iscritti. I corsi a

disposizione sono vari e vengono realizzati sia in aula con nozioni teoriche che

attraverso laboratori specifici, workshop individuali e collettivi finalizzati

all’orientamento di un’attività imprenditoriale. Alla fine del corso ogni allievo riceverà

un apposito e valido attestato di partecipazione.

Alessia Melzer direttrice, docente di Vintage Academy nonché per prima

appassionata di vintage insieme al suo team composto da professionisti qualificati vi

aspetta all’Open Day per presentare e coinvolgere gli amici dallo spirito #retrò in

questo viaggio coinvolgente, in un passato glamour e sempre attuale. Vi ricordiamo

che la partecipazione è gratuita ma la prenotazione è obbligatoria.

Questo articolo Open Day-Vintage Academy si presenta per proporre il nuovo programma accademico 2017 è stato pubblicato per la prima volta da adminmoda su Blog di Moda.

Continue reading

Bari: defilé di moda e non solo, al First Marin Day

Il defilé di moda femminile della collezione abiti, accessori e calzature primavera/estate è stato l’evento principale del First Marin Day, un programma di eventi che, organizzati dalla Carmen Martorana Eventi, hanno animato via Demetrio Marin, una traversa di via Fanelli, a Bari.

In passerella giovani modelle pugliesi hanno indossato i capi di LullaDi Boutique e mostrato il trucco curato dagli esperti di bellezza del centro VP Center di Bari e l’hair style dai professionisti di Demanì Parrucchieri. Special guest della sfilata sono state piccole indossatrici in erba che hanno allettato il pubblico con la loro semplicità e simpatia.

A fare da colonna sonora, è stato dj set Marco Guacci, vocalist e conduttore radiofonico di Radionorba, che ha dato il ritmo al defilé di moda.

Allestimenti floreali di primavera – dai cui profumi i visitatori si sono lasciati inebriare – e percorsi degustativi gratuiti hanno fatto da cornice agli eventi del First Marin Day. Durante l’iniziativa sono stati rilasciati coupon sconti da utilizzare nei negozi di via Demetrio Marin che hanno partecipato alla manifestazione.

L’animazione urban e le attività commerciali sono un binomio vincente per dare slancio allo shopping, promuovere zone meno conosciute della città e, allo stesso tempo, far divertire i cittadini del quartiere.

Si ringraziano: Marco Guacci dj set, Le Plaisir Cafè, centro estetico Vp Center, agenzia viaggi Viaggiatori Nati, creazioni floreali Saverio Veronico, LullaDì Boutique, MammaLifeStyle, distributore De Sal e Demanì Parrucchieri.

Questo articolo Bari: defilé di moda e non solo, al First Marin Day è stato pubblicato per la prima volta da adminmoda su Blog di Moda.

Continue reading

Datemi i costumi di Carnevale

costumi carnevale donna

Ci provo a essere migliore, a non farmi prendere dall’euforia di fronte ai costumi di Carnevale da donna. Rimango sempre un po’ così, incantata. Perché li indosserei tutti, nessuno escluso per cambiare, guardarmi con abiti diversi, anche solo per curiosità. Sarà che sono dei Gemelli e avere la sensazione di poter reinventarmi da sempre mi affascina. Direi che proprio odio rimanere ferma e pensare di essere sempre la stessa, nonostante l’età che passa, l’esperienza che la vita ti costringe a fare, gli amori che vanno e vengono. Ecco, diffido sempre di chi, con convinzione, crede di non essere cambiato mai, di aver sempre seguito i binari lineari, senza mai una curva. Se la coerenza è una qualità, a me manca in questa vita e aspetto che altri l’abbiano per me, incapace di gestire anche solo una giornata all’interno di schemi prestabiliti, fosse solo quello di un foglio Word.

Cambio e ricambio e penso che sia bello così. Chiamiamolo pure spirito di adattamento a seconda di quello che succede. E mi piacciono quelli simili a me, anche un po’ sognatori, che non si accontentano ma vivono per quello che sono. Semplicemente imperfetti.

Lo sapete ormai, non dico nulla a caso.
Pensate che sia Carnevale oggi, ora e subito. Uscite dagli schemi e provate a osare con stile. Immaginate che il mondo sia diverso da quello che avete visto e assaggiato fino ad ora. Provate a iscrivervi a un corso di ballo, piuttosto che in palestra tanto alla prova costume arriveremo tutte con qualche chilo di troppo. Inseguite il vostro sogno anche se tutti vi dicono che sia impossibile, comprate quell’abito che vi piace e che cosa importa se è davvero mini? Lo indosserete in spiaggia. Guardate il bicchiere sempre mezzo pieno, che a vederlo vuoto ci sarà sempre tempo. Rialzatevi quando siete a terra e affrettatevi a dimenticarlo se vi ha lasciato ora: del resto, l’estate è alle porte e nuovi amori sono in vista. E non aspettano altro che voi.

Vi dirò di più, in fondo, credo che ognuno di noi dovrebbe indossare una maschera ogni Santo giorno. E che la migliore, tra tutti i costumi per Carnevale possibili e immaginari, sia sempre quella del sorriso.

L’articolo Datemi i costumi di Carnevale sembra essere il primo su Glamour Marmalade.