Baking makeup: con questa nuova tecnica il make-up “cuoce”

Si chiama Baking (ndr. letteralmente “cottura”) ed è una nuova tecnica di make-up. Non si tratta di cuocere letteralmente il trucco, ma di applicare abbondante cipria traslucida in zone strategiche del viso e di lasciarla in posa per diversi minuti (da 10 a 30 in base all’effetto desiderato) su uno strato di correttore o illuminante, come se dovesse cuore. Il risultato? Un make-up a prova di imperfezioni, pori invisibili, incarnato impeccabile e lunga tenuta.

Almeno così garantisce il makeup artist Mario Dedivanovic che ha più volte utilizzato la tecnica su Kim Kardashian (chi altri sennò?). Sui social potete trovare alcune immagini di Kim in piena fase “di cottura”, che mostra fiera le zone del suo viso in cui la tecnica del baking è stata applicata.

A proposito di contouring: Bianca Balti e il selfie prima del contouring. Il trucco c’è e lei lo mostra

Anche in questo caso, come per contouring e strobing, si tratta di tecniche non da tutti i giorni e non semplici da realizzare per chi si limita ad un make-up quotidiano semplice ed ha poca praticità, ma se avete un’occasione importante in vista, provate a chiedere ad un truccatore professionista di utilizzare questa tecnica, potreste restare sorprese del risultato. Ma attenzione: la cipria, si sa, tende a seccare la pelle ed ad evidenziare le rughe!

kim kardashian baking makeup Continue reading

Strobing, il make-up che spopola tra le celebrities e ci farà dimenticare contouring e sculpting

strobing_makeup

Se c’è una cosa che ho imparato dai make up artist che ho conosciuto in questi anni tra backstage di sfilate e collaborazioni con marchi cosmetici è che schiaffarsi in viso fondotinta e blush senza dare profondità, appiattisce i lineamenti e toglie interesse al viso. Ci siamo impegnate per imparare l’arte del contouring e dello sculpting, ma con tutta la buona volontà quell’effetto artificioso, fatto di chiaro scuri, non fa per noi.

Per fortuna però un’altra tecnica spopola tra le celebrities e promette di conquistarci: si chiama Strobing e crea punti luce illuminando le zone del viso che si vogliono portare in evidenza (fronte, tempie, punta del naso, punta del mento…) accantonando le terre e le polveri, utilizzando invece prodotti in versione fluida o cremosa e gli illuminanti.

strobing-estate-makeup-

Qualche consiglio:

– se avete il viso tondo, non illuminate le tempie;

– se il viso è quadrato, no al punto luce sul naso;

– se il viso è lungo, non illuminate il mento!

Leggi anche: Bianca Balti e il selfie prima del contouring. Il trucco c’è e lei lo mostra

strobing-highlighting
Continue reading

Bianca Balti e il selfie prima del contouring. Il trucco c’è e lei lo mostra

<

Screenshot at nov 03 13-25-58

Le vediamo sempre perfette, con l’incarnato impeccabile, il make-up che noi non saremmo in grado di replicare nemmeno in una seconda vita, ma il trucco c’è e qualcuna di loro lo mostra senza problemi. 

Una di queste è Bianca Balti che prima di salire sul palco degli EMA, ha pubblicato nel suo profilo instagram un selfie con quella che è la base per il contouring, il tormentone beauty per creare sul viso, grazie ad un’abile gioco di chiaro-scuri, luci e ombre che regalano al volto tridimensionalità, camuffando i difetti e mettendo in evidenza i lineamenti. Ed effettivamente, basta guardare le foto del prima e dopo make-up per notare le differenze. Intendiamoci, Bianca è sempre meravigliosa ma gli effetti del contouring sono evidenti.

Se volete saperne di più sulla tecnica del contouring, vi spieghiamo tutto in questo articolo.

Screenshot at nov 03 16-34-21

Tweet


Continue reading

Bianca Balti e Bar Refaeli, modelle da sogno. Chi preferisci ?


Finito il festival di Sanremo è tempo per gli operatori del settore di fare bilanci e per noi di sottoporvi le uniche due bellezze che hanno calcato il palco dell’Ariston. Stiamo parlando delle modelle Bar Refaeli, israeliana, e Bianca Balti, italiana. Due bellezze chic, mozzafiato…Due modelle contese dalla moda e dagli stilisti. Ma tra le due, voi maschietti, chi preferite ?E’ facile rispondere entrambe (è ciò che faremo noi) ma, come sempre, le vostre opinioni contanto e pertanto vogliamo sapere chi tra le due preferite, chi è più sexy, più bella, più sensuale, più espressiva…Insomma chi tra Bianca e Bar è il vostro sogno nel cassetto ?

Il sondaggio qui sotto vi reclama…Votate !

Note: There is a poll embedded within this post, please visit the site to participate in this post’s poll.

S-tanga, le mele verdi e un "non so che" di Basic Instinct

Se ne parla tanto in questo periodo, neanche fosse il segreto per far diventare una misera prima di seno in una terza abbondante con uno schiocco di dita, la scoperta della crema miracolosa che, spalmata una sola volta, elimina la cellulite e il programma specifico per svegliarsi tutte le mattine in versione Bianca Balti, piuttosto che in modalità Valeria Marini senza trucco.
Ma, ahimè, niente di tutto questo.
Quello a cui mi riferisco è “S-tanga” che, dite la verità, con quel trattino non avevate mica capito che si parla di mutande, vè? Se girate un po’ sul web, in questo momento si vede un po’ ovunque questo modello: recensioni, foto e commenti propositivi per spiegare gli effetti miracolosi di uno slip invisibile senza lacci. Quello che aveva indosso Belen Rodriguez a San Remo sotto un abito rosa e celeste dal quale si intravvedeva il famoso tatuaggio. Una farfalla che “con un solo battito di ali, è stata in grado di provocare un uragano ormonale in tutto il genere maschile italiano”, rispettando così la teoria del caos.

Addirittura c’è chi accosta, posizionato sopra una tovaglietta per la colazione, questo tanga con la confezione accanto un cestino di mele (giuro). Così l’unione verde fluo del capo con le Melinda, ha lo stesso effetto di Silvio Berlusconi, ospite di Michele Santoro ad Anno Zero: ridere, per poi sorridere, ed infine concludere che forse si nasconde un problema. L’associazione di idee dello slip verde alla mela acerba, infatti, richiede una’analisi dei sogni e della psiche che pure Freud si troverebbe in difficoltà ad interpretarla. Che poi passi il bianco e il nero, ma se stanga è la mutanda invisibile ma, cribbio, metterlo verde fluo è tutto tranne che impercettibile. L’effetto è quello di Ivan il terribile, il serbo che allo stadio “Marassi” di Genova nella sfida Italia – Serbia, allegramente alzava il dito medio, lanciava petardi e se la spassava ad insultare l’intera umanità.

Non so se ho reso bene l’idea, ma vorrei dire che si nota, oltre a risultare poco decoroso (eufemismo per illegale). L’ultima collezione inoltre si chiama “Heart Design”, “caratterizzata da un’elegante forma a cuore che regala un tocco seducente alla delicata essenzialità della lingerie femminile“. Ed indovinate dove sarà mai il cuore? Proprio tra una chiappa e l’altra.
Che, ovviamente, il vostro lui noterà. Fino a commuoversi.

E così lo dico, piuttosto che indossarlo, io vado in giro senza mutande.

In fondo, che ne sarebbe di Sharon Stone nella famosa scena di “Basin Instinct”, se ci fosse stato un filo interdentale che poco copre e tutto schiude?

Dimenticavo, si può usare fino a 30 volte. Ovviamente da lavare.
Non c’è scritto nelle raccomandazioni, ma non si sa mai.

marti

Glamour Marmalade

Instagram/ Facebook / Twitter

Facebook//Bloglovin’//Twitter//Instagram
Pics by Weheartit.com – Pinterest