Chiara Ferragni, è nata una Barbie a sua immagine e somiglianza

Credit: profilo Instagram Barbie Style

Chi da piccola non ha mai fantasticato sul mondo incantato di Barbie? Un’esperienza comune a quasi tutte le bambine, che sognano a occhi aperti di vestire almeno per un giorno i panni della bambolina bionda e sorridente. Sembra però che per qualcuno i sogni siano diventati realtà. Da pochi giorni infatti la cremonese 29enne Chiara Ferragni ha annunciato sul proprio profilo Instagram la nascita di una Barbie creata a sua immagine e somiglianza. Capelli biondi ramati, jeans strappati, giacca di pelle, t-shirt bianca e borsa vintage di Chanel: un look che ricalca il suo stile. Barbie Style è un omaggio alla passione della Ferragni, che in pochi anni grazie a un’idea vincente accompagnata da una strategia altrettanto efficiente, l’ha resa la fashion blogger numero uno al mondo, arrivando alle porte di Forbes che l’ha inserita nella lista dei giovani under 30 più influenti del mondo. Tutto quello che è venuto dopo è solo imitazione o evoluzione di un’idea nata con The Blonde Salad, che intorno al binomio moda-web ha costruito un impero e continua ancora oggi in questa direzione.

My girl @chiaraferragni is such a doll! Excited to reunite with this true original at #nyfw. 💙 #barbie #barbiestyle

A photo posted by Barbie® (@barbiestyle) on

La scelta della Mattel poi non è stata una casuale e nemmeno unica nel suo genere. Sono molti i personaggi famosi, tra attori e attrici, cantanti o stelle del cinema che hanno ricevuto lo stesso omaggio. La Ferragni condivide quindi da oggi lo stesso scaffale di Audrey Hepburn o Marilyn Monroe e questo la dice lunga su come i metri di giudizio siano cambiati con l’avvento del blogging. Ora le bambine non desiderano più la classica Barbie, ma quella che rispecchia le tendenze di oggi, in fatto di moda e di lifestyle. “È favolosa e una fonte di ispirazione – si legge infatti sul profilo Instagram di ‘The Barbie Collection’ – lei è unica nel suo genere.” È da sempre sulla bocca di tutti nel bene e nel male e per chi non la conoscesse ancora, basta un click su un qualsiasi canale di socializzazione per entrare in un mondo fatto di viaggi, pane e moda. Oggi New York, domani Los Angeles e la vita racchiusa in un blog. Uno di quelli che fatturano milioni, decine di milioni.

Proprio in questi giorni il sito The Blonde Salad ha lanciato una nuova piattaforma e-commerce, in italiano e in inglese, che rivoluziona l’idea del semplice blog. Chiara Ferragni guarda oltre e mette in vendita i prodotti firmati sia dal proprio brand, che vanta una linea di scarpe, borse e accessori, sia quelli di ben 40 marchi di moda come Giuseppe Zanotti, MGSG o Erika Cavallini. Si tratta quindi di un blog 3.0, in cui lo scambio tra blogger e griffe non si limita più alla formula di testimonial, diventando un portale vedi e compra. Un’evoluzione naturale di uno dei primi siti che hanno dato il via al fenomeno del fashion blogging come lo conosciamo e che oggi è diventato un vero e proprio business.

Continue reading

4 nuove acconciature per Barbie secondo l’hairstylist delle celebrità

Jen Atkin è un guru dei capelli per Kim Kardashian (e tutte le sorelle), Gigi Hadid, Emma Watson, Katy Perry e di recente anche per Barbie, per la quale ha realizzato quattro differenti look seguendo i trend più in voga del momento e cercando di dare un nuovo stile alla bionda più famosa del mondo.

Un’half-up ponytail, un lob, una coda alta ed un mosso lungo color rosso fuoco, ecco le acconciature che Jen Atkin ha scelto di ricreare per Barbie. Le trovate tutte anche sul suo account ufficiale @jenatkinhair oltre che su @barbiestyle, naturalmente.

Barbie hairstyle by Jen Atkin 3

Barbie diventa così sempre più un’icona, avvicinandosi al mondo degli adulti, trasformandosi in punto di riferimento. In fondo in un’epoca in cui le icone di stile sono perlopiù digitali, c’è posto anche per una bambola di plastica.

Barbie hairstyle by Jen Atkin 2 Continue reading

5 trucchi per trasformare i cosmetici che non usate in qualcosa di utile

5 trucchi per trasformare i cosmetici che non usate in qualcosa di utile

Un acquisto impulsivo, un regalo poco azzeccato, una tendenza passata troppo velocemente, un colore sbagliato… alzi la mano chi non ha a casa almeno un paio di prodotti che non utilizza più o non ha mai utilizzato per le ragioni sopra elencate (o per tante altre).

Gli sprechi non piacciono a nessuno e buttar via un cosmetico ancora nuovo nemmeno, per questo qui vi diamo 5 trucchi per dare un senso ai cosmetici che non usate più.

Rossetto come blush: quel rosa zitella, quel fucsia decisamente troppo Barbie, quella tonalità che sulle vostre labbra proprio non rende o quello che si è spezzato accidentalmente… non buttate via i rossetti che non usate, trasformateli in blush applicandoli sui polpastrelli e sfumandoli sulle guance, eviterete uno spreco e risparmierete sul blush in crema!rossetto_come_blush

Mascara come eyeliner: vi hanno regalato un mascara marrone o lo avete trovato in un cofanetto makeup, ma non riuscite a rinunciare a quello nero per le ciglia. Come utilizzare quello marrone? Con un pennellino prelevatene un po’ e utilizzatelo sfumato sulla rima dell’occhio, otterrete uno smokey inaspettato!

Crema viso come crema mani/piedi: c’è quella troppo nutriente, quella che si assorbe lentamente, quella per pelli secche mentre la vostra pelle è grassa. Di creme sbagliate in giro per casa ne abbiamo tutte e di barattoli iniziati e mai più utilizzati anche, non buttateli via ma cambiatene la destinazione d’uso. Mani e piedi, specialmente in inverno, hanno bisogno di essere nutriti, idratati e protetti, quindi qualunque crema può tornare utile a questo scopo (certo quella anticelullite non avrà grandi effetti).

Latte detergente per pulire borse, giubbini e accessori in pelle: Capita che la fragranza di un prodotto o l’effetto sulla propria pelle non abbia il risultato che ci aspettavamo, ma nulla è sprecato, nel caso del latte detergente, toglietelo dall’armadietto dei cosmetici ed usatelo come rimedio casalingo per pulire borse, scarpe e capi in pelle.

fondotinta sbagliato come contouring

Fondotinta del colore sbagliato: Se è troppo chiaro potete usarlo come illuminante, da applicare solo in certe zone, mentre se è troppo scuro sarà un ottimo prodotto per il contouring.

Non buttate via i prodotti inutilizzati, qualunque cosmetico potrebbe avere una seconda vita o semplicemente piacere ad una delle vostre amiche!
Continue reading

VANIDAY ROMA

Vaniday è il sito in cui trovare e prenotare servizi, saloni di bellezza e centri benessere 24 h su 24 nelle città di Milano, Roma, Parma e Modena. Per prenotare basta registrarsi nel sito web oppure scaricare la app ufficiale Vaniday per Apple o per Android. Noi abbiamo provato due servizi in due città diverse, questa l’esperienza di Regina e Teresa. Scegliete tra queste opzioni la città o il trattamento che preferite 1. Ti interessa  un parrucchiere nella tua nuova città o un servizio di manicure rapido? Continua pure a leggere. 2. Sei di Roma e non sai a chi affidarti? Qui sotto Regina ti racconta come usare l’app di Vaniday nella capitale. 3. Sei a Milano? Leggi qui l’esperienza di Teresa. 4. Cerchi un centro benessere per dimenticare lo stress delle giornate? Ti spieghiamo noi come prenotare una giornata di relax totale, clicca qui. Tratto da una storia vera. C’era una volta una fanciulla approdata dalla provincia dell’impero in una grande città, con un bagaglio di sogni, tanta nostalgia per i luoghi natii e tante scorte di cibo buono da casa. Le basta poco per ambientarsi nella nuova città: basta il bagaglio di sogni che a poco a poco si dischiude, bastano i nuovi amici, i nuovi luoghi in cui sentirsi a casa. Anche se in quel bagaglio di sogni non ci stanno diverse cose. Non ci stanno proprio tutti tutti i cibi buoni di mammà, non ci sta la famiglia, ma soprattutto: non ci stanno né il parrucchiere né l’estetista. E, ladies, in tutta franchezza: ceretta, manicure, taglio e messa in piega sono il minimo sindacale della cura personale. La provincia dell’impero sarà pur tale, ma il world of mouth nei paeselli è il Tripadvisor dello shatush; e in città mica lo sai, se ti puoi fidare della sciampista sotto casa. L’app Vaniday per Android Fast forward di qualche anno: Roma, settembre 2015. Ormai la città è la tua casa, il paese natio lo vedi sempre meno e senti la necessità di affondare le tue radici almeno nei saloni di un carnet selezionato di professionisti dell’estetica. Sentirsi spaesate nella scelta dei centri estetici di una nuova città è uno dei motivi per affidarsi a un servizio online specifico. La piattaforma di prenotazione di servizi beauty e benessere Vaniday va anche oltre, perché consente di scegliere saloni di bellezza, parrucchieri e centri benessere tra una selezione di servizi di qualità, per tutte le tasche. Prenotare un trattamento estetico è facile e immediato con l’app Vaniday! Ed è proprio quando sai di poterti affidare in buone mani che decidi di osare con quel taglio che non sapevi proprio da chi farti fare, per paura di ritrovarti una scopa in testa: prenotando dalla app Vaniday, facile e intuitiva, ho scelto di affidare le mie chiome al salone di parrucchieri Malafemmina a Roma. Il risultato ha superato le mie aspettative: desideravo un pixie cut ed Elio, il parrucchiere che ha forgiato il mio nuovo hairstyle, ha capito al volo le mie richieste e ha adattato il taglio ai miei lineamenti. Lo staff del salone Malafemmina «Non esiste un taglio che stia bene a tutte: a ogni donna sta bene qualcosa di diverso. Un buon parrucchiere ragiona in termini di linee di taglio, ascolta le richieste e tenta di dissuadere le proprie clienti dal voler seguire le mode a ogni costo. Il segreto è personalizzare e, perché no, anche osare, ma sempre secondo i propri lineamenti», mi racconta Elio tra una sforbiciata e l’altra. Sandro Colao ed Elio all’opera: make up e hairstyle Pompadour per uomo Da Sandro Colao, il proprietario del salone Malafemmina, invece, raccolgo la sua impressione generale su Vaniday: «Credo che il suo punto di forza sia la massima attenzione alle richieste dei clienti: ottimo per chi beneficia di un trattamento, ma anche per noi professionisti, perché ci consente di farci apprezzare per la qualità del servizio che offriamo». In questo Vaniday funziona anche come vetrina per i saloni, che spesso non hanno un sito con tutte le info utili per i clienti: sulla piattaforma, invece, ogni centro si presenta con una descrizione e foto della propria attività, proponendo una lista di servizi, spesso con sconti esclusivi per gli utenti Vaniday. Missione pixie cut e manicure portata a termine con Vaniday! Esco dal salone soddisfatta, con un nuovo taglio e una manicure impeccabile: grazie a Vaniday è stato davvero semplice dedicarmi una mattinata di relax e bellezza, per allontanare lo stress di un’intensa settimana di lavoro. Parrucchieri, trattamenti estetici, spa, massaggi e barbieri: se i salti nel buio dei coupon a prezzi pazzi non fanno per te, ma non sai come orientarti tra i centri estetici di una città grande e dispersiva, oppure ti sposti da un piccolo centro nella big city e vuoi approfittarne per una coccola beauty, un servizio come Vaniday ti risparmia ore di ricerche. Dal sito o dalla app puoi acquistare direttamente il servizio e prenotare il tuo appuntamento: in qualsiasi momento e ovunque. Anche mentre passeggi in lungo e in largo nella tua nuova città, cercando di memorizzarne ogni angolo. ____________________________ Leggi qui l’esperienza di Teresa a Milano in un meraviglioso centro benessere.

View post: 

VANIDAY ROMA

La Barbie hipster che ironizza sulle fashion blogger (FOTO)

Al fascino della moda hipster, tanto in voga negli ultimi tempi, non ha resistito neanche la bambola più famosa al mondo. Così Barbie cambia look, abbandona i tacchi e le minigonne a favore di un abbigliamento radical-chic in pieno stile hipster. Un cambiamento radicale penseremo, sì, ma solo per pura ironia.

Si tratta di Socality Barbie, la bambola hipster che tramite le sue foto ironizza sulla vita delle fashion blogger più influenti di Instagram. Un vero e proprio profilo parodia che, a meno di cinque mesi dall’apertura del suo account, vanta la bellezza di ben 860 mila follower.
Tramite il suo profilo è possibile notare tutti gli elementi che caratterizzano le Instagramer, ma soprattutto le pose, gli hashtag e le foto tanto in voga tra le fashion blogger. Non manca proprio nulla, dalla foto del cono gelato verso una parete a quella con le gambe in vista durante un rilassante bagno caldo, agli scatti del cappuccino per iniziare la giornata, all’outfit del giorno, fino alla nuova romantica moda di tenere il partner per mano mentre si visitano luoghi incantevoli nel mondo.
Gli hashtag sono il vero pezzo forte. Tra i preferiti di Socality Barbie figurano #VSCOCAM, #neverstopexploring, #instagood e #liveauthentic, preceduti da didascalie come una vera fashion blogger è solita fare.

Dietro al profilo di Socality Barbie si nasconde una fotografa di Portland, che al momento non ha voluto rivelare la sua identità. In un’intervista per Wired.com ha dichiarato che l’idea di creare un profilo parodia è nata per «punzecchiare gli stereotipi più basici su Instagram attraverso la bambola più basica di sempre». Ha poi aggiunto che «le persone si fotografano tutte negli stessi posti e scrivono come didascalia tutti le stesse cose. Non riuscivo a comprenderne il senso, così ho pensato: quale miglior modo per comunicare il mio punto di vista se non con la bambola più popolare di tutte?». Una trovata geniale che in poco tempo ha avuto un riscontro positivo sugli utenti Instagram.

 

Continue reading