Uno, due, tre regali festa del papà

Regali-festa-del-papà

Dobbiamo essere sempre più smart a ogni imprevisto, dimenticando spesso le cose importanti. Vi siete ricordate i regali festa del papà, ad esempio? Oppure, altre date come ricorrenze, anniversari, ricorrenze? Anche i compleanni sembrano ormai diventati banali con l’anno di nascita da tenere ben nascosto, soprattutto dalla bacheca di Facebook. Del resto, la giustificazione è sempre solo una: l’età, si sa, is a state of mind.

Regali festa del papà (ma non solo)

All’inizio  vi ho nominato la parola SMART non a caso. Quando si sceglie il regalo perfetto per una persona cara ci vogliono 3 regole: 1. Conoscerla alla perfezione, saperne i gusti e cosa le piace, 2. Avere tempo per girare per negozi, 3. Avete a giusta intuizione per sorprenderla. Non avete nè tempo nè idee? Ops, avete un problema.

Regali-festa-del-papà-quadro

Come risolverlo? Ho trovato un modo veloce, ma attenzione: vi ritroverete a pensare “Questo lo voglio io e anche quest’altro” (almeno a me è successo così) e si chiama Troppotogo, che propone di tutto, con una navigazione semplice per ottimizzare il tempo. Per chi è pensato? Per chi, come me, si ritrova a dover scegliere i regali last minute, sempre all’ultimo minuto. E così il web scendo ancora in nostro soccorso. Per aiutarci,  ci sono varie categorie: come regali festa del papà, personalizzati, per gli amanti dello sport, dei viaggi e ancora della cucina, per i bambini e via dicendo. Alcune delle proposte le vedete in queste foto e sono di certo non scontate, anche perché possono essere create su misura a seconda della persona a cui vengono regalate. C’è da dire che questi oggetti sono alternativi, creativi e c’è un’area tecnologia che vi sorprenderà (tipo il cuscino per ascoltare la musica che vorrei provare, un’ottima idea per rilassarsi, non credete?). In più, i vari oggetti, soprattutto quelli d’arredamento, sono come quelli che vedete nelle serie tv con tazze e quadri che fanno tanto invidia, in poche parole quelli dallo stile americano! Trovare un regalo così non è mai stato così semplice. Posso dire che adoro tutto? Più smart di così…

Regali-festa-del-papà-set-barba

Quello che amo di più? Questa macchina fotografica. Che dite? Potrebbe essere il regalo perfetto per il vostro papà?

(E poi scattate una foto in ogni momento bello che vivrete per non dimenticarlo mai).

Regali-festa-del-papà-macchina-fotografica

L’articolo Uno, due, tre regali festa del papà sembra essere il primo su Glamour Marmalade.

Body style (Millefiori per la nostra bellezza)

prodotti corpo millefiori milano

Vogliamo sentirci al centro dell’attenzione, sempre. Vogliamo piacere a tutti i costi, a chiunque si ritrovi sulla nostra strada. Non scendiamo a compromessi con nessuno, se non quelli del cuore. E abbiamo bisogno delle amiche, per ridere e anche per piangere. Ci piace l’amore ma anche del sesso (fatto bene si intende). Viviamo di sensazioni e di sesto senso, che sbaglia raramente o forse mai. Non ci accontentiamo e vogliamo sempre il meglio per noi stesse, fosse anche solo un bicchiere di vino bianco. E, spesso, siamo così confusionarie, incoerenti, indecise che invece di sapere cosa vogliamo, sappiamo alla perfezione cosa non vogliamo, neanche fosse una Bibbia. Però una cosa ci affascina più di tutte. La capacità di essere sorprese.
E Millefiori Milano riesce a stupirci: dopo le profumazioni per la casa, pensa alla nostra bellezza con Body Style, l’esclusiva linea dedicata alla cura e profumazione del corpo creata per esprimere le mille sfumature del tuo essere. Bagno doccia, sapone liquido, crema corpo e crema mani in 6 diverse profumazioni, ognuna pronta a dare corpo alle emozioni che accompagnano la tua giornata, ognuna capace di aggiungere un tocco di stile alla tua essenza più vera.
(E io, che li ho testati tutti, vi dico che è un’esperienza di piacere,
di sensi, di emozioni che dovete provare, assolutamente.
E una volta testati, non potrete farne a meno. Parola mia).02

fiori casa arredamento

L’articolo Body style (Millefiori per la nostra bellezza) sembra essere il primo su Glamour Marmalade.

“Capture ibis Styles”, scatta, condividi e vinci un oggetto di design

“Capture ibis Styles”, scatta, condividi e vinci un oggetto di design

Ogni casa è diversa dall’altra: gli odori, i colori e il modo in cui gli elementi d’arredo sono disposti e abbinati tra di loro riesce a conferire ad ogni abitazione una propria personalità. La passione per l’arredamento, che accomuna moltissime persone al mondo, include anche quegli oggetti di design che, proprio per le loro linee e i loro colori, sono diventati dei veri e propri sogni ad occhi aperti.
Chi non vorrebbe nel proprio salotto oggetti creati da artisti del calibro di Ron Arad, Xavier Pauchard, Arne Jacobsen o Charles & Ray Eames? Presto uno dei gioielli di design più desiderati di sempre potrebbe entrare proprio a casa vostra. Nessun concorso complicato o poco chiaro: vi basterà scattare una foto e pubblicarla sulla vostra pagina Instagram.
L’iniziativa arriva da ibis Styles che coglie l’occasione per avvicinare il mondo del design al grande pubblico: dal 13 marzo al 13 maggio 2015 vi basterà recarvi in un hotel ibis Styles selezionato per partecipare all’operazione 100% design oriented chiamata “Capture ibis Styles”.

Ogni albergo ibis Styles ha una sua personalità unica e si distingue per seguire un tema percepibile in ogni stanza dell’hotel stesso: l’ibis Styles Paris Messena, ad esempio, si ispira ai Giochi Olimpici, quello di Madrid al vino, e così via. Il design, ovviamente, è il grande protagonista di questi luoghi e rende ogni ambiente ibis decisamente creativo.

L’operazione “Capture ibis Styles”, infatti, si rivolge proprio ai clienti, spingendoli a notare e ad apprezzare i particolari di design degli hotel. Partecipare è davvero semplicissimo: i clienti dei 15 hotel ibis Styles selezionati per l’operazione non dovranno far altro che fotografare uno dei 4 oggetti di design presenti nella lobby, al bar o al ristorante dell’hotel. Ogni elemento che partecipa al concorso sarà riconoscibile da un’apposita etichetta che riporta la scritta “Capture ibis Styles”. Una volta identificati, non dovrete far altro che fotografarli e pubblicarli sulla vostra pagina Instagram: per partecipare al concorso vi basterà utilizzare l’hashtag #captureibisstyles e l’hashtag dell’oggetto scelto. A questo punto dovete fare in modo di ricevere il maggior numero possibile di “like” alla foto: la quantità di mi piace che dovete raggiungere è indicata sull’etichetta posizionata sull’oggetto stesso. Una volta raggiunto il numero minimo di like, parteciperete in automatico all’estrazione: in questo modo potreste essere i fortunati vincitori che si aggiudicheranno i 57 oggetti di design in palio.

Un’altra opportunità di gioco consiste nell’ andare sull’account Instagram @captureibisstyles o sul sito ibis.com/captureibisstyles per esplorare un hotel ibis Syles e cercare gli oggetti in palio. A questo punto non dovrete far altro che cliccare “Mi piace” su quelli che corrispondono di più ai vostri gusti (e all’arredamento della vostra casa).
Il design è il punto vincente di ibis Styles che sceglie per i suoi clienti un ambiente accogliente, cordiale e assolutamente originale. Frédéroc Fontaine, ibis Family’s Senior VP Global Marketing, ha spiegato: “Il design è il cuore di ibis Styles, con ispirazione agli anni ‘50 a Le Havre o al mondo dei Beatles a Liverpool, per esempio. Gli hotel, caratterizzati da arredi dal design originale e di tendenza, garantiscono ai propri ospiti un’esperienza dal forte valore aggiunto grazie ad una combinazione di creatività, servizio e prezzo in uno spirito “Happy Mood”, leitmotiv indiscusso del brand.”

Siete pronti ad andare alla ricerca degli oggetti di design degli ibis Styles sparsi per il mondo? Scattate, condividete e vincete! Ecco un motivo in più per soggiornare in uno dei bellissimi hotel ibis Styles. Aspettiamo i vostri commenti (e le vostre foto)!

#captureibisstyles
Ibis Styles
Articolo Sponsorizzato

Belen Rodriguez torna a Milano ma cambia casa: ecco dove andrà a vivere. E Stefano De Martino?

belen-rodriguez

Belen Rodriguez e Stefano De Martino, dopo qualche settimana in cui hanno vissuto separati, hanno deciso di godersi qualche giorno di relax alle Maldive per risolvere i loro problemi matrimoniali. Dalle immagini che loro stessi hanno pubblicato sulle loro pagine Instagram tutto fa pensare che sia tornato il sereno: una volta tornati a casa, però, ecco la grande novità! Belen e Stefano hanno deciso di ricominciare da zero, a partire dalla casa in cui vivono.

Essendo entrambi molto social, in passato abbiamo avuto modo di spiare il loro nido d’amore: spesso abbiamo potuto ammirare le foto della loro casa in Zona Moscova a Milano arredata in modo davvero elegante. Poche ore fa, invece, la novità: Belen e Stefano hanno completamente cambiato l’arredamento della loro casa, dotandola di uno stile “Old England”. Stessa casa, quindi, ma arredamento completamente diverso.

MELISSA SATTA VS. BELEN RODRIGUEZ: ECCO COS’E’ SUCCESSO TRA LE DUE SHOWGIRL

Il nido d’amore di Belen e Stefano ha un aspetto decisamente differente da come era prima: qual è il motivo della scelta? Solo voglia di cambiare o qualcosa di più? Probabilmente la coppia ha deciso di ricominciare da zero, con una nuova vita, e di farlo proprio a partire dall’arredamento della loro casa.

NELLA GALLERY QUI SOTTO POTETE VEDERE LE FOTO DELLA CASA DI BELEN PRIMA E DOPO!

Cosa ne pensate? Meglio prima o adesso?

CECILIA RODRIGUEZ SVELA QUAL E’ IL DIFETTO DI BELEN

LA GIOIA DI SANTIAGO MENTRE ASPETTA IL RITORNO DI MAMMA E PAPA’

SIGNORINI SVELA I RETROSCENA DELLA CRISI DI BELEN E STEFANO

Salone del Mobile 2015: Daa presenta una nuova visione del design

_MG_0303_pulita

Può una linea produttiva dedicata alla meccanica pesante incontrare il design del mobile? Daa nasce per rispondere a questa domanda, dando il via ad una sfida coraggiosa che coinvolge imprenditore, designer e addetti alla produzione: realizzare complementi d’arredo utilizzando processi e apparati originariamente destinati a scopi diversi.

Daa è un percorso in cui il Disegno Industriale si riappropria del suo originario significato fatto di serialità, processo e visione progettuale. Sede dell’iniziativa sono gli impianti leccese e torinese di Alcar che ha voluto aprire una via alternativa, e al contempo integrata, alla sua tradizionale vocazione metalmeccanica.

Daa applica il Design Thinking al processo industriale per realizzare complementi d’arredo dalla grande forza espressiva. Linee create per realizzare benne, bracci e telai per macchine movimento terra, e una materia complessa come il ferro, sono il perimetro che ha affascinato 13 designer e studi di progettazione.

_MG_0280_RED_pulita

Sono Angeletti Ruzza, Studio Bartoli Design, Luca Casini, Castiglia Associati, Carlo Contin, Lorenzo Damiani, Studio Klass, Gianluca Milesi e Michiko Yamada, Emilio Nanni, Marco Romanelli e Marta Laudani, Marc Sadler, Denis Santachiara, Leonardo Talarico.

Un’esperienza di frontiera che ha prodotto una linea di complementi d’arredo che saranno presentati in anteprima al Salone del Mobile 2015 presso il prestigioso spazio Erastudio Apartment-Gallery di Via Palermo, 5 a Milano.

Daa è Made in Italy, ma lontano dai makers, in quanto restituisce centralità all’industria, rappresentandone appieno le tradizionali qualità non solo produttive, ma anche culturali e ideative.

Hippy
Angeletti Ruzza Design 2015

“Un nido, un fiore. Le forme della natura ci hanno sempre affascinato, così come provare a ricercare l’equilibrio nel disordine, l’armonia nel caos. Hippy è uno sgabello pensato per la casa e per gli spazi pubblici. E’ una presenza allegra, spontanea, che regala un tocco di vitalità alla casa riunendo in un solo oggetto la funzione pratica a quella emotiva del gioco. L’andamento dinamico e avvolgente della seduta offre una sensazione di comfort ed elasticità che trasforma la percezione del materiale metallico, da duro e severo, in quieto e malleabile. Hippy è disponibile in differenti altezze: basta avvitare delle prolunghe che rendono lo sgabello più alto e permettono di effettuare gradevoli giochi cromatici.”