Pupa Milk Lovers, la review della nuova linea bath&body

Una delle tante novità presentateci allo scorso evento organizzato da Pupa Milano è la linea bath & body Milk Lovers.
Ispirata alla purezza, morbidezza e semplicità, la gamma di prodotti Milk Lovers ci ha subito conquistate per le sue formulazioni delicate – prive di parabeni, siliconi, petrolati, alcool e coloranti – e per il packaging sinuoso ed elegante che richiama le confezioni del latte di qualche tempo fa.

pupa-milk-lovers

L’ingrediente principale di tutta la linea è il latte vegetale – noto per le sue proprietà idratanti, nutrienti e addolcenti – declinato in 3 varianti:
Latte di Mandorla e fiori, adatto a tutti i tipi di pelle
Latte di Avena e vaniglia, pensato per le pelli secche
Latte di Riso e zucchero, indicato per le pelli più delicate

Ciascuna tipologia è a sua volta declinata in 5 prodotti, di cui tre per il bagno e due per il corpo.
Vediamo uno per uno quelli che abbiamo provato!

Bagno Crema al Latte di Riso e Zucchero

pupa-milk-lovers-bagno-crema-latte-di-riso-e-zucchero

Nel suo imponente formato da 500 ml, questo prodotto riempie la vasca da bagno di nuvole di schiuma. Delicato e avvolgente, lascia la pelle morbida, detersa e piacevolmente profumata.
Prezzo: 17,90 euro (500 ml) Continue reading

Franca Sozzani: la moda in Italia era lei

Lutto nel mondo della moda per la scomparsa di Franca Sozzani, storica direttrice di Vogue Italia, figura di spicco e testimonial del gusto tipicamente italiano nel mondo. Da tempo malata di cancro, se n’è andata a 66 anni: ne piangono la morte il figlio, Francesco Carrozzini, fotografo e regista, la sorella Carla, fondatrice dell’omonima galleria milanese, gli amici come Donatella Versace e le migliaia di lettori che dal 1988 non hanno perso un numero di “Vogue”.

picmonkey-collage-dentro-1

Si definiva “una pantera in lotta” Franca Sozzani: ed era vero, visto che dagli anni settanta, arrivata giovanissima a “Vogue Bambini”, ha scalato le tappe fino ad arrivare alla direzione della versione italiana del mensile più patinato del globo per non lasciarla mai più. Aveva personalità da vendere: c’è parecchio di vero in quelle “chiacchiere da caffè” che la volevano padrona delle sorti degli stilisti, dei grandi marchi e di tutti gli appartenenti al bel mondo del fashion system, modelle comprese.

Era la “Anna Wintour” di casa nostra, dotata di grande autorevolezza in materia di arte, fashion e design. Una donna che aveva fatto grandi sacrifici per arrivare sulla vetta del mondo. Suo figlio, presentando a Venezia il documentario “Franca: Chaos and Creations”, ha raccontato che sua madre per la moda aveva fatto tante rinunce a livello personale. A lei aveva dedicato questo lungometraggio che oggi, alla luce dei fatti, appare proprio un film-testamento. “E’ una lettera d’amore per lei”, aveva dichiarato in laguna Francesco, e ora capiamo il perché.

Franca Sozzani era malata da un anno di cancro: lo era già durante la kermesse cinematografica veneziana ma la “pantera” aveva fatto promettere a tutte le persone che vi avevano lavorato di mantenere il riserbo più assoluto. E quando Franca Sozzani ordinava, il mondo eseguiva. “Sono di sicuro una pantera”, aveva dichiarato una volta alla stampa, “ho lottato tutta la vita per quello che ho fatto, me lo sono guadagnato, la determinazione è la mia guida. Prendiamo Vogue, sulla carta doveva essere solo un giornale con bei cappotti e belle gonne, invece io l’ho usato per lanciare messaggi, appoggiare campagne”.

Era potente, lo sapeva, ma sapeva anche che questo potere le derivata dall’impegno: “Sono una donna che lavora parecchio e ho anche rischiato per ottenere le cose che volevo. Per tre volte mi stavano licenziando, ma se fai un lavoro in cui credi e se hai la fortuna che ti riconoscano le cose che hai fatto, allora a quel punto hai potere. Perché vuol dire che hai vinto tu”.

picmonkey-collage-dentro-2

Dopo la moda, come per la sorella Carla, l’arte era la sua seconda passione: fa sorridere il ricordo di lei al Miami Art Basel, rilassata, incuriosita, mentre girava nei vari padiglioni della mostra alla continua “caccia” di nuovi pezzi. “Avete visto il Picasso laggiù in fondo? Ora vado a vederlo, per quella tela farei follie. Meno male che c’è Carla che mi trattiene”. Oppure: “C’è Faye Dunaway, chissà cosa comprerà stavolta?” . Davanti a una scultura di Giacometti è rimasta dieci minuti buoni in contemplazione, girandoci intorno come un satellite.

Il sindaco di Milano Giuseppe Sala in una nota ha dichiarato che “Milano oggi perde una importante rappresentante di moda e di stile, italiano e non solo. Franca Sozzani è stata molto più di una giornalista di moda. La nostra città le deve molto. La ricorderemo sempre con affetto”. Commossa Donatella Versace, che su Instagram ha pubblicato il messaggio: “Ciao Franca, la mia amica più cara. Franca Sozzani per sempre nel mio cuore”.

Anche la politica ha voluto omaggiare una figura tanto importante per l’economia del nostro paese, visto che il made in Italy, e la sua promozione, sono fondamentali. Il Ministro dei beni e delle Attività Culturali Dario Franceschini ha dichiarato: “Addio a Franca Sozzani, signora della moda, storica direttrice di Vogue Italia e modello di stile e tendenze in tutto il mondo. La sua scomparsa lascia un vuoto profondo non solo nel campo della moda”: gli ha fatto eco il Segretario del Partito Democratico Matteo Renzi: “La ricordo piena di energia nelle tante iniziative fiorentine e milanesi di questi anni in cui abbiamo condiviso idee e progetti. E mi resta scolpito il suo coraggio e la sua tenacia di questi ultimi mesi. La ricorderemo anche per la voglia di amare l’Italia sempre e comunque”.

Continue reading

Scrub viso naturale, 5 ricette fai da te

Uno scrub per il viso è un prodotto essenziale nella nostra routine di bellezza per rendere più luminosa la pelle eliminando cellule morte e sporco che si annida in profondità nei pori. Ecco 5 ricette naturali fai da te per prepararlo in casa usando quello che abbiamo in dispensa. La pelle ringrazierà.

Scrub miele e avena

  • 3 cucchiai di miele
  • 50 gr di farina d’avena

Se non trovate facilmente la farina d’avena potete passare al frullatore i fiocchi d’avena. Miscelate con il miele, frullando leggermente se necessario. Usate un miele liquido in modo da facilitare l’operazione. Massaggiate il composto sul viso e risciacquate con acqua tiepida. Se ne avete preperato troppo potete conservarlo in frigo per un paio di giorni, in contenitore chiuso.

Scrub zucchero e yogurt

  • 1 cucchiaio di yogurt naturale
  • 1 cucchiaino di zucchero

Il più classico e il più rapido da preparare è lo scrub con yogurt e zucchero. Massaggiate con molta delicatezza visto che la grana dello zucchero è abbastanza grossa. Arrivate fino al collo. Risciacquate con acqua tiepida.

Scrub zucchero e olio di cocco

  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 100 ml di olio di cocco liquido
  • 1 cucchiaino di scorza di limone

Dopo aver grattugiato la scorza di limone unitela allo zucchero e all’olio di cocco. Se è solido basterà passare il flacone per un minuto sotto il getto dell’acqua calda. In alternativa potete usare olio d’oliva o di mandorle o un altro olio vegetale di vostra preferenza. Mescolate bene e applicate sul viso con un massaggio. Risciacquate come sempre con acqua tiepida. Questo scrub si può conservare abbastanza a lungo in barattolo di vetro non esposto a luce e calore.

Scrub argilla e miele

  • 1 cucchiaio di argilla bianca
  • 2 cucchiai di farina di riso
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • 1 cucchiaino di miele
  • ualche goccia di olio essenziale profumato (per esempio lavanda)

Passate al mixer tutti gli ingredienti meno il miele. Otterrete una polvere sottile da mescolare al miele e massaggiare sul viso. Potete conservare la polvere in eccesso in un barattolo di vetro e unirla di volta in volta al miele quando dovete usarla.

Scrub caffè e limone

  • 100 grammi di fondi di caffè
  • 200 grammi di zucchero
  • 3 limoni
  • 1 cucchiaio di amido di mais
  • Scorzetta di limone

Usate i fondi di caffè ancora umidi aggiungendo il succo dei limoni e l’amido di mais. Mescolate bene tutto e alla aggiungete zucchero e scorza di limone grattugiata. Questo scrub può essere utilizzato anche sul corpo, con un massaggio più energico rispetto al viso dove bisogna essere sempre molto delicati. Si conserva anche in frigorifero per un paio di giorni.

Continue reading

adidas Originals arrivano le nuove sneakers Tubular Shadow

Si chiama Tubular Shadow ed è l’evoluzione dell’iconica Tubular di adidas Originals. Appena uscita non abbiamo dubbi che diventerà un vero e proprio must have per la prossima stagione calda.

Adidas si è focalizzato su uno dei modelli di maggior successo nell’ultimo anno e l’ha rivisitato introducendo materiali premium come pelle naturale e tessuti, combinati con una struttura in maglia che garantisce comodità. Un modello essenziale che punta tutto sul comfort ed un’estetica minimale.

La silhouette risulta infatti assolutamente minimal e di conseguenza molto “elegante”.

Andiamo a scoprirla più da vicino: troviamo una tomaia in maglia piatta, accattivante effetto 3D con motivo a diamante, linguetta con design avvolgente per una calzata ottimale, cuciture a contrasto, confortevole fodera in tessuto, intersuola in EVA che offre ammortizzazione e leggerezza, cuscinetti in gomma nell’intersuola e per finire classica suola in gomma.

adidas Originals arrivano le nuove sneakers Tubular Shadow

Fra le proposte troviamo anche uno style pensato con tomaia asimmetrica in pelle premium sul lato esterno e tessuto knit bicolore su quello interno. Chiusura avvolgente con lacci riflettenti. Il design è rifinito con stelle traforate. I bordi scanalati della linguetta e della suola richiamano il look ispirato agli pneumatici delle Tubular originali.

adidas Originals arrivano le nuove sneakers Tubular Shadow

Per noi è si!

Continue reading

Valeria Marini, in arrivo la “stellare” linea di lampadari

marini linea di lampadari

Valeria Marini, dopo la sua linea di abbigliamento “Baci stellari Valeria Marini Couture” si lancia nel mondo del design inaugurando una linea di scintillanti lampadari.

Valeria Marini non finisce di stupire e dopo il lancio del suo brand Baci stellari by Valeria Marini Couture, inaugurato a Roma in estate, decide di accettare la sfida e lanciarsi nel mondo del design, firmando così la sua prima linea di oggetti d’arredo. L’idea nasce dalla collaborazione creativa con Cristian Raggi, titolare della Raggi Lampadari Creation di Sarezzo, il quale ha individuato nel gusto e nello stile di Valeria Marini, la persona giusta per una partnership che possa dare vita ad una splendida una capsule collection.

La società bresciana è specializzata nella produzione di lampadari, plafoniere, appliques e tutto ciò che riguarda il mondo dell’illuminazione domestica. Il prezioso contributo della showgirl consiste nella realizzazione di cinque linee di lampadari. Il patron della Raggi, Cristian dichiara: “Ci siamo incontrati a una cena, dove le ho donato una nostra creazione ed essendo rimasta molto colpita dal mio regalo è nata l’idea di creare prodotti ispirati allo stile effervescente di Valeria”.

I preziosi lampadari saranno in commercio da settembre, e distribuiti in tutta Italia; il logo sarà: Baci Stellari by Cristian Raggi. La collezione riesce a fondere la creatività dell’imprenditore e lo stile di casa Raggi con l’eleganza della linea di moda ideata dalla Marini. Raggi confessa infatti che: “Entrare nell’universo della moda è sempre stato uno dei miei sogni. Grazie alla lungimiranza di Valeria, con la quale abbiamo stretto un’intesa commerciale vantaggiosa, lo stile della Raggi Lampadari Creation raggiungerà anche questo mondo”. La Marini invece riguardo questa nuova avventura si dice entusiasta e in occasione dell’evento di presentazione racconta: “Ho sempre amato il mondo del design, e per me, oggi, grazie alla preziosa partnership con Cristian Raggi ho potuto realizzare la mia prima linea di oggetti d’arredo per la casa. Sono felice di poter avere la possibilità di entrare nelle case degli italiani con dei pezzi stellari!”.

valeria marini

Continue reading