Baking makeup: con questa nuova tecnica il make-up “cuoce”

Si chiama Baking (ndr. letteralmente “cottura”) ed è una nuova tecnica di make-up. Non si tratta di cuocere letteralmente il trucco, ma di applicare abbondante cipria traslucida in zone strategiche del viso e di lasciarla in posa per diversi minuti (da 10 a 30 in base all’effetto desiderato) su uno strato di correttore o illuminante, come se dovesse cuore. Il risultato? Un make-up a prova di imperfezioni, pori invisibili, incarnato impeccabile e lunga tenuta.

Almeno così garantisce il makeup artist Mario Dedivanovic che ha più volte utilizzato la tecnica su Kim Kardashian (chi altri sennò?). Sui social potete trovare alcune immagini di Kim in piena fase “di cottura”, che mostra fiera le zone del suo viso in cui la tecnica del baking è stata applicata.

A proposito di contouring: Bianca Balti e il selfie prima del contouring. Il trucco c’è e lei lo mostra

Anche in questo caso, come per contouring e strobing, si tratta di tecniche non da tutti i giorni e non semplici da realizzare per chi si limita ad un make-up quotidiano semplice ed ha poca praticità, ma se avete un’occasione importante in vista, provate a chiedere ad un truccatore professionista di utilizzare questa tecnica, potreste restare sorprese del risultato. Ma attenzione: la cipria, si sa, tende a seccare la pelle ed ad evidenziare le rughe!

kim kardashian baking makeup
beautyandthecity

Tagged , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.