Autoreggenti: perché sono un’icona dell’eros?

Autoreggenti

Le autoreggenti sono un simbolo di sensualità e femminilità, ma da dove arrivano? Quali sono le loro origini?

Le autoreggenti sono calze di nylon che terminano con una fascia circolare ed elastica a metà coscia a forma di balza. Sono una variante delle collant, che invece arrivano fino alla vita, ma sono considerate estremamente più sexy. Prima le autoreggenti non avevano la fascia ma erano sostenute da guepière e reggicalze. Dal 1987 si parla invece di “autoreggenti” ovvero “calze che si sostengono da sole”. C’è chi le indossa perché sono molto comode ed evitano l’elastico in vita e chi invece le trova scomode e “pericolose” (potrebbero allentarsi e scendere, cosa che determinerebbe un incidente imbarazzante).

PERCHÉ LE AUTOREGGENTI SONO COSI SEXY

Le autoreggenti sono sexy e iconiche perché mettono in rilievo la gamba, la slanciano e la rendono sinuosa. È un indumento che mette in risalto una zona del corpo femminile che ha sempre attratto l’immaginario maschile: in autoreggenti è il classico simbolo erotico della segretaria, dell’infermiera o di un’altra serie di figure sexy e protagoniste dei sogni maschili. Ma c’è un altro motivo per cui le autoreggenti rimandano a un immaginario di femminilità, iconicità ed eros. Non sono altro che la manifestazione contemporanea di una lunga tradizione di sensualità femminile.

LE DONNE E LE CALZE, UNA LUNGA STORIA

Le autoreggenti sono lo sviluppo moderno del reggicalze, un oggetto utilizzato da sempre dalle “prostitute vintage”, dalle ballerine del Moulin Rouge, dalle pin up e da tutti i simboli retrò dell’eros. Le autoreggenti quindi acquistano anche una componente nostalgica, che richiama un passato con il ruolo femminile molto più definito, e infiamma gli animi maschili. Ricordate Bettie Page o i vecchi film con Sophia Loren?

Autoreggenti

LEGGI ANCHE PONCHO AI FERRI O ALL’UNCINETTO: LE LAVORAZIONI PIU’ ESCLUSIVE

Photo Credits Pinterest

L’articolo Autoreggenti: perché sono un’icona dell’eros? sembra essere il primo su Velvet Style.


velvetstyle

Tagged . Bookmark the permalink.