Mariagrazia Ceraso si racconta a Blog di Moda: “toglietemi tutto ma non la penna!”

14522850_1389713944379557_247138427302758707_n

Mariagrazia Ceraso, blogger e giornalista, si racconta a Blog di Moda in un’intervista esclusiva che esplora il suo cammino verso l’affascinante e deciso mondo della moda.

1. Chi è Mariagrazia Ceraso?

Giornalista e blogger di Venus at Her mirror dal 2010 per amore, parlo di moda, lifestyle, viaggi, tendenze, bellezza, food; storica dell’arte di formazione (sono laureata in Beni Culturali); viaggiatrice e sognatrice senza limiti (mi concedo almeno 3 viaggi all’anno… sono in viaggio mentre rispondo a questa intervista). Questa è la mia descrizione in poche righe. Sono Mariagrazia Ceraso, ho 26 anni e vivo a Napoli.

14519888_1390662734284678_6196673637474476854_n

2. Come è nata e come si è stabilita la passione per la moda?

Credo che sia nata con me o che l’abbia ereditata da mia madre. Perfezionista e amante degli equilibri, è riuscita a trasmettermi questo suo amore per il bello anche nel campo dell’abbigliamento. Devo dire che tutto ciò che fa tendenza mi colpisce, quindi credo di essere un’appassionata di moda nel senso più ampio del termine. Amo analizzare i trend, scovarne di nuovi in tempo per poterne parlare prima che dilaghino, ma soprattutto mi piace riadattarli al mio stile personale, sempre molto eclettico e colorato.

14639856_1395207803830171_8367996748888173579_n

3. Quando è subentrata la scrittura?

Toglietemi tutto ma non la penna! Ho sempre amato leggere (leggo tantissimo e libri di ogni genere) e scrivere, non a caso ho portato avanti studi alla facoltà di lettere, anche se con indirizzo artistico (la moda non è sempre una forma d’arte?). Proprio per questo ho dato vita al mio blog, grazie al quale ho trasformato il mio hobby in lavoro. Con Venus at Her mirror sono cresciuta professionalmente e personalmente, ho avuto modo di essere la maestra di me stessa (sono completamente autodidatta e autonoma sul mio lavoro, in pratica, faccio tutto da sola), ho capito cosa vuol dire inseguire un sogno quando ce lo hai nelle vene e ho avviato importanti collaborazioni con marchi internazionali come Asos, Zalando, L’Oréal, New Look, TopShop, Dessange, Sephora, Bulgari, Asus, Ebay, Michael Kors, Stradivarius, Suzuki, Cosmoprof e tante altre. L’intervento più importante è stato qualche mese fa su Rai Uno: una mia grandissima soddisfazione.

14642412_1395744553776496_508621235773806167_n

4. Prima blogger, poi giornalista o prima giornalista, poi blogger?

Prima blogger all’età di 20 anni e poi giornalista, da quando ne avevo 24. Ho voluto completare il percorso diventando giornalista. Attualmente scrivo per Glamour, per Bigodino.it e per #3DMagazine, un bimestrale cartaceo. Con l’esperienza di redazione per un famoso giornale online, ho così imparato a trattare qualsiasi tema, dalla cronaca all’economia, passando per il costume e l’attualità. Devo dire che la politica non è ancora il mio forte, ma studio per migliorarmi: un giovane che non si interessa di politica, è il primo artefice della morte del proprio Paese.

14718614_1401253183225633_2047308485637354857_n

5. Ci racconti della collaborazione con Glamour.it

Collaboro con Glamour da qualche mese, principalmente come redattrice per il settore bellezza. E’ molto interessante lavorare per una testata così importante, anche perché riesce a coinvolgerti in molte iniziative ed eventi, che rendono il lavoro ancora più dinamico e formativo (a proposito, c’è una novità per la metà di Novembre…).

14650064_1410812802269671_9154015917372553804_n

6. Cos’è la moda e che ruolo possiede all’interno della società di oggi?

La moda è sperimentazione e conoscenza. E’ un felice connubio di sapere, essere e apparire. Perché non c’è capo d’abbigliamento o accessorio che non abbia una storia, uno studio, una follia alle spalle. E occorre rispettarla e prenderne atto. Oltretutto, la moda pervade qualsiasi cosa che ci circonda, dal caffè che beviamo al bar più in voga alla città del mondo più visitata, fino all’intonaco più steso sui muri delle case e la macchina più venduta tra i giovani. Tutto è moda, basta solo non farsi travolgere, prenderne l’essenziale e rivalutarlo in base al proprio stile e alle proprie abitudini. La moda è anche e soprattutto equilibrio.

14480612_1388101281207490_7717153180197349383_o

7. Aneddoti particolari.

Di recente mi è capitato di trovarmi sul treno verso casa e nel mio vagone c’erano tre ragazze. Guardavano sullo smartphone e facevano commenti molto carini su look e make-up di un account Instagram. Incuriosita e un po’ impicciona, mi sono affacciata a sbirciare e ci ho visto me! Con l’ansia che dicessero qualcosa di cattivo (e per fortuna non è accaduto, altrimenti credo che avrei pianto!), sono rimasta ad ascoltarle in incognita e sentire i loro apprezzamenti, i commenti su cosa avrebbero copiato per il look della sera e qualche ricordo che avevano di ciò che avevo scritto negli articoli passati, mi ha dato uno slancio ancora maggiore. Volevo semplicemente ringraziarle.

14237628_1359784517372500_3368991874682481769_n

Questo articolo Mariagrazia Ceraso si racconta a Blog di Moda: “toglietemi tutto ma non la penna!” è stato pubblicato per la prima volta da Roberta Comes su Blog di Moda.

Continue reading

Come non sbagliare look: a pranzo coi suoi genitori

fonte foto: www.mafab.hu

Come devo vestirmi?

Questa è una delle domande che ogni donna si pone in alcune occasioni particolari o eventi ai quali deve presenziare, ma è anche una vera e propria richiesta di autostima verso se stesse.

La domanda si acuisce poi se il nostro Lui ci invita a pranzo.
Questa volta però non si tratta di un pranzo normale, di quelli ai quali siamo solite, si tratta del pranzo coi suoi genitori.
Dubbi, perplessità, momenti di scarsa autostima misti a euforia, ci assale un senso di irrequietezza e angoscia paragonabile solo alla sensazione avuta durante l’episodio della morte di Marissa in O.C.

Impossibile comprare qualcosa di nuovo a poche ore dall’attesissimo primo incontro, bisognerà basarsi su quello che già si possiede nell’armadio.
Eppure, tra i tanti indumenti che siamo solite collezionare, nessuno sembra essere quello giusto.
Ecco qualche trucchetto per essere perfette sempre e comunque, ma soprattutto a pranzo coi suoi.

1. NON OSARE TROPPO

Se la prima impressione è davvero un passo verso un buon inizio, sicuramente bisognerà fare in modo che questa sia positiva.
Creatività non è sinonimo di estrosità, si può essere creativi anche senza profonde scollature e mini dress striminziti.
Meglio optare per un indumento del quale si è sicuri al cento per cento.
Inoltre, è opportuno che questo sia comodo per non avere a che fare tutto il tempo con un fastidioso senso di inadeguatezza che potrebbe rovinare una bella giornata e mostrarvi rigide.

2. PAROLA CHIAVE: FORMALE, NON PROFESSIONALE

L’obiettivo è fare in modo che non ci giudichino trascurate o trasandate, ecco perché potrebbe essere un’idea adottare capi formali.
Spesso, però, il termine “formale” viene confuso con “professionale”.
Ricordate che non dovete sostenere un colloquio di lavoro, ma pranzare con i genitori del vostro fidanzato.
Quindi sì a tubino, a camicie e giacche ma senza esagerare.
Non dovete indossare una divisa, ma scomporla in base all’occasione.

3. SCARPE COMODE

Che preferiate indossare i tacchi o un bel paio di sandali flat, fate in modo che siano di classe e che siano comodi.
Il pranzo prevede sedersi ma se si opta per una passeggiata come conclusione della giornata, sicuramente non sarete tranquille e a vostro agio al cento per cento con delle scarpe scomode.

4. GIOIELLI IN GIUSTA QUANTITA’

Collana, braccialetti, orecchini, anelli, orologio, sì ma non tutti insieme.
Siate sempre sobrie nell’accessoriarvi e fate in modo che questi non stonino con l’intero outfit o con la borsetta.
Il pranzo non richiede abiti da gala e grandi collier, bensì potreste optare per orecchini al lobo e orologio o braccialetto e anelli, o ancora collana e orologio.
Sappiate essere mutevoli ma ordinate in modo da presentare un outfit pulito e deciso.

5. SIATE VOI STESSE

Infine, l’ultimo dei consigli è quello di essere voi stesse, presentarvi per quello che siete.
Non nascondetevi dietro a vecchi cliché, esistono tanti modi educati e sereni di dire quello che si pensa senza contraddire nessuno e senza risultare sgarbate.
Vi apprezzeranno di più per la vostra buona capacità di riflessione che in una donna, o futura sposa del proprio pargolo, non guasta mai.

 

Dolce & Gabbana sull’isola azzurra di Capri per #DGMillenials

Tornano sull’isola nel golfo di Napoli gli stilisti Stefano Gabbana e Domenico Dolce per dar vita alla campagna pubblicitaria per l’estate 2017 #DGMillenials.

Saranno protagonisti assoluti i volti di alcuni figli d’arte, divi di internet, adolescenti mondani e star delle passerelle: i millenials appunto, ovvero ragazzi e ragazze nati tra gli anni Ottanta e il Duemila.
Tra questi Cameron Dallas, giovane personalità di internet conosciuta per le sue performance su Vine.
L’adolescente conta 16 milioni di follower su Instagram per un totale di milioni di visualizzazioni su altri social sites.

Una campagna totalmente incentivata dalla produzione social, insomma, ma non c’era da aspettarsi diversamente.
Già mesi fa, dallo scorso luglio, si pensava a loro come interpreti di una grande rivoluzione moda, attuata sul web attraverso l’ausilio di utenti attivi, capaci e consapevoli di postare l’evento più in voga del momento.

Stefano e Domenico sono fantastici. Sono eccitato per la mia prima volta a Capri“, ha ammesso Dallas prima di salpare verso la tanto attesa meta.

Il fotografo ufficiale della campagna sarà Franco Pagetti, lo stesso che ha immortalato la sfilata a Napoli qualche mese prima.
La collaborazione tra i tre sembra solidale e continua, Dolce & Gabbana riprende quello che aveva lasciato: il folklore, la musica, le bancarelle, la pizza napoletana, gli spaghetti in chiave glamour.
Un elogio all’Italia intera, quindi, che rimugina sugli aspetti più consolidati e tradizionali del calore italiano.

Tra i volti maschili Presley Gerber (figlio di Cindy Crawford), Gabriel Kane, Day Lewis, Luka Sabbat, Brandon Lee, Rafferty Law.
Tra quelli femminili Hailey Baldwin, figlia Alec e top model internazionale, e Zendaya Coleman, attrice internazionale. E ancora Sonia Ben Ammar e Thylane Blondeau, figlia del calciatore francese Patrick.

L’isola azzurra diviene così un set fotografico imponente e statuario nel quale il clima familiare dei curiosi e dei partecipanti esterni allo shooting fa di Dolce & Gabbana uno status symbol iconico e di Capri meta favorita con appeal internazionale.

fonte foto: https://www.instagram.com/camerondallas/
fonte foto: https://www.instagram.com/camerondallas/
fonte foto: https://www.instagram.com/camerondallas/

Continue reading

A Parma apre il primo Bed & Beauty firmato Aveda

<palazzo-gozzi_bedbeauty_02

Immaginate di alloggiare in un hotel, per piacere o per lavoro, di svegliarvi nel classico mood bad hair day e avere a disposizione uno staff di esperti hair stylist pronti a rimettervi a nuovo la testa. Nel centro storico di Parma può succedere se alloggiate a Palazzo Gozzi, dove ospitalità e bellezza si fondono per dare vita ad un nuovo concetto di hotel, il Bed & Beauty; si tratta di un albergo in cui si alloggia e si può usufruire di tutte le cocccole tipiche di un salone di bellezza che offre servizi dedicati alla cura dei capelli.

Un progetto unico nel suo genere voluto fortemente da Roberto Gozzi, affermato parrucchiere di Parma e ideatore di Bed & Beauty, in collaborazione con il brand AVEDA, nello storico quartiere “oltretorrente” di Parma, a pochi passi dal Parco Ducale. palazzo-gozzi_bedbeauty_04

palazzo-gozzi_bedbeauty_01ll Bed & Beauty consta di 5 suite su due livelli, diverse l’una dall’altra. I materiali sono ricercati, le luci soffuse e i colori decisi: un progetto architettonico concepito con la volontà di offrire agli ospiti un contesto di comfort e intimità e soparttutto un soggiorno “in bellezza”.palazzo-gozzi_bedbeauty_00 Continue reading

Antonio Marras alla Triennale, l’arte incontra la moda

fonte foto: gqitalia.it

Antonio Marras, lo stilista prima che l’artista o l’artista prima che lo stilista.
Fino al 21 Gennaio sarà entrambi alla Triennale di Milano che ospiterà i dipinti, le tele e i disegni realizzati negli ultimi vent’anni.
Antonio Marras: Nulla dies sine linea” è la sua prima antologica di opere che s’ispira alla famosa frase dello scrittore latino Plinio, ovvero “nessun giorno senza tracciare una linea”, senza possedere la giusta creatività per disegnare e tenere in mano una matita.

Un percorso visivo, quindi, alla scoperta di un uomo, una personalità, un ruolo assunto da Marras nel corso degli anni.
Il percorso espositivo è visionabile dal 22 Ottobre.

Il più intellettuale degli stilisti italiani“, così come viene descritto da molti, è l’esempio più vivo ed intenso di una moda conservatrice e tradizionale concepita non solo come mera fonte di scambio e mercato, bensì come oggetto culturale e di riflessione al quale attingere.
Intelletto e estetica si fondono fino a mescolarsi rendendo impercettibile la frattura che da tempo li divide.

LE IMMAGINI DELLA MOSTRA ALLA TRIENNALE DI MILANO

fonte foto: gqitalia.it

fonte foto: gqitalia.it
fonte foto: gqitalia.it

fonte foto: gqitalia.it
fonte foto: gqitalia.it

fonte foto: gqitalia.it

Continue reading