Mai dire mai

mai-dire-mai C’è dubbio, insicurezza, curiosità insensata, mai innocua, mai banale o scontata. Mai come “mai dire mai” che le amiche ci ripetono finita una storia con la delusioni,i ripianti, la voglia di chiudere una parentesi e gettarsi con i piedi leggeri, come se sfiorassero la sabbia e poi l’acqua del mare, in un’altra storia. Che chiodonon schiaccia chiodo, però aiuta a non pensare quanto meno. Con tutte le promesse del non ricascarci che vengono giurate e spergiurate. E con l’attesa che il portone si apra dimenticandosi della porta, facendo dei giri immensi per poi tornare sempre lì.

“Mai dire mai”, dicono le amiche. E hanno ragione. Perché poi finisce che tutte le promesse vengono rinchiuse in un cassetto chiuso a chiave da un semplice messaggio, uno sguardo, una serata a base di vodka e di vino bianco. Che quello che ci spinge a riprovarci con un ex è la sensazione di aver fatto tutto il possibile per una storia, più che per noi stesse.

(Una volta sola però, poi basta)

Ogni tanto una serata passata a casa ha quel che di straordinaria ordinarietà. Prendi un mercoledì, anzi un freddo mercoledì di fine ottobre, con l'euforia di tanti per Halloween alle porte. Di tanti tranne la mia. Una tisana e pantofole di pelliccia con leggins e maglione. Le gocciole e i cereali ai frutti di bosco nei contenitori trasparenti sul tavolo. Perchè tutto sia pronto per domani mattina a colazione. E un film. Che in televisione non è vero non ci sia mai niente da guardare che non sia X-Factor. Prendi su canale 5 questa sera "Quasi amici - intouchables". E, se non l'avete visto, lasciate perdere qualsiasi riferimento all'amore. Che noi siamo fissati con il romanticismo, non riuscendo a vedere, come se fossimo dietro a un vetro appannato, che ci sono altre emozioni e relazioni e questioni di cuore che vale la pena vivere. Vedi l'amicizia.

L’articolo Mai dire mai sembra essere il primo su Glamour Marmalade.

Intervista a Diego Della Valle: “il made in Italy può rilanciare l’Italia”

Intervista a Diego Della Valle: “il made in Italy può rilanciare l’Italia”

 

Per il numero celebrativo dei 75 anni di OGGI,  l’imprenditore Diego Della Valle ha affrontato il tema del made in Italy dicendo: «Il Made in Italy può dare un contributo fondamentale alla ripresa del Paese, perché è riconosciuto in tutto il mondo…”

“..A patto che ci sia un grande progetto legato alla valorizzazione delle belle cose che abbiamo da offrire, dai siti naturalistici al cibo, dalla qualità della vita alla ricchezza culturale, a città che sono opere d’arte a cielo aperto e al turismo… Ci sono investitori stranieri pronti a contribuire“.

Secondo quanto dichiarato a OGGI da Della Valle:

“Ci vorrebbe una sorta di Sportello Unico Governativo che accolga, valuti e smisti tutto quello che ruota attorno a questo grande progetto di rilancio del Made in Italy. Sembra laborioso, non lo è: le cose sono laboriose e difficili quando non ci sono idee e soldi. In questo caso, le idee ci sono e i soldi degli investitori stranieri sono pronti. Dobbiamo solo essere in grado di attrarli”

Vasco Rossi presenta il suo nuovo album: “Sono innocente”. In uscita il 4 Novembre

Vasco Rossi presenta il suo nuovo album: “Sono innocente”. In uscita il 4 Novembre

Il 4 Novembre, a 3 anni dal precedente album “vivere o niente” esce il nuovo album di Vasco RossiSono innocente“: quindici tracce, registrate tra Bologna e Los Angeles che vogliono rappresentare il mondo di Vasco, tra tradizionali ballate e ritmi più “indiavolati”.

Il brano che apre l’album recita così “Sono innocente ma qui qualcuno è sempre pronto a giudicare qualche incidente di gioventù che ancora mi fa male. Sparatemi ancora, così vedremo chi cade, chi perde, chi ruba”. Sembra proprio voler dire che, innocente o no, c’è sempre qualcuno che giudica i comportamenti e quindi non vale la pena preoccuparsi, farsi scalfire dai giudizi degli altri e impegnarsi solo a vivere.

Un artista è sempre innocente quando compone. Se anche non lo fosse l’uomo, lo è comunque la sua opera”, è così Vasco commenta l’album e aggiunge poi: “Questo brano è “uno sberleffo” che si muove tra ironia, vecchi rancori e nuove consapevolezze”. 

Vasco ha scelto il Medimex, il Salone dell’innovazione musicale di Bari, per presentare alla stampa il suo nuovo album “Sono innocente”. E’ stata organizzata una conferenza stampa, che ha monopolizzato tutta la prima giornata della kermesse: tra la proiezione di una parte del documentario “Ogni volta Vasco” realizzato da SkyArte HD, l’intervento di Guido Elmi, storico co-produttore del rocker di Zocca e la premiazione come miglior spettacolo dal vivo del 2014 del Live Kom ’014 è Vasco il vero protagonista del Medimex, che ammette di non amare le conferenze e si concede poco.

Non sono abituato a parlare in un palco davanti a così tanta gente. Di solito, io su un palco canto o a limite ballo”. Dice poi: “In “Sono Innocente” c’è il Vasco di ieri, di oggi e di domani”.

Sono quindici le tracce che compongono il diciassettesimo lavoro del rocker: dieci inediti, due bonus track e poi Dannate Nuvole, Cambia-Menti e L’Uomo più semplice (reloaded). E’ un album che cerca di rappresentare il mondo di Vasco nel suo insieme: sbalzi d’umore e i viaggi della mente di “Duro incontro”, l’amore che vive la giornata senza promettere di durare per sempre di “Guai”, il romanticismo spietato di “Accidenti come sei bella”, la malinconia consapevole di “Quante volte” o del “Blues della chitarra sola”: “Un fantastico blues viene giù da una chitarra sola/ è la vita che non viene più come veniva giù prima/ no di rimpianti tu non ne hai/ hai fatto tutto in fretta/ eri un tipo precoce e un po’ troppo veloce/ per un vita sola”.

Vasco parla di sè ma parla un po’ di tutti. Usa parole semplici nelle quali tutti i suoi fan riescono a immedesimarsi. “Questione di affinità elettive – dice Vasco riferendosi proprio al rapporto con i fan– e soprattutto del potere consolatorio del rock. Non ci si sente più soli e ci si ride un po’ su”.

Nessuna data certa per i prossimi live anche se Vasco dice di essere pronto a replicare il successo del Live Kom ’014:Sul palco sono il numero uno. Ho imparato a starci facendo molta gavetta. Quando ho iniziato avevo davanti gente che ascoltava canzoni delle quali non gli fregava un cazzo, dovevo convincerli”. Una continua sfida per Vasco che l’accetta volentieri.

Photo| panorama.it<br
/> Fonte| ilfattoquotidiano.it

#30cosedafare a 30 anni

#30cosedafare a 30 anni – Il vincitore – Per festeggiare il 30° compleanno di SEAT Ibiza, vi abbiamo chiesto la cosa più originale da fare a 30 anni, promettendo di realizzarla. MISSIONE COMPIUTA. SEAT Ibiza ha realizzato il desiderio di Daniel, il nostro vincitore.

X Factor 8: lo scontro tra Morgan e Luca Tommassini durante la seconda puntata

X Factor 8: lo scontro tra Morgan e Luca Tommassini durante la seconda puntata

Ieri sera è andata in onda la seconda puntata di X Factor 8 e abbiamo già iniziato a vedere i primi scontri tra giudici e “addetti ai lavori”. In particolare c’è stato un diverbio tra Morgan e Luca Tommassini. Il motivo? Il giudice ha dovuto eliminare uno dei suoi due gruppi andati in ballottaggio: i The Wise e i Komminuet. Un compito molto difficile per il giudice, che ha motivato così la sua scelta: “So che fa parte del gioco, ho deciso di stare al gioco nel vero senso della parola. So che ci sono giochi a carte coperte e scoperte, io preferisco quelle scoperte. Questa sera né voi né voi siete stati meritevoli del ballottaggio (indicando i gruppi). Sono stato politicamente molto corretto, non ho fatto me stesso, non sono stato sincero nei giudizi laddove avrei forse fatto notare molte stonature che non ho fatto notare. Non sbaglierò più come ho fatto questa sera a essere così carino nei giudizi e salvare chi non lo meritava. La scenografia ha fatto di tutto per ammerd*re l’esibizione dei Komminuet. Se volete lavorerò anche fuori da qua. Elimino i The Wise” Morgan è sembrato quindi particolarmente polemico nei confronti di chi si è occupato della scenografia, Luca Tommassini appunto. Quest’ultimo è quindi intervenuto dicendo: “E’ stata una settimana molto complessa. Sono stati cambiati otto brani durante il percorso. Marco sa benissimo che le mie intenzioni sono pure ma che come tutti commetto degli errori. Non voglio entrare nella polemica. Le mie intenzioni e le sue si sono incontrate per anni…” Cosa ne pensate? LEGGI QUI IL RIASSUNTO DELLA PUNTATA DI IERI SERA Fonte| tvblog.it<br /> Photo| daringtodo.com