"A cosa stai pensando?"

Che se potessi, io abolirei tre domande dalla vita di ogni persona:
1. “A cosa stai pensando?” 2. “Sei dimagrita?” 3. “Cos’hai?”.
Ripetuto – alla risposta “Nulla” – all’incirca 1000 volte
con un intermezzo di 1 secondo di pausa.
La noia.
If I could do, I’d like to delete three questions in the life:
1) “What are you thinking?” 2) “Have you lost weight?” 3) “What happens?”.
They are very boring.

Shirt: Persunmall
Top: Romwe
Clutch/borsa: Roccobarocco
Pappagallo: simbolo di eloquenza, di docilità e di esotismo.
The parrot is a symbol of the eloquence, the meekness and the exoticism.
Earrings/orecchini: Persunmall
Facebook//Bloglovin’//Twitter//Instagram
Pics by A. O. – Weheartit

Inventatevi un addio


L’amore, si sa, ha varie sfumature che portano a relazioni differenti. C’è chi sta insieme da anni, talmente tanti che neanche se li ricorda più. Con il rischio che lo stare insieme prenda il sapore dell’abitudine. Ci sono quelli travolti dal ciclone, che quando “non arriva mica t’avverte”. Quelli che a sposarsi ci hanno messo un secondo, lo stesso tempo che è servito ad altri invece per spogliarsi. C’è chi pronuncia “ti amo” ogni giorno, c’è invece chi preferisce il silenzio. Spesso, infatti, non c’è bisogno di parole. C’è chi non riesce a stare insieme ma si ama immensamente. Quelli che “La lontananza sai? E’ come il vento“. Ed invece c’è chi immortala ogni istante felice della propria relazione per poi condividerlo sui social. E solo loro sanno che agonia provano l’uno accanto all’altro nella realtà. Ostentare l’amore, infatti, è un po’ come sbattere in faccia i soldi. Ridicolo. C’è chi litiga e si lascia. Una, due, tre volte per una serie infinita di volte per poi ritrovarsi sempre. Quelli che stanno insieme per chissà poi perchè? C’è anche chi semplicemente si ama.
E poi ci sono gli amanti.

Se siete così le amanti, ricordatevi: lui non mollerà mai la sua fidanzata per voi. Non credete ai lunghi discorsi sulla crisi, alle promesse, alla serie infinita di messaggi, alle parole “la lascerò” che «prima che il gallo canti due volte, saranno rinnegate per tre volte», alle chiamate, ai regali, alle cene, alle notti insonni, ai fiori, agli anelli, al sesso che, cazzo, se non lo toglie il respiro e via dicendo. Nonostante tutte le storie che sentirete, l’unica e sola verità che dovrete raccontare a voi stesse è: siete una parentesi. Bella, spensierata ma pur sempre una parentesi.
Se volete proprio viverla questa storia, non sarò io di certo a dirvi che è sbagliato. Fatelo.
Senza però crearvi una dipendenza. E se può servirvi, alla fine dei giochi, quando lui starà ancora con lei, tornate indietro e inventatevi però poi un addio.
– Ed io odio gli arrivederci, figuriamoci gli addii.
Facebook//Bloglovin’//Twitter//Instagram
Pics by Weheartit.com

Miley Cyrus, scandalo agli MTV VMAs 2013 (video music awards)


Ha venduto l’anima al diavolo con il primo taglio di capelli. Miley Cyrus ha abbandonato gli abiti dell’innocente Hannah Montana, per vestire quelli provocatori sul palco degli Mtv VMAs 2013, gli oscar dei video musicali più belli dell’anno. La Cyrus si presenta in scena con pupazzi giganteschi e fino qui nulla di strano visto che ha poco più di 20 anni, con indosso un body argentato decorato con la faccia buffa di un orsetto ritratto mentre fa la linguaccia e l’occhiolino, ideato dall’artista newyorkese Todd “REAS” James. E nemmeno qui nulla in contrario se non fosse che lo spettacolo, in realtà, non abbia nulla di artistico ma sia una lezione di anatomia dell’artista al pubblico in sala. Imbarazzante. Per di più mimando scene erotiche con degli orsi giganteschi che magari sono meglio o meno pelosi di tanti uomini, non lo metto in dubbio, ma pur sempre peluche. E dopo la prima esibizione sulle note di “We can’t stop“, il suo ultimo singolo, mentre i presenti supplicavano il contrario – che lei e i pupazzi si fermassero – il passaggio ad una mise molto più audace: in lingerie di latex color carne che la fa sembrare nuda. Ed in quel momento tutte noi abbiamo rimpianto Anna dello Russo vestita di pelle nera per il suo “You need a fashion shower”. Inizia così un duetto con Robin Thicke che non lascia nulla all’immaginazione (e non mi riferisco all’aspetto canoro). Per una performance che ha fatto impallidire anche Lady Gaga e che entrerà di sicuro negli annali. Del trash.

Miley Cyrus, Lindsay Lohan, Britney Spears ed ancora Demi Lovato, gli idoli delle teen-agers di ora, è bene che siano per i tanti giovani degli esempi. Esempi sì, ma da non seguire.
E la cosa da notare che sono tutte provenienti da una scuola: Walt Disney.
Dopo anni così mi viene un dubbio sulla scritta iniziale di ogni cartone e film “Esigete sempre e solo videocassette originali Walt Disney home video”. Il rischio, vista la mancata autenticità del cartone, potrebbe essere quello di avere poi delle figlie che seppur giovani, non è che credono alle favole, ci rimangono incastrate, incatenate in quelle stesse fantasie, in quella stessa finzione? Come Cyrus, come Lohan, come Lovato?

Agli Mtv VMAs 2013 non sono però mancate delle conferme in fatto di stile. La più elegante è senza dubbio Selena Gomez in Atelier Versace a riprova che l’età conta poco quando c’è di mezzo il fascino e il buon gusto. Non si smentisce nemmeno Rita Ora in Alexander Vauthier che riesce ad indossare allo stesso tempo la complessità e la ricercatezza dell’abito ad un make up semplice per un risultato impeccabile. Crystal Reed magnifica nel lungo vestito di Zac Posen. Ed, infine, Joan Smalls in Viktor e Rolf. Poi dicono che le modelle non hanno problemi: pensate a quella che lo ha indossato per la scorsa sfilata della collezione A/I 2013-2014 quanti complessi si farà nel vederlo così perfetto alla Smalls.


Rita Ora
Selena Gomez
Joan Smalls
Facebook//Bloglovin’//Twitter//Instagram
Pics by Mtv – Google Image
.

MOMODESIGN lancia la linea Tracks di borse

MOMODESIGN lancia la linea Tracks di borse


Borse interamente realizzate con un materiale originale, morbido ed elegante, il piumino in nylon. Modelli dalle forme essenziali e dal carattere deciso definito da una una zip nera e rossa che chiude una funzionale tasca frontale. Accessori pensati per un pubblico trasversale e unisex.

(foto in alto) Postina, minibag compatta con due bottoni magnetici sulla patta frontale e tracolla regolabile. Disponibile in nero e grigio. Prezzo: 69,00 euro


Messenger, modello capiente con tasca interna porta computer e batta frontale con bottoni magnetici, adatta sia per il business che per il travel. Disponibile in nero e grigio. Prezzo: 99,00 euro


Borsone, over bag chic e leggera, con diverse tasche intere, ideale per un weekend o per l’attività sportiva. Prezzo: 149,00 euro

In bianco e nero.

Bianco come il latte, nero come la notte.
Bianco come le pagine di un quaderno ancora da riempire.
Nero come il kajal.
Bianco come le Calle.
Nero come 219 Black Satin di Chanel Le Vernis.
Bianco come i pizzi di Dolce&Gabbana.
Nero come un abito Lanvin.
Bianco come il colore preferito da bambina.
Nero come le prime Converse.
Bianco come il Philadelphia e la panna montata.
Nero come le lacrime sporche di matita che cadono lungo la guancia.

– E potrei così continuare all’infinito.

Top: Romwe
Pants/pantaloni: Risskio
Clutch/pochette: Love Moschino
Facebook//Bloglovin’//Twitter//Instagram
Pics by A. O.