Scarpe

Ci vorrebbero semprescarpe giuste per ogni occasione.

Per essere all’altezza e nascondere le nostre insicurezze. E fragilità.
Che si perdono tra mille pensieri in testa.

Ce ne dimentichiamo quasi, assorte tra la quotidianità

e la ripetizione di gesti a volte frivoli ed inutili.

Ci vorrebbero sempre scarpe giuste per ogni occasione.
Che siano
Converseo décolleté con plateau, che sianoUggo tronchetti
che siano bianche o colorate, non conta.
Basta semplicemente indossarle per sentirsi perfette, a tratti migliori.
Ah dimenticavo, non scordatevi di indossare il sorriso.

Quello più vero. Quello più sincero.

Facebook//Bloglovin’//Twitter//Instagram
Pics by Google Image – Weheartit – Pinterest – Fashion blogger

Le borse fatte a mano di Bakarà

Mi ha sempre affascinato il mondo dei fashion designer emergenti.
Soprattutto se giovani, con i loro sogni e la voglia di realizzarsi. Senza presunzione, ma semplicemente con la passione che li spinge a cercare nuove forme ed idee per dare così vita ad una creazione del tutto originale ed unica, di qualità. Sempre attratta soprattutto dall’artigianalità e da quella tradizione che ha reso il Made in Italy famoso in tutto il mondo. Conoscere Federica Garofalo è stata così una magnifica sorpresa. Capace di trasmettere la sua passione attraverso i tessuti e le stoffe, i bozzetti e gli schizzi, è riuscita ad ideare con sua sorella delle borse fatte a mano in cui la tradizione artigiana si intreccia con la creatività. Continue reading

Sparatoria palazzo Chigi, più che disperazione lucida e fredda pazzia

Piazza Colonna.
Sparatoria davanti palazzo Chigi.
Sento dell’accaduto dalla radio.
Poco dopo accendo la televisione e guardo i tg e cerco di capire quello che è successo.
Poi i talk show in cui si accusa la politica (qualunquisti), si giustifica il gesto con la disperazione (populisti), dimenticando i feriti. Una passante,una donna incinta che si trovava nella zona con il marito ed il figlio,probabilmente colpita da una scheggia vagante al braccio. E due Carabinieri. Uno ferito alla gamba, Francesco Negri, 30 anni. Uno alla gola, il brigadiere Giuseppe Giangrande, 50 anni. Subito le sue condizioni sono apparse gravi ai medici. Si parla di una «importante lesione alla colonna vertebrale cervicale» dovuta al proiettile entrato nel collo. In poche parole, rimarrà paralizzato. Lui che solo pochi mesi fa ha subìto un grave lutto: Giangrande ha perso la moglie.
Così alle 11 in una domenica di primavera non qualunque ma nella mattina del giuramento del nuovo Governo guidato da Enrico Letta al Quirinale, un uomo, Luigi Preiti, spara contro la schiera delle Forze dell’ordine. Sei colpi in una piazza affollata. Continue reading

Collant e calze, istruzioni per l’uso

Collant e calze, istruzioni per l’uso. Diffido delle persone. Soprattutto di quelle che parlano troppo, che mangiano solo insalata verde e che indossano calze. Color carne dico.
Che non concepisco in inverno, figuriamoci in primavera.
– E poi molte di voi donne che le indossate, che siate fashion blogger o che non abbiate invece blog di moda, ammettetelo che il più delle volte le odiate anche voi, anche se contenitive. E non tiratemi in causa il freddo che i collant a temperature glaciali servono a poco, se non a nulla. Eventualmente, poi, potete indossare i calzoni no?
Gli unici modelli di collant ammessi sono, perciò,
1. Parigine, sempre sensuali.
2. Calze nere, meglio se autoreggenti (la scusa del cadono non regge mica)
3. Calze nere con fantasie varie (con stelle o pois dovrebbero essere in ogni nostro armadio per legge).
(Da escludere, rigorosamente e a priori, quelle colorate. Tanto infantili, quanto orrende).
Al di fuori di queste tre categorie, evitate i collant e fate come me.
Senza calze anche in inverno.
(E con l’influenza poi. Ma è un dettaglio no?)
Vestito/Dress:SheInside
Borsa/Bag: Zara
Scarpe/shoes: Converse
Socks: Red-Sox Appeal
Photographer: RiccardoRuspi Continue reading

Flavia Vento, twitter, il sesso e la ricerca di lavoro

Flavia Vento, twitter, il sesso e la ricerca di lavoro.Non ce la passiamo bene. Questa Italia si reinventa ogni giorno tra un vaffanculo urlato di Beppe Grillo e gli applausi in Parlamento per le dimissioni di Pier Luigi Bersani (e non erroneamente come avete pensato per il presidente della Repubblica rieletto per la seconda volta consecutiva, Giorgio Napolitano). E quando il primo degli italiani nella classifica delle cento persone più influenti del mondo secondo il settimanale statunitenseTime, è il giocatore del MilanMario Balotelli, ancor prima di un altro Mario (Draghi, presidente della Banca centrale europea ndr), c’è da riflettere. In tutto questo marasma, in questa situazione difficile e complicata, quando pensavamo che il peggio fosse destinato ormai a finire, ecco che si capisce il senso della frase “aver raschiato il fondo”. Perché tra centinaia e centinaia di voci, quella cheBarbara D’Ursodecide di ascoltare è quella diFlavia Ventoche torna disperata in tv tra gli applausi del pubblico in studio diDomenica Live, spero pagato per farlo. Continue reading